News » Articolo
Inserito da Redazione il 15/12/2010 alle ore 15:10:50 - sez. Ospedale - visite: 2529 

L'ospedale di Guardiagrele per adesso NON chiude
Il Consiglio di Stato ha sconfessato il Programma Operativo e ha sospeso la delibera 45 del 5 agosto 2010
L'ospedale di Guardiagrele per adesso NON chiude

 L’ordinanza del Consigliere delegato della V Sezione del Consiglio di Stato Marzio Branca ha praticamente travolto la delibera commissariale che disponeva la disattivazione dell’ospedale di Guardiagrele entro il 31 dicembre 2010.

Il gruppo consiliare “Guardiagrele il bene in comune” ha ottenuto il risultato per il quale stava lottando dallo scorso mese di agosto.

Il Consiglio di Stato si è pronunciato sulla istanza di revoca dell’ordinanza del TAR de L’Aquila con la quale era stata rigettata la richiesta di sospensiva sul presupposto, oggi smentito dal Consiglio di Stato, che il Pronto Soccorso avrebbe continuato ad operare secondo le modalità ordinarie e preesistenti.

Nell’appello, depositato lunedì scorso, si era messo in evidenza come questo dato era sostanzialmente smentito dalla stessa delibera 45 che prevedeva una assistenza medica e infermieristica per sole 12 ore al giorno.

Ed è stato proprio questo il dato che ha convinto il Consiglio di Stato che, però, si è spinto oltre stabilendo, in considerazione del rilievo costituzionale del diritto alla salute, la sospensione della delibera commissariale.

Il primo effetto pratico del provvedimento del Consiglio di Stato è il blocco delle procedure che avrebbero portato, entro fine anno, alla chiusura dell’ospedale.

Ciò significa che l’interruzione dei ricoveri nei reparti di degenza (Medicina, Geriatria e Lungodegenza) che sarebbe partito domani (15 dicembre), dovrà essere revocato e, quindi, l’attività di tutti i reparti e di tutti i servizi proseguirà ordinariamente in attesa della discussione nella camera di consiglio che è stata fissata per il prossimo 14 gennaio.

La decisione giunge a pochi giorni dalla decisione della Direzione Generale che non solo sospendeva i ricoveri ma azzerava anche i servizi annessi all’ospedale.

Con un verbale del 3 dicembre scorso, infatti, la ASL aveva deciso la riduzione dell’orario di servizio della radiologia e del laboratorio analisi che sarebbero stati operativi, rispettivamente, solo per 12 e 6 ore al giorno. Il Pronto Soccorso, poi, era trasformato in un Punto di Primo Intervento che non avrebbe potuto garantire il suo normale servizio anche a causa della disattivazione del servizio di navetta verso Chieti.

Insomma, di fronte all’annullamento del fondamentale diritto alla salute, grazie all’azione caparbia e convinta del gruppo consiliare “Guardiagrele il bene in comune”, portata avanti di fronte allo scandaloso silenzio dell’amministrazione comunale, la città di Guardiagrele si vede restituita la speranza che un disegno così nefasto possa essere portato a compimento.

Non è solo il Pronto Soccorso, quindi, a dover essere mantenuto ma l’intero ospedale e questo è il risultato che tutti speravamo e che riconsegna alla legalità e alla sicurezza un intero territorio depredato del suo bene più importante.

Il ricorso, promosso dal gruppo consiliare “Guardiagrele il bene in comune” e sostenuto nella sua seconda formulazione dal TdM, è solo uno degli atti giudiziari che il centrosinistra guardiese ha intentato per scardinare l’impianto del Piano Operativo.

Proprio stamattina, infatti, è stato depositato un nuovo atto con il quale sono stati impugnati gli atti da ultimo adottati dalla Direzione Generale e sui quali è stato chiamato a pronunciarsi il Presidente del TAR.

Ma questa decisione è certamente superata da quella del Consiglio di Stato che sostanzialmente assorbe ogni altro provvedimento dal momento che sancisce la sospensione della delibera 45 nella parte in cui prevede la disattivazione di tutto l’ospedale.

