AREA

NEWS

 

 Notizie FotoNotizie
 VideoNotizie AudioNotizie

  

 
 

A nu paése vecine... Il primo CD dei Zarrafolk
Registrato presso i "Gentili", tra i resti dell'antica città di Cluviae nella contrada Piano Laroma di Casoli

Il prossimo V-day si terrà il 25 aprile del 2008

I brani

"Lu scicche d'Arche", un brano che ritrae l'atmosfera delle feste paesane; "Lu piande de le fòje", un brano che descrive l'atmosfera dell'autunno e gli umori dei contadini;  "La callarèlle", un'ironica metafora sul duro lavoro del muratore, occupazione di tanti emigranti abruzzesi in Italia e all'estero; "L'acquabbèlle", una bella canzone scritta da De Titta rivisitata in chiave "arabeggiante"; "N'de dà scurdà", canzone d'amore; "Me ne vaje a lu Senegal", un brano per riflette sull'emigrazione come fondamentale scambio culturale tra popoli diversi; "Lu Reggae", il pezzo che meglio rappresenta la scelta di cantare canzoni nel nostro dialetto con la cadenza della musica reggae mista al folk, al rock e allo ska;  "Lu setacce", omaggio a Nduccio che con ironia pungente ha saputo raccontare la drammatica realtà (di qualche decennio fa) di alcuni nostri contadini.

I componenti

Massimo Angelucci (voce), Paolo D'Angelo (voce e basso elettrico), Mimmo De Iuliis (batteria e percussioni), Fiorindo Ricci (fisarmonica, tastiere e voce), Romeo Ricci (chitarra elettrica, chitarra acustica, violino e "voci"), Donato Scoglio (congas, timbales, djambe, tamburello). Ospiti speciali: Vincenti Naobly alle percussioni in "Me ne vaje a lu Senegal" e "Lu reggae", Giacomo Ramondo al basso tuba in "Lu scicche d'Arche" e "La callarèlle".

Per contatti o informazioni varie: 349.6599929 (Paolo) - 333.6330857 (Romeo)

Inserito da Redazione il 28/10/2007 alle ore 12:45:11 - sez. Musica - visite: 4905