AREA

NEWS

 

 Notizie FotoNotizie
 VideoNotizie AudioNotizie

  

 
 

Antico sapore fiammingo delle nostre amate pizzelle abruzzesi
In un particolare del quadro di Bruegel, vicino a Carnevale grasso e grosso a cavalcioni di una botte, una vecchina prepara le pizzelle con il tradizionale ferro che usiamo ancora oggi in Abruzzo

Antico sapore fiammingo delle nostre amate pizzelle abruzzesi

Clicca sulle immagini per ingrandire

Pieter Bruegel: Combattimento fra Carnevale e Quaresima - 1559
Vienna, Kunsthistorisches Museum - cm 164,5x118

 
 

Questa immagine mostra il particolare con la vecchina seduta davanti al fuoco mentre prepara le pizzelle, chiamate in Abruzzo anche ferratelle, nevole, neole o cancelle.
Nel nord Europa la cialda preparata con lo stampo in ferro arroventato al fuoco si chiama: wafe, wafel, waffle, walfre, strème, galet, gaufre. La parola "wafle" deriva da "walfre" (12° secolo), in francese antico "wafel" o "wafla" significa "nido d'ape", quindi prende il nome dal disegno dello stampo.
Nel nord Italia si chiama "gofre" (un cibo povero della tradizione piemontese) il nome deriva dalla cialda belga "gaufre" e oggi si prepara sia nella versione salata, sia nella versione dolce.

 

Dal vocabolario Treccani:
Gaufre ‹ġóofr› s. f., fr. [dal franco wafel «favo di miele»]
1. Cialda fatta (almeno originariamente) con un ferro a tenaglia, a facce piatte, con impronte simili a cellette di favo (cfr. wafer).
2. Impronta fatta su cuoio o stoffa con un ferro apposito, opportunamente riscaldato, usata specialmente nelle rilegature in pelle (di qui i der. gaufrer «imprimere, stampare», gaufrage «impressione, stampa, stampatura»).

 

Da Wikipedia FerratellaGaufre

 
 

"Encyclopédie raisonné des sciences, des arts et des métiers" di Diderot e D'Alembert  (1751)

Sez. tematica: "I mestieri della vita quotidiana" - Pasticciere, figure19 e 20: Gaufrier (Gofriera)

 

Stampi per pizzelle 
 
Le pizzelle

Inserito da Redazione il 23/02/2012 alle ore 11:39:41 - sez. Ambrosia - visite: 23250