Questa decisione, ancor più importante perché emanata dal Consiglio di Stato, dovrebbe convincere chi non ha ritenuto di spendersi fino in fondo contro il Programma Operativo, del fatto che non c’era nessun allarmismo quando si denunciavano i pericoli contenuti nel disegno del Commissario Chiodi e del sub-commissario Baraldi.

Soprattutto è un monito per chi ha fatto pubbliche dichiarazioni, persino in diretta televisiva, circa la presunta conservazione della situazione.

Non è possibile, infatti, far ritenere alla cittadinanza di un intero comprensorio che tutto sarebbe rimasto come prima quando, invece, così non è.

Questo è, quindi, il momento di una riflessione seria anche sugli atteggiamenti di chi aveva ed ha ruoli che richiedevano ben altro impegno.

Se il nostro ricorso non fosse stato discusso il 1° dicembre non avremmo creato il presupposto perché oggi il Consiglio di Stato ci desse ragione e perché si tornasse a discutere su un punto – quello relativo alla sicurezza del Pronto Soccorso – che oggi, come avevamo abbondantemente previsto, risultava smentito da provvedimenti aziendali che fortunatamente il Consiglio di Stato ha travolto.

Dovrebbe interrogarsi chi riteneva di avere strappato conquiste (RSA, centri Alzheimer e ospedali di comunità) portando in consiglio comunale proposte irricevibili e affiggendo manifesti sul presunto futuro dell’ospedale. Dovrebbe recitare il mea culpa chi ha avuto il coraggio di dire che la prevista chiusura era stata smentita.

Quel che è certo è che per ora la delibera di Chiodi è stata sonoramente bocciata e, con essa, il disegno di chi ha continuato a spacciare per riconversione la chiusura dei piccoli ospedali.

In merito al ricorso dell'amministrazione, il sindaco Salvi farebbe bene a dire che il TAR ha limitato la sua decisione agli effetti sul Pronto Soccorso (e nonha detto che si può continuare a ricoverare i pazienti), lo stesso TAR che oggi è stato solennemente smentito dal Consiglio di Stato. Questo, decidendo sul nostro appello, invece, ha sospeso l’intera delibera. Ma evidentemente, quando parla di esercitazioni politiche intellettualistiche, si riferisce a se stesso.

Del resto, quando sabato mattina ha comunicato ai sindaci che si era sull’orlo del baratro, ha preferito non incontrare l’opposizione che gli avrebbe fatto comprendere come l’allarme era stato lanciato da tempo, mentre lui favoleggiava di trattative, promesse, incontri sulla pelle dell’ospedale che si era candidato a salvare e, invece, accompagnava al cimitero.

Dica, invece, che, se oggi Guardiagrele ha una speranza, è perché il gruppo “Guardiagrele il bene in comune” l’ha costruita.

Fonte: www.guardiagreleilbeneincomune.it

REPUBBLICA ITALIANA

Consiglio di Stato
in sede giurisdizionale (Sezione Quinta)
Il Consigliere delegato
ha pronunciato il presente

DECRETO

sul ricorso numero di registro generale 10310 del 2010, proposto da:
Antonio Ianieri, Camilla Irma Della Pelle, Floria Di Pretoro, Liliana Ferrari, Alberto Palanza, Giuliana Vitacolonna, rappresentati e difesi dall'avv. Costanzo Dal Pozzo, con domicilio eletto presso Sabrina Primavera in Roma, via Nomentana, 909;

contro

Commissario Ad Acta Per L'Attuazione del Piano di Rientro Dai Disavanzi del Settore Sanitario della Regione Abruzzo, Sub-Commissario Ad Acta Per L'Attuazione del Piano di Rientro Dai Disavanzi del Settore Sanitario della Regione Abruzzo, Regione Abruzzo, Azienda Sanitaria Locale N. 2 di Lanciano, Vasto, Chieti;


per la riforma

dell' ordinanza sospensiva del T.A.R. ABRUZZO - L'AQUILA: SEZIONE I n. 00415/2010, resa tra le parti, concernente ATTUAZIONE PIANO DI RIENTRO DAI DISAVANZI DEL SETTORE SANITARIO - MCP

