AREA

NEWS

 

 Notizie FotoNotizie
 VideoNotizie AudioNotizie

  

 
 

Il Comune di Casoli riconosciuto come 'Virtuoso'
Questo riconoscimento, avuto insieme ad altri 142 comuni d'Italia, l'unico riscontrato in Abruzzo

Il Comune di Casoli riconosciuto come 'Virtuoso'

Il Comune di Casoli è stato riconosciuto comune "Virtuoso" insieme ad altri 142 comuni italiani; è rientrato in questa speciale classifica nazionale fra tutti quelli che hanno una popolazione che conta più di 5.000 abitanti e soggiacciono al patto di stabilità interno; il risultato è già di per se straordinario, ma lo è ancora di più per Casoli, perchè è l'unico comune in Abruzzo ad aver avuto questo riconoscimento (per approfondire leggi il documento).

"Questo risultato che ci riempie di orgoglio e soddisfazione - dice il Sindao di Casoli Sergio De Luca - è stato ottenuto per una conduzione delle attività dell'ente volto al rispetto di tutte le regole che sono state prese in considerazione per l'anno 2010, grazie all'attività dell'amministrazione e del responsabile degli uffici finanziari del Comune dott.ssa Giuseppina Verna.
In realtà i benefici che ne derivano sono importanti si, perchè semplificheranno la gestione del bilancio nel 2012 in quanto il Comune ha ottenuto di poter avere un saldo pari a zero, al contrario della situazione molto più critica rispetto a prima e analoga ai comuni non virtuosi
."

"Però a mio avviso, - continua De Luca - è poca cosa se si pensa alla ingente disponibilità di risorse di oltre € 1.200.000 di avanzo di cui disponiamo, che però non possiamo mettere a disposizione dei nostri concittadini realizzandoci le opere che abbiamo già previsto e si potranno prevedere in futuro.
Io mi unisco a quanto richiedono tutti i comuni d'Italia per il tramite dell'ANCI che ha anche certificato che i comuni dispongono di 35 mld di euro cash per finanziare e realizzare infrastrutture per cifre pari a quelle somme, ma per il rispetto del patto di stabilità interno, sono tutti bloccati; situazione che fa ridere se si pensa alla fame di sviluppo, ripresa e occupazione che il paese sta chiedendo in questo momento di grave recessione; dire che è un paradosso è dire proprio poco."


"Io - conclude il primo cittadino - resto un accanito sostenitore della proposta, che nell'ambito del rispetto del patto dell'Italia con l'Europa e del rispetto del 3% del limite defit/Pil; gradirei che l'obiettivo si raggiungesse consentendo di spendere queste risorse è non occupare quel rispetto con le spese per le "grandi opere", che spesso devono essere ancora finanziate ed hanno una ricaduta localizzata sull'area dell'intervento e non a contrario su tutto il territorio italiano se si consentisse a tutti i comuni di investire le risorse di cui già dispongono.
I governi che si susseguono, prima politici ed ora tecnici non vogliono capire l'importanza e la necessità di fare gli interessi dei cittadini e non dei grandi poteri economici e finanziari."

Inserito da Redazione il 25/05/2012 alle ore 09:38:34 - sez. Comune - visite: 3761