News » Articolo
Inserito da Redazione il 29/06/2011 alle ore 09:19:05 - sez. Ospedale - visite: 2846 

Il governo sana gli errori di Chiodi e cancella le sentenze del Tar: chiudono i piccoli ospedali
I piccoli ospedali chiudono per decreto del Governo e tutte le disposizioni del Programma operativo, anche quelle più sballate, diventano legge. Dal Pozzo: "Faremo appello al Presidente Napolitano perché non firmi il decreto"
Il governo sana gli errori di Chiodi e cancella le sentenze del Tar: chiudono i piccoli ospedali

di Sebastiano Calella

News correlate | Video correlati | Foto correlate

Clicca sull'immagine per leggere la Bozza del decreto legge

Leggi le considerazioni dell'Avv. Simone Dal pozzo

Entro 60 giorni da questo decreto viene adottato e diventa legge il Piano sanitario 2011-2012. Lo prevede la bozza della manovra economica appena resa nota (dunque ancora non votata). Altro che commissariamento della sanità: il provvedimento – se giovedì passerà in Consiglio dei ministri – sarà uno schiaffo non solo alla sovranità dell’Abruzzo (e delle altre Regioni commissariate), ma a tutte le regole del Diritto.

Dice la bozza: le Regioni interessate dai Piani di rientro debbono rimuovere gli ostacoli, anche legislativi, che si oppongono al raggiungimento degli obiettivi di risanamento. In questo caso il Commissario porta in discussione alla Regione i nuovi provvedimenti e li fa approvare entro 60 giorni. Se non vengono approvati, provvede il Governo con i poteri sostitutivi previsti dalla Costituzione. Per l’Abruzzo in particolare (che merita un comma tutto suo) il Programma operativo 2010 diventa legge ed entro 60 giorni viene adottato il Piano sanitario 2011-2012. Dove il Commissario non riesce a vincere (vedi le numerose sentenze del Tar che hanno bocciato tutti i provvedimenti adottati dal duo Chiodi-Baraldi) interviene il Governo che cambia le regole del gioco mentre è in corso la partita.

Il Tar aveva rilevato l’illegittimità dei provvedimenti amministrativi del Commissario che chiudevano i piccoli ospedali, mentre ci sono leggi regionali (la 5 e la 6) che li prevedono aperti? Queste sentenze sono carta straccia, le proteste popolari vengono bypassate, saltano le speranze anche bipartisan di un ripensamento per la chiusura dei piccoli ospedali. Da Guardiagrele a Tagliacozzo, da Pescina a Gissi, a Casoli, ma anche ad Agnone in Molise o nel Lazio e dovunque i Commissari hanno decretato le chiusure (chiamate per pudore: riconversioni), gli ospedali chiudono subito, appena approvato il decreto.

Incredibile, se non fosse vero, tutto scritto e chiarito in due paginette destinate a deflagrare come una bomba anche nel sonnacchioso clima politico dell’Abruzzo. Si tratta di un provvedimento in controtendenza rispetto al federalismo di cui si parla: invece di delegare al territorio le decisioni, qui si accentra sempre di più e si commissaria non solo la sanità, ma tutto il Consiglio regionale. Quasi peggio che ai tempi dei Romani, dove ai vari governatori delle province si delegava la riscossione delle tasse e dei tributi, ma si lasciavano in vigore le leggi locali, come insegna Ponzio Pilato. Con questa bozza di decreto del Governo, in Abruzzo si va ancora più indietro nel tempo, all’epoca dei Babilonesi, quando la regina Semiramide rese lecita per decreto legge ogni sua lussuria per evitare la condanna morale da parte dei sudditi. In Abruzzo avviene la stessa cosa: qualunque cosa venga in mente al Commissario ad acta ed al suo ufficio diventa legge, con buona pace di tutti quelli che si appellavano alle leggi o ai giudici. Di fatto, questo provvedimento ancora in bozza è la prosecuzione del verbale di incontro tra Chiodi ed il Governo, avvenuto il 24 maggio scorso, dopo sentenze del Tar che bocciavano la chiusura dei piccoli ospedali e pezzi importanti del Programma operativo.