Visti il ricorso in appello e i relativi allegati;

Vista l'istanza di misure cautelari monocratiche proposta dal ricorrente, ai sensi degli artt. 56 e 98, co. 1, cod. proc. amm.;

Considerato che l’ordinanza appare sorretta da dichiarazioni dell’Amministrazione in camera di consiglio in merito alla prosecuzione del servizio di pronto soccorso sulle 24 ore, ma che tali affermazioni contrastano con il testo del provvedimento impugnato (delibera commissariale n. 45 del 2010) secondo cui i presidi territoriali di assistenza prevedono la presenza del medico per sole 12 ore al giorno;

che, considerato il rilievo costituzionale del diritto alla salute, ed in vista dei possibili chiarimenti che potranno essere forniti nella sede collegiale, sussistono i presupposti per la sospensione del provvedimento impugnato nella parte in cui dispone la disattivazione dell’ospedale di Guardiagrele entro il 31 dicembre 2010

P.Q.M.

accoglie la domanda di misura cautelare monocratica, e, per l'effetto sospende l’efficacia del provvedimento impugnato nei limiti di cui in motivazione;

fissa, per la discussione, la camera di consiglio del 14 gennaio 2011.

Il presente decreto sarà eseguito dall'Amministrazione ed è depositato presso la Segreteria della Sezione che provvederà a darne comunicazione alle parti.

Così deciso in Roma il giorno 13 dicembre 2010.

Il Consigliere delegato
Marzio Branca

DEPOSITATO IN SEGRETERIA
Il 14/12/2010
IL SEGRETARIO
(Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)

Area commenti di FaceBook
 n. 1 
Redazione...buttare benzina sul fuoco eh!!
Grazie
Inserito da  Ciuccio  il 15/12/2010 alle ore 16:04:59
 n. 2 
e il ricorso al consiglio di stato per la chiusura dell'ospedale di casoli dov'è? oltre a partire in ritardo non abbiamo fatto neppure quello? o c'è ancora speranza pure per noi?
Inserito da  cittadino del territorio  il 15/12/2010 alle ore 16:27:45
 n. 3 
work in progres
Inserito da  Lucia  il 15/12/2010 alle ore 17:09:37
 n. 4 
Quelli di Guardiagrele si sono mossi prima, noi purtroppo, siamo partiti troppo in ritardo!!
Inserito da  casolicasoli  il 15/12/2010 alle ore 19:19:10
 n. 5 
Sì, ma Casoli ha fatto la serie D
Inserito da  Casolanone  il 15/12/2010 alle ore 20:33:13
 n. 6 
quelli di guardiagrele hanno fatto sistema per il problema,
maggioranza e opposizione hanno lavorato insieme nel cercare una soluzione, mi pare
Inserito da  bauli  il 16/12/2010 alle ore 10:37:41
 n. 7 
Bauli, anche a Casoli le colonie hanno fatto sistema…
Inserito da  Motta  il 16/12/2010 alle ore 10:53:22
 n. 8 
A Casoli non c'è opposizione, si è dimessa per magnare
Inserito da  Casolanone  il 17/12/2010 alle ore 00:19:06
 n. 9 
Ora non c'è opposizione perchè non c'è niente a cui fare opposizione!
A Casoli non c'è più niente...la perla del versante orientale della Maiella come l'hanno ridotta!!!
Le future generazioni casolane ringraziano sentitamente.
Buon Natale
Inserito da  Lucia  il 17/12/2010 alle ore 16:51:52
 n. 10 
e dai non esagerare, la perla del versante orientale della maiella, un parolone, mi commuovi
Inserito da  renzo  il 17/12/2010 alle ore 17:49:07
 n. 11 
Associazione cultuvale "La perla del versante orientale della Majella"
Che te ne pare?
Inserito da  Don Rodrigo  il 17/12/2010 alle ore 18:16:53
 n. 12 
Ti sei già spaventato eh?
Il più grande trollista di casoli.org si spaventa dell'IP!
Principato di Monaco -2°C
Inserito da  Mariastella  il 17/12/2010 alle ore 18:54:50
 n. 13 
Sono contento che il TAR abbia dato ragione a Guardiagrele, Tagliacozzo e Pescina, anche se si è contraddetto con Casoli e Gissi!
Adesso aspettiamo la fine di Dicembre, quando la Regione approverà il Programma Operativo 2011-2012 che, dato i nuovi debiti emersi, dovrà essere di lacrime e sangue!
Dovranno per forza tagliare ancora e sono curioso di sapere cos’altro s’inventeranno per l’ospedale di Casoli!
Mi permetto di suggerire al duo Chiodi-Baraldi di mettere delle ruote sotto il fabbricato ex ospedale di Casoli e trasferirlo verso Lanciano! Risolverebbero immediatamente così l’annoso problema del nuovo ospedale per gli indecisi lancianesi, visto che per montare una Risonanza Magnetica sono occorsi ben più di 3 anni e chissà quanti ancora per trovare chi sa farla funzionare!
In cambio a Casoli, potrebbe arrivare un finanziamento per l’ampliamento del Cimitero!
In attesa di tutti i politici faccia di bronzo, sia di DX che di SX, che ci hanno preso per i fondelli, auguro a tutti Buon Natale, ma soprattutto... Buona Salute!
Inserito da  Dr. Pierluigi Natale  il 18/12/2010 alle ore 14:40:32
 n. 14 
Bravo Dr. Natale...
Inserito da  Iachille  il 18/12/2010 alle ore 14:55:30
 n. 15 
Dr. NATALE sei un grande!!!
Inserito da  Anto  il 20/12/2010 alle ore 13:51:48
Inserisci un commento
Autore
E-mail o Sito Web

