Link immagine  Condividi su FB  Indietro | Avanti

Anniversario: I 35 anni della Sezione Comunale Avis

Inserito da Admin il 24/06/2007 alle ore 12:02:02 - visite: 7183 

Ultime foto inserite nella sezione FotoNotizie
 
 

:: COMMENTI ALLA FOTO ::

 
 Commento n: 1
Riconoscimenti e impegno rinnovato per i 35 anni Avis

Casoli - I due giorni di Festa per il XXXV anniversario della fondazione della sezione comunale Avis sono stati l'occasione per intitolarla a Domenico Belfatto, nominare Ismaele Rosato presidente onorario, consegnare i riconoscimenti ai donatori che si sono distinti e premiare i soci fondatori. Il distintivo d'oro con fronde è andato a Mario Caniglia, Angeluccio Consalvo e Giorgio Di Florio; la medaglia d'oro a Piero Di Felice, Domenico Di Prinzio e Carmine Falcone; medaglie d'argento: Casimiro Bianchi, Antonello Carlino, Vincenzo Casciato, Armando Colanzi, Gabriele De Luca, Francesco De Petra, Domenico Di Florio, Mario D'Ippolito, Nicola Di Lauro, Nicola Di Prinzio, Donato Gentile, Leopoldo Parisi; Medaglie di Bronzo: Maria Carozza, Mario Colanzi, Tito Colanzi, Pasquale Consalvo, Davide D'Agresta, Antonio D'Alessandro, Francesco D'Amico, Nicola D'Amico, Berenice Esposito, Giuseppina Lannutti, Francesco Masciantonio, Giuseppe Massimini, Massimo Onofrillo, Carla Pacifico, Maria Pierluigi, A. Lucia Piccirilli, Gerardo Pierorazio, Donato Pasquini, Donato Tieri, Ferdinando Tilli. Consegnati, inoltre, 38 attestati di benemeranza. Premiati i quattro fondatori: Nicola Di Benedetto, Lorenzo Di Giorgio, Giulio Giangiulio, Antonello Masciantonio, l'allora presidente provinciale Paolo Moretti ed i primi iscritti viventi: Filippo Altiglia, Clara Lamieri, Giovanni Candeloro, Walter Bonfigli, Mario Caniglia, Vincenzo Capuzzi, Di Cino Giuseppe, Giorgio Di Florio, Michelangelo Ianieri, Nicola Dell'Orefice, Antonio Manso, Dina Pieraccini, Vincenzo Porreca, Ismaele Rosato, Guglielmo Rossetti, Maria Rossetti, Dino Serraiocco, Franco Talone. Erano presenti i presidenti provinciali Avis, Sergio Di Tizio, e Aido, Simone Giuliano, il sindaco Sergio De Luca, il presidente della Comunità Montana Antonio Innaurato, numerose Consorelle di Abruzzo e Molise, varie personalità. A.Masc.

Fonte: "Il Tempo" del 27-06-2007
Inserito da  casoli.org  il 28/06/2007 alle ore 10:35:02
Inserisci un commento
Autore
E-mail o Sito Web

Prima dell'invio, inserisci i numeri del codice di sicurezza che vedi apparire qui sotto

Codice di sicurezza

AVVERTENZE da leggere prima di postare i commenti
Non sono consentiti:
1) messaggi inseriti interamente con caratteri maiuscoli
2) messaggi non inerenti al post
3) messaggi pubblicitari
4) messaggi con linguaggio offensivo e/o lesivo nei confronti di terzi
5) messaggi che contengono turpiloquio
6) messaggi con contenuto sessista, razzista ed antisemitico

7) messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

8) messaggi inseriti col copia ed incolla di lunghi articoli


Se non si rispetta il regolamento, la redazione di casoli.org si riserva il diritto di rimuovere qualsiasi dato inserito, senza preavviso e senza fornire alcuna motivazione.

In ogni caso, casoli.org non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi e non risponde per eventuali controversie che dovessero insorgere tra gli utenti. Ogni utente è responsabile dei dati che inserisce e ad ogni sua azione corrisponde un indirizzo IP registrato su database.

 
 

:: CERCA NELLE FOTO ::

 

 
 
 
 

casoli.org è un sito pubblicato sotto Licenza Creative Commons

Dove non specificato diversamente, è possibile riprodurre il materiale: non alterandolo, citando sempre la fonte e non traendone vantaggi economici.


Riferimento legislativo sulla privacy

Legge 633 del 22 aprile 1941 e successive modifiche ed integrazioni
Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio
SEZIONE II
Diritti relativi al ritratto.
Art. 97
Non occorre il consenso della persona ritrattata quando la riproduzione dell'immagine è giustificata dalla notorietà o dall'ufficio pubblico coperto da necessità di giustizia o di polizia, da scopi scientifici, didattici o culturali, o quando la riproduzione è collegata a fatti, avvenimenti, cerimonie di interesse pubblico o svoltisi in pubblico.
Il ritratto non può tuttavia essere esposto o messo in commercio, quando l'esposizione o messa in commercio rechi pregiudizio all'onore, alla reputazione od anche al decoro della persona ritratta.


Nota (ndr): per quanto attiene il ritratto di minori, la pubblicazione nei termini e modi indicati nel precedente Art. 97, è vietata solo per i minori coinvolti in vicende giudiziarie (art.13 D.P.R. 22/09/88 n.448 ed art.50 D.L. 30/06/03 n.196, che estende il divieto anche ai casi di coinvolgimento a qualunque titolo del minore in procedimenti giudiziari in materie diverse da quella penale).

Torna in alto |

 

.