La polpetta avvelenata viene servita ieri sera, quando i primi a scaricare le bozze della manovra economica del Governo dal Corriere.it si imbattono in questi provvedimenti. A lanciare l’allarme è l’avvocato Simone Dal Pozzo, che ha vinto tutti i ricorsi presentati contro il commissario Chiodi per conto della lista civica “Guardiagrele il bene in comune”. «Temevamo in effetti – spiega l’avvocato - che il Governo potesse superare quanto il Tar aveva detto e cioè che il potere di programmazione sanitaria spetta alla Regione e così purtroppo è stato. Ovviamente si tratta di una bozza, ma se il tutto si trasformasse nel decreto legge annunciato per giovedì, questo significherebbe che in pochi giorni l’ospedale di Guardiagrele sarebbe chiuso e quelli che, pur essendo disattivati, sono stati salvati, perderanno definitivamente la speranza di tornare a funzionare».

Come noto, infatti, un decreto appena dopo la firma del Presidente della Repubblica, è esecutivo ed ha efficacia immediata anche prima della conversione in legge che deve avvenire in Parlamento entro sessanta giorni dalla sua adozione. La vicenda si chiude qui?

«No. Forse salta l’appello al Consiglio di Stato presentato da Chiodi, essendo cessata la materia del contendere perché il Programma Operativo come atto amministrativo non esiste più – annuncia Dal Pozzoma noi impugneremo immediatamente queste norme davanti alla Corte Costituzionale. Inoltre faremo appello al Presidente Napolitano perché non firmi il decreto dove demolisce in un solo colpo i princìpi più importanti della Costituzione in tema di autonomie: sussidiarietà e leale collaborazione».

Resta però l’incognita del comportamento dei parlamentari abruzzesi, quelli del Pdl in particolare, al momento del voto sulla manovra economica, se cioè voteranno a favore del Governo e per la morte certa dei piccoli ospedali, oppure se ascolteranno le proteste dei cittadini.


LE REAZIONI: «PROPOSTA ASSURDA»

ABRUZZO. «Pur di non portare le riforme in Consiglio regionale, il centrodestra vuol far correre all'Abruzzo il rischio di precipitare in un caos ancora più grave. Perché questa norma è palesemente incostituzionale, e se venisse approvata esporrebbe l'Abruzzo ad una serie di nuovi ricorsi».

Il commento è quello del segretario regionale del Pd Silvio Paolucci sulla proposta relativa alla sanità abruzzese contenuta nella bozza di manovra del governo nazionale.

Per Paolucci dal punto di vista politico «saremmo di fronte al commissariamento del commissario, e dunque ad una scelta di tipo feudale che offende la dignità degli abruzzesi. Ci opporremo con tutte le nostre forze, sempre più convinti che prima si chiude la stagione di Chiodi e meglio sarà per l'Abruzzo».

«Chiodi ha il dovere di portare in Consiglio gli atti sulla sanità» sottolinea il capogruppo del Pd in Consiglio regionale Camillo D’Alessandro, «perché i cittadini abruzzesi non sono sudditi. Se cercherà scorciatoie per non farlo, sappia fin da ora che saremo noi a portare tutto in Consiglio di fronte agli abruzzesi».

Per il segretario regionale Prc Marco Fars la bozza «oltre ad essere iniqua e vessatoria continuando a spremere le fasce più deboli della popolazione, serve una polpetta avvelenata per l'Abruzzo».

