AREA

NEWS

 

 Notizie FotoNotizie
 VideoNotizie AudioNotizie

  

 
 

Alla carezza di Stato, preferisco il Congresso Mondiale!
Noi disabili gravi, preferiamo impegni concreti dal Governo

Alla carezza di Stato, preferisco il Congresso Mondiale!

di Severino Mingroni (locked-in e Consigliere Associazione Coscioni)

Da circa tre mesi ho l'adsl. Il computer ogni tanto non si riavvia più da solo: in compenso però, delle volte, si blocca a lungo la connessione ad Internet. Il problema è che senza Internet non posso più comunicare col mondo esterno, e non solo. E come si può immaginare non è un fatto da poco. Tuttavia dal 5 al 7 marzo scorso, fortunatamente, la connessione ad Internet è stata continua (stranamente). Di conseguenza, in quei tre giorni, ho potuto vedermi in pace, in diretta da Bruxelles su radioradicale.it, il secondo incontro del Congresso Mondiale per la libertà di ricerca. Fortuna che c'è RR -anche sulla Rete - perché, di tale secondo Congresso Mondiale, non ho sentito parlare nei vari TG, pure se vi hanno conferito, tra l'altro, donne e uomini di scienza, alcuni premi Nobel, tre ministri di diverse nazionalità, e molte altre personalità. Eppure, proprio in quei giorni, sui media, si è tanto parlato di Barack Obama, Presidente degli USA, che, firmando un ordine esecutivo il 9 marzo successivo, avrebbe revocato i limiti sui finanziamenti federali per la ricerca sulle cellule staminali embrionali, limiti voluti e imposti dal suo predecessore. Del secondo Congresso Mondiale, gli Italiani non hanno saputo nulla. Però, hanno saputo dell'ordine esecutivo di Obama. Domanda: ma non si tratta sempre di libertà di ricerca scientifica? Certo che Si, ma i Radicali devono essere oscurati perché dicono addirittura: "e ora lotta di liberazione democratica dell'Italia dall'infame regime partitocratico". Quindi, se non fossi stato un locked-in informatico, avrei continuato pure io, come molti ma molti Italiani, a non conoscere così bene i Radicali da aspirare ad essere un Radicale. In compenso, avrei visto in televisione quello che vi ho visto l'11 marzo scorso all'ora del mio pranzo, quando abbandono temporaneamente il computer: al tg2 delle 13, tra stupri, omicidi, incidenti mortali e qualche notizia politica, vedo il mio compagno di sventura Giampiero Steccato di Piacenza che, in Vaticano, riceve una carezza dal Papa! Sempre dal tg2, vengo a sapere che, Giampiero, è stato portato a Roma da un aereo dello Stato italiano - la giornalista parlava addirittura di un aereo della Presidenza del Consiglio! -, insieme alla moglie Lucia e ai suoi due figli. Signor Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, non ritiene alquanto discutibile la decisione di mettere a disposizione di alcuni fedeli un aereo dello Stato italiano per permettere loro di andare e tornare dal Vaticano, anche se uno di essi è un locked-in? Forse, noi disabili gravi, preferiremmo i seguenti tre impegni dal suo Governo: aggiornare in poco tempo il Nomenclatore tariffario; assicurare a tutti noi una assistenza domiciliare qualificata; fare una Legge nazionale sulla Vita indipendente, pure informatica -con relativa assistenza ufficiale, naturalmente-. Sono sicuro che, allora, molti più disabili la voterebbero, soprattutto se potessimo votare a domicilio.

Fonte: www.lucacoscioni.it

Inserito da Redazione il 13/04/2009 alle ore 19:43:32 - sez. DiversAbili - visite: 3491