Prima dell'invio, inserisci i numeri del codice di sicurezza che vedi apparire qui sotto

Codice di sicurezza

AVVERTENZE da leggere prima di postare i commenti
Non sono consentiti:
1) messaggi inseriti interamente con caratteri maiuscoli
2) messaggi non inerenti al post
3) messaggi pubblicitari
4) messaggi con linguaggio offensivo e/o lesivo nei confronti di terzi
5) messaggi che contengono turpiloquio
6) messaggi con contenuto sessista, razzista ed antisemitico

7) messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

8) messaggi inseriti col copia ed incolla di lunghi articoli


La Redazione di casoli.org si riserva il diritto di rimuovere qualsiasi dato inserito, senza preavviso e senza fornire alcuna motivazione.

In ogni caso, casoli.org non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi e non risponde per eventuali controversie che dovessero insorgere tra gli utenti. Ogni utente è responsabile dei dati che inserisce e ad ogni sua azione corrisponde un indirizzo IP registrato su database.

 
 

casoli.org è un sito pubblicato sotto Licenza Creative Commons

Dove non specificato diversamente, è possibile riprodurre il materiale: non alterandolo, citando sempre la fonte e non traendone vantaggi economici.


Riferimento legislativo sulla privacy

Legge 633 del 22 aprile 1941 e successive modifiche ed integrazioni
Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio
SEZIONE II
Diritti relativi al ritratto.
Art. 97
Non occorre il consenso della persona ritrattata quando la riproduzione dell'immagine è giustificata dalla notorietà o dall'ufficio pubblico coperto da necessità di giustizia o di polizia, da scopi scientifici, didattici o culturali, o quando la riproduzione è collegata a fatti, avvenimenti, cerimonie di interesse pubblico o svoltisi in pubblico.
Il ritratto non può tuttavia essere esposto o messo in commercio, quando l'esposizione o messa in commercio rechi pregiudizio all'onore, alla reputazione od anche al decoro della persona ritratta.


Nota (ndr): per quanto attiene il ritratto di minori, la pubblicazione nei termini e modi indicati nel precedente Art. 97, è vietata solo per i minori coinvolti in vicende giudiziarie (art.13 D.P.R. 22/09/88 n.448 ed art.50 D.L. 30/06/03 n.196, che estende il divieto anche ai casi di coinvolgimento a qualunque titolo del minore in procedimenti giudiziari in materie diverse da quella penale).

