AREA

NEWS

 

 Notizie FotoNotizie
 VideoNotizie AudioNotizie

  

 
 

Una terribile tragedia avvenuta intorno alle otto di questa mattina sconvolge e addolora tutta la comunità
Il suicidio del presidente della 'Cooperativa Croce Gialla' Antonio De Petra lascia tutti senza parole. In un momento così tragico, non possiamo fare altro che unirci al dolore dei familiari

Una terribile tragedia avvenuta intorno alle otto di questa mattina sconvolge e addolora tutta la comunità

Link correlati 

Clicca sulla seguente immagine per rivedere la nostra intervista a De Petra fatta un anno fa


Il casolano Antonio De Petra
, quarantenne, sposato e padre di due bambini, si è tolto la vita a Lanciano questa mattina intorno alle otto, lanciandosi dalla finestra di una palazzina in via De Crecchio dove è ubicata la sede operativa della "Cooperativa Croce Gialla". Il motivo del tragico gesto potrebbe essere legato alle preoccupazioni nate dalla delicata condizione economica della stessa cooperativa.  Otto mesi fa De Petra lanciava l'allarme denunciando con toni accesi la grave situazione finanziaria della cooperativa e il dramma dei 67 dipendenti che non percepivano uno stipendio da molti mesi, perchè la Asl non pagava le fatture (vedi intervista).

Circa un anno fa, durante un'intervista rilasciata alla nostra redazione, De Petra preannuciava il ritorno della Croce Gialla nelle nostre zone interne dopo una interruzione di un anno e mezzo, perchè finalmente era stata vinta la battaglia legale intrapresa e portata avanti per ben 18 mesi, contro la sostituzione della Croce Gialla con la Croce Rossa, "fatta in maniera illegale e di conseguenza lesiva nei confronti della cooperativa da lui gestita" (dice De Petra nell'intervista). La Croce Gialla infatti, fu improvisamente soppiantata dalla nuova unità operativa sotto il periodo natalizio dell'anno 2013, grazie alla delibera n. 1821 del 30 Dicembre 2013, con la quale la Asl di Chieti, assegnava 2 mln circa alla Croce Rossa per il trasporto dei malati, raddoppiando così le spese che erano state fino ad allora sostenute dalla Croce Gialla che gestiva egregiamente il servizio nel nostro territorio (leggi articolo). L'unità operativa Croce Gialla lasciò il servizio ufficialmente il 31 marzo 2014, ma la battaglia legale iniziata subito dopo la delibera  n. 1821, ha avuto la meglio e il 15 settembre 2015 la cooperativa  ha ripreso ad operare nel nostro territorio coprendo i comuni di Casoli, Atessa, Roccascalegna, Torricella Peligna, Lama dei Peligni ecc..
Il 30 Settembre del 2015, De Petra, in un video da lui stesso girato in ufficio, ringrazia chi l'ha sostenuto in quella lunga battaglia legale durata 18 mesi; ringrazia chi l'ha appoggiato scrivendo articoli/inchieste come quelli del giornalista di "Prima Da Noi" Sebastiano Calella (anche lui scomparso); ed infine, chi gli aveva lasciato in eredità da marzo 2015  la stessa Cooperativa, nata il 26 novembre 2014 dopo l'acquisto di un ramo dell'azienda "Croce Gialla Srl" inerente il trasporto sanitario, il trasporto dei disabili, le urgenze e l'emergenza.

Leggendo tutti gli articoli apparsi sui giornali a dalle interviste rilasciate, si nota il suo grande impegno finalizzato ad ottenere un servizio di soccorso e di trasporto sanitario molto efficiente, soprattutto per risolvere le problematiche e le carenze sanitarie del nostro entroterra. Era una persona che sapeva fare bene il suo lavoro; un uomo che non amava le ingiustizie, soprattutto quando erano rivolte ad una categoria più debole e bisognosa ed a un territorio già troppo spogliato da servizi sanitari ed asisitenziali di base.
"Mi scuso e ci scusiamo per la momentanea interruzione e ripartiamo da qui! - dice De Petra nel suo video - Torniamo ad operare nel nostro entroterra in maniere legale dopo una gara e in seguito ad un'offerta. Il mio non è un addio ma un semplice arrivederci a presto, è stata solo una piccola interruzione durata 18 mesi e adesso tornaimo da dove abbiamo lasciato. Sono orgoglioso del mio e del nostro operato. Mi auguro e ci auguriamo che questa avventura, questa storia, da oggi non finisca più. Noi ci siamo, ci siamo stati e ci saremo ancora al lungo"
Ed usando le tue stesse parole diciamo: il nostro non è un addio, ma un semplice arrivederci, caro Antonio R.I.P.

Clicca sulla seguente immagine per vedere il primo video girato da De Petra il  26 luglio 2014, dove annuncia che il Tar Abruzzo boccia l’appalto con la Croce Rossa e nell'occasione racconta tutta la vicenda dall'inizio


Clicca sulla seguente immagine per vedere il video girato da De Petra il  30 settembre 2015


Clicca sull'immagine per vedere l'intervista di VideoCittà del 27 Novembre 2015 


Clicca sull'immagine per vedere il servizio di VideoCittà sulla tragedia di questa mattina


Inserito da Redazione il 21/07/2016 alle ore 17:33:53 - sez. Cronaca - visite: 16199