AREA

NEWS

 

 Notizie FotoNotizie
 VideoNotizie AudioNotizie

  

 
 

Genchi a Casoli, questura gli notifica la destituzione dalla Polizia

Genchi a Casoli, questura gli notifica la destituzione dalla Polizia

Tutti i link correlati

Altri articoli correlati su "il Centro":
Casoli, Genchi destituito dalla Polizia mentre presenta il suo ultimo libro
Offese Berlusconi, la polizia caccia Genchi

Casoli - Era arrivato a Casoli sabato pomeriggio il poliziotto e tecnico informatico Gioacchino Genchi per la presentazione del suo libro ed è stato accolto da un funzionario della questura.
Gli è stata così notificata la convocazione per il Consiglio Centrale di Disciplina che si terrà l'1 dicembre prossimo al Ministero dell'Interno per la sua destituzione dalla Polizia di Stato per avere «offeso il prestigio dell'on. Silvio Berlusconi al Congresso dell'IDV».
Genchi ha ritirato la convocazione e poi ha partecipato, come da programma, alla presentazione del suo libro. Ha parlato alla platea che era lì per assistere alla presentazione del volume da 900 pagine e ha raccontato quello che era appena successo. Il sito Casoli.org riprende tutto e il video finisce in rete.
«Non ho la serenità», ha ammesso Genchi, «mi accorgo che siamo arrivati al capolinea, per me è arrivata la telefonata della questura. Nessuno ha chiamato per me per dire che sono il nipote di Mubarak. Sono arrivati fin qui perchè sapevano che ero a Casoli, era scritto su Facebook e sul blog e così dal Ministero dell'Interno il ministro ha incaricato il questore di Chieti che ha mandato un funzionario per notificarmi, alle ore 16.10, prima che entrassi qua dentro, la convocazione».
«Dopo 25 anni di onorato servizio», ha continuato Genchi nel suo intervento dove non sono mancati picchi di rabbia, «dopo che fino all'anno scorso mi è stato attribuito un punto in più sul voto massimo per le 'eccezionali doti morali'..... Adesso mi accingo ad essere destituito per aver offeso l'onore e il prestigio di Silvio Berlusconi».
«Questa è l'accusa», ha spiegato tra i fischi del suo pubblico. «Non sono stato condannato per aver ucciso ragazzi, non per aver trafficato droga, non sono stato condannato per i fatti del G8 o per aver menato manifestanti. Mi sono limitato ad esercitare il diritto di difesa dall'oltraggio che quell'uomo (Berlusconi, ndr) nel tentativo di fermarmi e delegittimarmi per quello che stavo facendo nei suoi confronti e nei confronti dei suoi accoliti mafiosi che lo hanno portato in Parlamento inscenando il più grande scandalo».
«Hanno tentato in tutti i modi di fermarci», ha continuato Genchi facendosi portavoce di magistrati e inquirenti. «Ci hanno provato mentre facevamo le indagini su Dell'Utri e Cuffaro. Entrambi condannati in primo e secondo grado».
«Quello che racconto l'ho vissuto, purtroppo, ecco perchè rivendico queste scelte che mi hanno cambiato la vita».
Dopo qualche ore Genchi ha commentato l'episodio anche su Facebook: «tutte le mie istanze di accesso e le richieste difensive, fra le quali l'audizione del Ministro Maroni su alcuni punti precisi della contestazione, sono state respinte»

Fonte: www.primadanoi.it

Inserito da Redazione il 29/11/2010 alle ore 11:03:19 - sez. Cronaca - visite: 3665