Secondo Fars «ancora una volta a pagare sono le fasce deboli: ticket per tutti e chiusura dei piccoli ospedali in Abruzzo, stabilita per legge. Il duo Chiodi-Baraldi in difficoltà nel far avanzare le loro proposte in Abruzzo in tema di chiusura dei presidi ospedalieri, ricorrono al Governo per imporre da Roma le loro scelte. Tutto ciò passando sulla testa e la volontà dei cittadini e degli amministratori locali che per ora sono riusciti bloccare gli intenti della coppia Chiodi-Baraldi, attraverso i ricorsi vinti al Tar».

Per il consigliere regionale dell'Italia dei Valori, Carlo Costantini, invece, il decreto «contribuisce a rendere incontrovertibili due verità, che devono costituire oggetto di una profonda riflessione politica. La prima è che Chiodi, dopo aver contestato tutte le critiche che in questi mesi gli sono piovute addosso, riconosce di aver sbagliato; se fosse stato convinto delle sue ragioni avrebbe, infatti, presentato gli appelli al Consiglio di Stato, senza scomodare il Governo per un decreto “ad personam”. La seconda, ancor più grave», continua Costantini, «è che la Regione Abruzzo – proprio all’indomani della pubblicazione della sentenza della Corte Costituzionale n. 182, che ribadisce che il legislatore statale può imporre alle Regioni vincoli alle politiche di bilancio, senza però che tali vincoli possano minimamente condizionare il diritto delle Regioni di osservarli con la più ampia libertà di allocazione delle risorse tra i diversi ambiti ed obiettivi di spesa – è la prima ed unica Regione in Italia che, in controtendenza rispetto a tutte le altre, chiede al Governo di invadere le proprie competenze ed addirittura di sostituirsi ad essa».

CHIAVAROLI: «CONFRONTO CON CITTADINI»

«Siamo pronti - dice Ricardo Chiavaroli, portavoce del Pdl- ad incontrare (e possiamo farlo a testa alta come peraltro facciamo da due anni), i cittadini abruzzesi, per illustrare nel dettaglio la disastrosa situazione del sistema sanitario regionale che abbiamo ereditato».
«Siamo pronti - prosegue il portavoce - a dimostrare carte alla mano, quello che fuori dai confini del centrosinistra è ormai noto a tutti, ossia che il sistema sanitario abruzzese, con le azioni del presidente Chiodi e il sostegno del Pdl sta uscendo dal tunnel buio in cui altri lo avevano fatto immergere; siamo pronti ad illustrare come e perchè non chiudiamo ospedali ma facciamo riconversioni di alta professionalità a tutela dei cittadini; siamo pronti  - prosegue Chiavaroli - a dimostrare dati alla mano come, a fronte di un'offerta quantitativa e qualitativa che abbiamo aumentato a favore degli abruzzesi, il bilancio sanitario comincia ad arrivare al pareggio nonostante i disastri economici e gli sprechi del passato; siamo pronti»  afferma infine il portavoce del gruppo.

