AREA

NEWS

 

 Notizie FotoNotizie
 VideoNotizie AudioNotizie

  

 
 

Oggi si torna a camminare sul Sentiero della libertà
Anche quest’anno, centinaia di giovani si metteranno in cammino, attraverso la Majella, dentro l’epopea degli uomini, dentro la storia

Oggi si torna a camminare sul Sentiero della libertà

di Ezio Pelino

Link correlati | Leggi il programma 2012

Il “Sentiero della libertà” è giunto felicemente alla XII edizione. A chi quel sentiero lo ha ideato tornano i ricordi della prima edizione. Era tanto allora l’ entusiasmo ma altrettanta era la preoccupazione. C’era tutto da inventare. A cominciare dal percorso. Gli ex prigionieri inglesi , nostri interlocutori, volevano raggiungere e guadare il mitico Sangro, il fiume di frontiera bagnato di sangue, noi raggiungere Casoli, nel ricordo delle ardite traversate della Majella e delle eroiche guide sulmonesi. Appariva più che problematico, un impegno ciclopico per una scuola, traghettare centinaia di persone attraverso la Majella, assicurare loro pasti caldi e ospitalità per la notte in paesi le cui amministrazioni comunali, nel migliore dei casi, erano impreparate, nelle peggiori, erano infastidite, se non ostili. Ma non ci scoraggiammo. Gli incontri, le riunioni, le concertazioni si susseguirono. Si coinvolsero istituzioni, enti, associazioni, volenterosi. Mi galvanizzò, ci galvanizzò, la telefonata di Arrigo Levi che ci annunciava che il Presidente della Repubblica aveva accolto con entusiasmo l’invito e che Ciampi, per l’occasione, si era ricordato del suo diario sulla traversata della Maiella con Carlo Autiero e il fratello e ci informava che quella preziosa testimonianza ci era stato spedita. La pubblicammo immediatamente e successivamente se ne interessò la Laterza che provvide ad una seconda edizione. La logistica per la sua complessità fu affidata ad un esperto. A chi, se non a un generale? Il generale Fontecchio, che svolse egregiamente il suo arduo compito.

Finalmente arrivò quel giorno festoso e solenne del 17 maggio del 2001. La piazza era piena di gente. Centinaia erano gli ex-prigionieri con i loro famigliari. Erano inglesi, canadesi, sudafricani, neozelandesi. E, sul palco, Carlo Azeglio Ciampi. Era tornato nella terra che, fuggiasco, lo aveva accolto. Era dal 1957 che Sulmona non ospitava un Capo dello stato. Se la visita di Gronchi era legata al Bimillenario ovidiano, quella di Ciampi aveva tutt’altra storia. Veniva a ricordare e ad inaugurare quel sentiero che, nel marzo del ’44, egli stesso aveva percorso per ricongiungersi al suo reparto e partecipare alla liberazione dell’Italia. Era il sentiero dei prigionieri alleati evasi e di coloro che fuggivano l’oppressione nazista. E il Presidente ricordò: “Anch’io fui uno di loro. Lasciai Sulmona, lasciai coloro che mi avevano accolto come un fratello, la sera del 24 marzo del 1944. In quelle giornate, in quei mesi di tragedia e di gloria, le popolazioni di queste regioni diedero prova di straordinario eroismo e di grande spirito umanitario”.

Anche quest’anno, da oggi 27 aprile, centinaia di giovani si mettono in cammino, attraverso la Majella, dentro l’epopea degli uomini, dentro la storia. Sui passi di coloro che fuggivano dalle terre abruzzesi divenute “straniere”, che violavano la micidiale linea Gustav, presidiata dai tedeschi. Il sentiero racconta tante storie. Molti, comprese le guide, finirono prigionieri e furono deportati in Germania. Una lapide al valico del Guado di Coccia, già rimossa per la costruzione della seggiovia, ricollocata dalla scuola, ricorda un eroe solitario, il tenente dell’aeronautica Ettore De Corti, ucciso dai tedeschi perché reagì sparando con la pistola ad una pattuglia tedesca, mentre i compagni fuggirono e qualcuno, poi, si inventò una banda armata mai esistita. A Taranta Peligna, il sacrario testimonia l’incredibile storia della Brigata Maiella, che ripercorrendo il sentiero in senso contrario, volle continuare a combattere per l’Abruzzo e oltre l’Abruzzo, fino a Bologna.

Ezio Pelino

Inserito da Redazione il 27/04/2012 alle ore 10:09:24 - sez. Storia - visite: 3131