AREA

NEWS

 

 Notizie FotoNotizie
 VideoNotizie AudioNotizie

  

 
 

Ospedale, il Comitato Civico torna a far sentire la propria voce
Il Comitato denuncia la reale situazione del nostro nosocomio segnalando altri tagli di interi reparti che mettono in ginocchio ulteriori servizi

Ospedale, il Comitato Civico torna a far sentire la propria voce

"Da qualche tempo non abbiamo fatto sentire la nostra voce sulla situazione sanitaria della Asl Lanciano-Vasto e certamente non perché siamo soddisfatti! - dice in una lettera del 18 giugno 2008 il Comitato Civico per la difesa dell'Ospedale di Casoli - Infatti non passa giorno che non apprendiamo dai giornali le quotidiane vicessitudini non troppo edificanti della sanità abruzzese!
Il famoso ripiano dei debiti tanto strombazzato dal Presidente Del Turco è miseramente naufragato e così pure tutta la prosopopea dei vari attori principali di questo fallimento a cominciare dal Direttore dell’Agenzia Regionale, all’Assessore alla Sanità,ai vari Managers superpagati delle Asl!!
Siamo arrivati alla richiesta di ulteriori dilazioni del debito da parte del Presidente Del Turco che, per farsi ben accogliere dai nuovi rappresentanti di Governo, non ha esitato un solo istante a ricorrere all’intercessione dell’onorevole Gianni Letta, magari invocando la Sua ben nota abruzzesità per salvare la nostra Regione dal commissariamento della Sanità!!!
In attesa di questo salvataggio temporaneo,
- continua il Comitato - sempre se ci sarà, non ci risulta buono il virtuosismo dei vari Manager!
Nella Asl – Lanciano-Vasto il Manager continua ad espletare concorsi per personale amministrativo nonostante vi siano denunce di illeciti e pur di raggiungere il proprio scopo non si fa specie a ricorrere alla Guardia di Finanza!
Vorremmo tanto dire,a questo signore, che la prima manodopera di cui ha bisogno un ospedale è il personale medico e paramedico.
A Casoli dal 1° luglio mancherà un altro tecnico di Radiologia così pure il Laboratorio Analisi, con il pensionamento di un altro tecnico, rimarrà con una sola unità in servizio!!
Ecco questo è il personale che va rimpiazzato, cioè quello che manda avanti un ospedale!
A Casoli sono stati tagliati interi reparti -
conclude il Comitato Civico - ora si stanno mettendo in ginocchio anche i servizi! Se per esempio la Dialisi ha bisogno di un esame urgente di coagulazione si dovrà mandare un corriere a Lanciano e poi aspettare il ritorno? Oppure dobbiamo aspettare che il carrozzone della salute venga alla piazza di Casoli ad eseguire prestazioni magari come nel lontano”far west” proponendo lozioni e pozioni di elisir di lunga vita!"

Il nuovo assetto dell'ospedale presentato da Caporossi

"Dal "Il Centro" del 27-06-2008 - dice in una seconda lettera il Comitato Civico per la difesa dell'Ospedale - apprendiamo che il Manager della ASL-Lanciano-Vasto dott. Caporossi ha illustrato ai Sindaci il nuovo assetto dell’ospedale di Casoli, che avrà più servizi,sarà punto di riferimento per le aree interne ed un unico grande polo della salute.Da quel che ci è dato capire ci sarà una ridistribuzione dei locali in quanto verrà inserito,nell’ospedale, il Distretto Sanitario così da un lato si cercherà di riempire una scatola vuota e dall’altro si abbandonerà a se stesso un edificio nuovo alla faccia di tutti i soldi costati alla Comunità.Magari sarà svenduto al minor offerente per acquistare qualche attrezzatura che certamente non sarà utilizzata per l’ospedale di Casoli!
Al piano terreno ci sarà il punto di primo intervento che ci si ostina a chiamarlo così solo perché il Pronto Soccorso dev’essere smantellato e forse sostituito da ambulatori (utap) di assistenza primaria affidata a medici generici associati che assicurerà la presenza di un medico dalle ore 8 alle 20.
S'è parlato di Dialisi, Radiologia, ma del Laboratorio Analisi?? Questo significa potenziare i servizi?
Al 1° piano ci sarà la Day Surgery e Day Service, quest’ultima non ben specificata .
I ricoveri tradizionali, ma quali? saranno allocati al 2° e 3° piano come Lungodegenza, Riabilitazione, Medicina e Geriatria e questi due ultimi saranno totalmente dismessi al 31-12-2008 come sancito dal Piano Sanitario Regionale!!
Aver incassato la fiducia dei Sindaci del territorio? A noi sembra veramente ridicolo che siano state tenute fuori le solite voci dissenzienti di alcuni Sindaci non allineati e del Comitato Civico pro Ospedale che da sempre ha denunciato il continuo stillicidio del personale medico e paramedico mentre il Manager si ostina pervicacemente ad assumere personale amministrativo (vedi concorso in atto!!)
La conferenza del Manager
 - conclude il Comitato - è il solito battage pubblicitario per gettare solo fumo negli occhi della gente.
Avrebbe fatto meglio, il dott. Caporossi, a spiegare meglio, ai suoi due interlocutori più attenti (il Sindaco di Casoli ed il Presidente della Comunità Montana) le condizioni precarie in cui versa l’Ospedale di Casoli.
Avrebbe dovuto dire che il Pronto Soccorso manca di personale per ricoprire i turni, la Dialisi è rimasta con un solo medico, il Laboratorio Analisi è rimasto con un solo tecnico, la Radiologia è in difficoltà per  per il trasferimento di un altro tecnico Radiologo e con quale criterio parla di posti di Geriatria e di Medicina quando il Piano sanitario Regionale non ne prevede a Casoli?! Ed allora, perché fare tanti concorsi per amministrativi se è il personale tecnico e medico quello che manca?
Tutte queste cose, noi ed il Comitato, le abbiamo sempre dette e le denunceremo sempre all’opinione pubblica anche se questa è la sola azione che giuridicamente ci è permessa!!"

La Giunta Regionale paralizzata per l'arresto di Del Turco

"Da alcuni giorni - continua nell'ultimo comunicato il Comitato Civico - la Giunta Regionale è paralizzata per l’arresto del Presidente del Turco, Quarta, Cesarone, Boschetti mentre Mazzocca, Domenici, Di Stanislao sono agli arresti domiciliari. L’accusa è stata sporta da Angelini, proprietario della Clinica Villa Pini,che si è dichiarato stanco di pagare tangenti ai politici (circa 16 milioni di euro!) provocando un vero e proprio scossone giudiziario nei confronti della Regione Abruzzo!!
Ora tutto è nelle mani della Magistratura e noi attendiamo, fiduciosi, che venga fatta chiarezza!!
Ma, senza fare sciacallaggio, permetteteci una semplice domanda: se risultasse vera tutta questa girandola di milioni e milioni di euro, non sarebbe giusto che gli ospedali recriminassero tutto quello che, a loro, è stato tolto?"

Comunicato Stampa Dott. Pierliuigi Natale (Presidente del Comitato Civico per la difesa dell'Ospedale di Casoli)

Inserito da Redazione il 01/08/2008 alle ore 16:36:10 - sez. Ospedale - visite: 3596