Fonte: primadanoi.it del 29-06-2011

Area commenti di FaceBook
 n. 1 
Cari politici dello sfascio italiano ed abruzzese, tra qualche tempo non occuperete più quelle poltrone, e gli abruzzesi vi ricorderanno come la peste nera.
Inserito da  incazzato  il 29/06/2011 alle ore 10:43:48
 n. 2 
Non c'è problema, ci sono le strutture private
Inserito da  Cazzone Tipo  il 29/06/2011 alle ore 13:41:51
 n. 3 
Oggi abbiamo appreso che il Governo, approvando la manovra, con un colpo di spugna, annullerà la sentenza del TAR-L’Aquila che disponeva l’immediata riapertura dei piccoli ospedali dismessi! Così il Presidente Chiodi e la Commisssaria Baraldi divengono i liquidatori ufficiali degli ospedali delle zone interne che vengono di fatto private di quel poco di sanità decente che c’era.
Ancora non riesco a capire: lo Stato prima ha stabilito che siano le Regioni a legiferare sulla Sanità ed ora annulla tutto e dà questi poteri al solo Presidente della Regione Abruzzo il quale chiude i piccoli ospedali cercando di salvare quelli della Sua Provincia di Teramo!!!
E tutto ciò alla faccia dei Consiglieri della maggioranza che non contano nulla, addirittura muti e perfettamente ignari di quello che stà accadendo!!
Non voglio esprimere giudizi su di loro ma voglio ringraziarli per il loro grande impegno soprattutto per aver svenduto il nostro voto per un misero vitalizio che il loro stesso partito stà per ridurlo al minimo!!
Arrivederci alle prossime!!!
Dr. Pierluigi Natale (Presidente Comitato Civico)
Inserito da  Dr. Pierluigi Natale  il 30/06/2011 alle ore 01:03:42
 n. 4 
Questa è la conferma che siamo ormai da tempo in pieno regime ditattoriale!!!
Ma questi buffoni che ci goveranno, possibile che non capiscono che un terrritorio va prima messo in sicurezza con nuove strutture e poi possono pure convertire ciò che vogliono?
Possibile che non capiscono cose che anche un bambino di tre anni capirebbe?
Inserito da  superincazzato  il 30/06/2011 alle ore 07:15:37
 n. 5 
non aspetto altro che il momento in cui questi vigliacconi verranno nel nostro paese con quelle facce da ebeti a chiedere il nostro voto !!!
venite vigliacchi, venite pure !!!!
Inserito da  a pummadore a la facce  il 03/07/2011 alle ore 02:48:08
Inserisci un commento
Autore
E-mail o Sito Web

Prima dell'invio, inserisci i numeri del codice di sicurezza che vedi apparire qui sotto

Codice di sicurezza

AVVERTENZE da leggere prima di postare i commenti
Non sono consentiti:
1) messaggi inseriti interamente con caratteri maiuscoli
2) messaggi non inerenti al post
3) messaggi pubblicitari
4) messaggi con linguaggio offensivo e/o lesivo nei confronti di terzi
5) messaggi che contengono turpiloquio
6) messaggi con contenuto sessista, razzista ed antisemitico

7) messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

8) messaggi inseriti col copia ed incolla di lunghi articoli


La Redazione di casoli.org si riserva il diritto di rimuovere qualsiasi dato inserito, senza preavviso e senza fornire alcuna motivazione.

In ogni caso, casoli.org non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi e non risponde per eventuali controversie che dovessero insorgere tra gli utenti. Ogni utente è responsabile dei dati che inserisce e ad ogni sua azione corrisponde un indirizzo IP registrato su database.

 
 

casoli.org è un sito pubblicato sotto Licenza Creative Commons

Dove non specificato diversamente, è possibile riprodurre il materiale: non alterandolo, citando sempre la fonte e non traendone vantaggi economici.


Riferimento legislativo sulla privacy

Legge 633 del 22 aprile 1941 e successive modifiche ed integrazioni
Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio
SEZIONE II
Diritti relativi al ritratto.
Art. 97
Non occorre il consenso della persona ritrattata quando la riproduzione dell'immagine è giustificata dalla notorietà o dall'ufficio pubblico coperto da necessità di giustizia o di polizia, da scopi scientifici, didattici o culturali, o quando la riproduzione è collegata a fatti, avvenimenti, cerimonie di interesse pubblico o svoltisi in pubblico.
Il ritratto non può tuttavia essere esposto o messo in commercio, quando l'esposizione o messa in commercio rechi pregiudizio all'onore, alla reputazione od anche al decoro della persona ritratta.


Nota (ndr): per quanto attiene il ritratto di minori, la pubblicazione nei termini e modi indicati nel precedente Art. 97, è vietata solo per i minori coinvolti in vicende giudiziarie (art.13 D.P.R. 22/09/88 n.448 ed art.50 D.L. 30/06/03 n.196, che estende il divieto anche ai casi di coinvolgimento a qualunque titolo del minore in procedimenti giudiziari in materie diverse da quella penale).

Torna in alto |

 

.

