AREA

NEWS

 

 Notizie FotoNotizie
 VideoNotizie AudioNotizie

  

 
 

Raccolta differenziata dei rifiuti

E

A Casoli è necessario che la raccolta differenziata raggiunga il 35%

L'Amministrazione comunale, rende noto che è attivo un "Numero Verde" per richiedere gratuitamente la raccolta domiciliare di rifiuti costituiti da beni durevoli-ingombranti e grandi quantità di carta, plastica e vetro.

Sono 9 i comuni che nel 2005 hanno raggiunto o, in alcuni casi, anche abbondantemente superato il 35% di raccolta differenziata.
Nella provincia di Chieti è Orsogna il Comune dove si ricicla di più, con il 59,2% di raccolta differenziata (leggi). Segue Fara San Martino con il 49,6% (leggi).
Sono i comuni di dimensione media (quelli con popolazione tra i 5.000 e i 15,000 abitanti) a trainare, con una media del 24%, mentre i comuni con oltre 15.000 abitanti, si attestano su una media del 13%, inferiore al 16% raggiunto dai comuni con meno di 5.000 abitanti.

Da un rapporto della provincia di Chieti, risulta che la raccolta differenziata più importante è quella degli avanzi di cibo: circa 9.000 tonnellate sono state trasformate in concime nell'impianto di compostaggio del Consorzio "Civeta", a Cupello. Nonostante questa raccolta si faccia in soli 23 comuni su 104 (e in alcuni casi in piccole parti delle città), sono stati riciclati 23 chilogrammi per ogni abitante della provincia.  La seconda raccolta differenziata è quella della carta e del cartone, che si fa
in 93 comuni: con una media di riciclaggio di 20 chilogrammi per ogni abitante della provincia.
La raccolta del vetro (che pure è la più classica e diffusa) si fa in 96 comuni ed ha portato al riciclaggio di 12 chilogrammi per abitante.

Chi ha riciclato di più?

- Avanzi di cibo: Cupello, con circa 163 chilogrammi per abitante;
- Avanzi di cibo ma con il compostaggio domestico: Rocca San Giovanni, con circa 12 chilogrammi per abitante;
- Carta e cartone: San Giovanni Teatino, con 126 chilogrammi per abitante;
- Vetro: Fara San Martino, con 48 chilogrammi per abitante;
- Plastica: San Giovanni Teatino, con 22 chilogrammi per abitante;
- Metalli: Arielli, con 110 chilogrammi per abitante;
- Frigoriferi: Poggiofiorito, con 4 chilogrammi per abitante.

La Provincia intende affrontare il problema che riguarda i comuni minori e soprattutto quelli montani (52 comuni sui 104 della provincia hanno meno di 1.500 abitanti) con la sperimentazione di un sistema integrato di gestione dei rifiuti basato sulla Stazione di compostaggio di comunità, che sono stati già avviati nel Comune di Treglio e sono prossimi a partire nel Comune di Palombaro e in quello di Torrebruna.

Raccolta differenziata a Casoli

"Facile come bere un bicchiere d'acqua" era lo slogan che accompagnava la prima campagna d'informazione per il nuovo servizio di raccolta dei rifiuti avviato dal 9 Giugno 2003. Questo nuovo tipo di servizio, all'inizio suscitò non poche polemiche da parte dei cittadini, soprattutto anziani, poichè difficilmente ad una certa età si riesce a cambiare da un giorno all'altro un'abitudine ormai consolidata da anni. In una classifica della raccolta differenziata dei rifiuti divulgata dalla "Agenzia Provinciale per l'Informazione sulla Gestione dei Rifiuti", Casoli è al il 16° posto con  il 25,7% per l'anno 2005 contro il 27,5% dell'anno 2004, una perdita del 1,8% dunque (probabilmente dovuto ad una cattiva campagna di sensibilizzazione), che ci allontana ancora di più dai benefici previsti dall’attuale normativa (riduzione dei costi di smaltimento dei rifiuti indifferenziati) pur rimanendo uno dei comuni con una percentuale di raccolta che supera la media del 24%. Non dimentichiamoci che i Comuni più attenti al riciclo, vengono sempre in qualche modo premiati e agevolati dalla Regione (leggi).

Calendario Raccolta Rifiuti

Rifiuti classificati “umido” e “secco”
Nel centro urbano di Casoli e in C.da Quarto da Capo, Via San Salvatore, C.da S. Agostino, C.da Selva Piana è in funzione il servizio di ritiro dei predetti rifiuti utilizzando il sistema “porta a porta” secondo il seguente calendario:
umido: Lunedì - Mercoledì - Giovedì - Sabato
secco: Martedì - Venerdì
Si ricorda che i rifiuti classificati “umido” sono da riferirsi ad avanzi di cibo, scarti vegetali, rifiuti organici in genere, etc. Mentre i rifiuti classificati “secco” sono quelli che non rientrano nella classificazione “umido” o in quella “differenziati”, quindi non riciclabili e devono essere conferiti necessariamente in discarica ordinaria.

Rifiuti classificati “beni durevoli” - “ingombranti”
Sono da riferirsi a frigoriferi, surgelatori, congelatori, condizionatori d’aria, lavatrici, lavastoviglie, materiale ferroso, televisori, computer, suppellettili, mobili, etc.
Per questi rifiuti, è in funzione un servizio di raccolta domiciliare del quale si puo’ usufruire gratuitamente telefonando al  Numero Verde 800.410.644, il ritiro avviene il 2° e 4° martedì di ogni mese.

Carta, plastica e vetro
Sul territorio sono posizionate n. 60 isole ecologiche presso le quali è possibile conferire i rifiuti differenziati di cui sopra, i quali sono ritirati con cadenza settimanale.
Chiunque abbia necessita’ di disfarsi di grandi quantita’ dei rifiuti predetti, puo’ prenotarne il ritiro gratuito direttamente presso il proprio domicilio telefonando al Numero Verde 800.410.644

Il Comune, invita tutta la cittadinanza ad un maggiore impegno nell’effettuare la differenziazione dei rifiuti conferiti, ed a sensibilizzare parenti ed amici, affinché il traguardo del 35% di raccolta differenziata possa essere raggiunto e superato, al fine di  poter contenere la T.A.R.S.U. agli attuali valori.

Salva questo numero sul tuo Desktop !

Per informazioni sulla gestione sostenibile dei rifiuti visitare il sito www.ecosportello.org

Inserito da Redazione il 14/10/2006 alle ore 23:45:09 - sez. Ambiente - visite: 4639