Torna in alto |

 

.

 

 
 Cerca nelle News

 

         Cerca nelle FotoNotizie

METEO

"Ho vissuto intensamente in questi 10 anni (nonostante sia un locked-in), mentre la maggioranza degli umani sta semplicemente vegetando, e non se ne accorge." (Severino Mingroni)

 
 
 
casoli.org Mobile
::: LE NEWS DAL WEB :::

::: ARCHIVIO :::

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             
FotoNotizie

News - Audio - Video

Amarcord (1)
Ambiente (141)
Ambrosia (44)
Archeologia (23)
Attualità (8)
AudioComune (19)
AudioEventi (2)
AudioOspedale (2)
AudioStoria (10)
Autori (12)
Avvisi (54)
Beni culturali (38)
Calendario eventi (22)
Cinema (30)
Comune (240)
Comunità Montana (11)
Concerti (144)
Concorsi (34)
Corsi (22)
Cronaca (75)
DiversAbili (41)
Emigrazione (23)
Eventi (438)
Foto FB (6)
Internet (19)
Interviste (9)
Lavoro (7)
Libri (113)
Menu (1)
Mostre (46)
Musei (1)
Musica (36)
Ospedale (196)
Politica (43)
Recensioni (6)
Regione (16)
Solidarietà (36)
Spettacoli (82)
Sport (84)
Storia (80)
VideoAmarcord (4)
VideoAmbiente (16)
VideoAmbrosia (9)
VideoAntropologia (1)
VideoArcheologia (11)
VideoAttualità (13)
VideoBeniCulturali (6)
VideoCartoline (5)
VideoClip (1)
VideoConcerti (70)
VideoConsiglio (6)
VideoCronaca (39)
VideoEmigrazione (4)
VideoEventi (34)
VideoFeste (12)
VideoFolclore (5)
VideoInterviste (4)
VideoLibri (18)
VideoMeteo (5)
VideoMusica (5)
VideoNatura (4)
VideoOspedale (50)
VideoReligiosi (20)
VideoSolidarietà (8)
VideoSpettacoli (30)
VideoSport (20)
VideoStoria (42)
VideoTradizioni (10)
Vignette (12)


Catalogati per mese:
Luglio 2002
Agosto 2002
Settembre 2002
Ottobre 2002
Novembre 2002
Dicembre 2002
Gennaio 2003
Febbraio 2003
Marzo 2003
Aprile 2003
Maggio 2003
Giugno 2003
Luglio 2003
Agosto 2003
Settembre 2003
Ottobre 2003
Novembre 2003
Dicembre 2003
Gennaio 2004
Febbraio 2004
Marzo 2004
Aprile 2004
Maggio 2004
Giugno 2004
Luglio 2004
Agosto 2004
Settembre 2004
Ottobre 2004
Novembre 2004
Dicembre 2004
Gennaio 2005
Febbraio 2005
Marzo 2005
Aprile 2005
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Ultimi commenti:
Online sociology essay writing...
08/06/2020 alle ore 09:18:15
Inserito da Sociology Assignment Writ
Il sindaco resta a casa, ma i ...
03/04/2020 alle ore 13:41:15
Inserito da nico menna
qual' è il protocollo di profi...
03/04/2020 alle ore 10:52:43
Inserito da H
vi sembra una cosa normale il ...
08/07/2019 alle ore 13:01:16
Inserito da star dust
MOVE ONE... ottima osservazion...
13/04/2019 alle ore 12:41:20
Inserito da casoli.org
Spiegate anche, perché tenete ...
11/04/2019 alle ore 08:48:07
Inserito da MOVE ON
ATTENZIONE!! In seguito al suc...
30/12/2018 alle ore 17:34:26
Inserito da casoli.org
Complimenti alla bella organiz...
07/10/2018 alle ore 13:56:50
Inserito da Maria Menna- Roma
http :// www . mednat . org /s...
12/09/2018 alle ore 12:50:06
Inserito da R.B.
Faccia un ulteriore sforzo, um...
12/09/2018 alle ore 12:40:26
Inserito da regno bacteria

Valid xhtml 1.0 / css