 

 
 Cerca nelle News

 

         Cerca nelle FotoNotizie

METEO

"L’uomo è nato libero, ma dovunque è in catene" (Jean J.Rousseau)

 
 
 
casoli.org Mobile
::: LE NEWS DAL WEB :::

::: ARCHIVIO :::

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             
FotoNotizie

News - Audio - Video

Amarcord (1)
Ambiente (141)
Ambrosia (44)
Archeologia (23)
Attualità (8)
AudioComune (19)
AudioEventi (2)
AudioOspedale (2)
AudioStoria (10)
Autori (12)
Avvisi (53)
Beni culturali (38)
Calendario eventi (22)
Cinema (30)
Comune (240)
Comunità Montana (11)
Concerti (144)
Concorsi (34)
Corsi (22)
Cronaca (75)
DiversAbili (41)
Emigrazione (23)
Eventi (438)
Foto FB (6)
Internet (19)
Interviste (9)
Lavoro (7)
Libri (113)
Menu (1)
Mostre (46)
Musei (1)
Musica (36)
Ospedale (195)
Politica (43)
Recensioni (6)
Regione (16)
Solidarietà (36)
Spettacoli (82)
Sport (83)
Storia (80)
VideoAmarcord (4)
VideoAmbiente (16)
VideoAmbrosia (9)
VideoAntropologia (1)
VideoArcheologia (11)
VideoAttualità (13)
VideoBeniCulturali (6)
VideoCartoline (5)
VideoClip (1)
VideoConcerti (70)
VideoConsiglio (6)
VideoCronaca (39)
VideoEmigrazione (4)
VideoEventi (34)
VideoFeste (12)
VideoFolclore (5)
VideoInterviste (4)
VideoLibri (18)
VideoMeteo (5)
VideoMusica (5)
VideoNatura (4)
VideoOspedale (50)
VideoReligiosi (20)
VideoSolidarietà (8)
VideoSpettacoli (30)
VideoSport (20)
VideoStoria (42)
VideoTradizioni (10)
Vignette (12)


Catalogati per mese:
Luglio 2002
Agosto 2002
Settembre 2002
Ottobre 2002
Novembre 2002
Dicembre 2002
Gennaio 2003
Febbraio 2003
Marzo 2003
Aprile 2003
Maggio 2003
Giugno 2003
Luglio 2003
Agosto 2003
Settembre 2003
Ottobre 2003
Novembre 2003
Dicembre 2003
Gennaio 2004
Febbraio 2004
Marzo 2004
Aprile 2004
Maggio 2004
Giugno 2004
Luglio 2004
Agosto 2004
Settembre 2004
Ottobre 2004
Novembre 2004
Dicembre 2004
Gennaio 2005
Febbraio 2005
Marzo 2005
Aprile 2005
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Ultimi commenti:
Online sociology essay writing...
08/06/2020 alle ore 09:18:15
Inserito da Sociology Assignment Writ
Il sindaco resta a casa, ma i ...
03/04/2020 alle ore 13:41:15
Inserito da nico menna
qual' è il protocollo di profi...
03/04/2020 alle ore 10:52:43
Inserito da H
vi sembra una cosa normale il ...
08/07/2019 alle ore 13:01:16
Inserito da star dust
MOVE ONE... ottima osservazion...
13/04/2019 alle ore 12:41:20
Inserito da casoli.org
Spiegate anche, perché tenete ...
11/04/2019 alle ore 08:48:07
Inserito da MOVE ON
ATTENZIONE!! In seguito al suc...
30/12/2018 alle ore 17:34:26
Inserito da casoli.org
Complimenti alla bella organiz...
07/10/2018 alle ore 13:56:50
Inserito da Maria Menna- Roma
http :// www . mednat . org /s...
12/09/2018 alle ore 12:50:06
Inserito da R.B.
Faccia un ulteriore sforzo, um...
12/09/2018 alle ore 12:40:26
Inserito da regno bacteria

Valid xhtml 1.0 / css