News » Articolo
Inserito da Redazione il 06/08/2011 alle ore 07:44:20 - sez. Ambiente - visite: 2531 

Goletta Verde di Legambiente presenta i dati sullo stato di salute del mare e delle coste dell’Abruzzo
9 i punti incriminati per alti livelli di inquinamento microbiologico. La provincia di Chieti con 6 aree critiche sul banco degli imputati
Goletta Verde di Legambiente presenta i dati sullo stato di salute del mare e delle coste dell’Abruzzo

Legambiente: “Sistema fuori controllo su fossi e torrenti. Sono 365mila gli abruzzesi senza depuratore. Necessari interventi urgenti per adeguare il sistema di trattamento delle acque reflue

Link correlati

Sono preoccupanti i risultati del monitoraggio effettuato da Legambiente in Abruzzo: sono 9 infatti i punti critici segnalati nella regione per inquinamento microbiologico causato da fossi e foci di torrenti. Sette i punti risultati fortemente inquinati, cioè con concentrazioni di batteri fecali superiori al doppio dei limiti previsti dalla legge. Questo quanto riportato oggi in conferenza stampa a Pescara da Goletta Verde, la celebre campagna di Legambiente dedicata al monitoraggio e all’informazione sullo stato di salute delle coste e delle acque italiane, realizzata anche grazie al contributo del Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati, di Corepla, Consorzio Ecogas e Novamont . Ad esporre i risultati delle analisi realizzate dai biologi di Legambiente sul territorio regionale sono intervenuti Stefano Ciafani, responsabile scientifico di Legambiente, Angelo Di Matteo, presidente di Legambiente Abruzzo, Antonio Sangiuliano, coordinatore della segreteria di Legambiente Abruzzo, Antonio Mastrostefano, direttore Strategie, Comunicazione e Sistemi del COOU.

Dagli elementi raccolti dal laboratorio mobile dei tecnici dell’associazione ambientalista, risulta evidente che, anche in Abruzzo, l’inefficienza, ed in taluni casi la mancanza, di adeguate strutture di depurazione per le acque reflue rappresenta un’emergenza a cui è doveroso porre rimedio al fine di garantire a cittadini e turisti la possibilità di godere delle bellezze marine senza correre rischi di tipo sanitario. Le analisi dei tecnici di Goletta Verde hanno permesso di effettuare un’istantanea sulla qualità delle acque regionali, e hanno messo in evidenza diverse situazioni critiche.

Sei i punti critici emersi in provincia di Chieti. Tra questi, il prelievo effettuato nel comune di San Salvo in località di San Salvo Marina, presso il Fosso Buonanotte, è stato classificato come inquinato. Nel comune di Rocca San Giovanni, in località Contrada Foce, i risultati dei campionamenti nel Torrente Valle delle Grotte hanno evidenziato la presenza di acque fortemente inquinate. Sempre nella stessa provincia, altri due punti sono stati segnalati per gli alti livelli di inquinamento microbiologico. Il primo, nel comune di Torino di Sangro, in località Lago Dragoni, campionato presso il Fosso del Diavolo, è risultato fortemente inquinato. Il secondo, ricadente nel comune di Fossacesia, in località San Giovanni in Venere (abbazia), è stato analizzato dalle acque del Fosso San Giovanni e ha ugualmente dato prova di essere fortemente inquinato. I prelievi compiuti nel comune di Ortona, non hanno dato risultati migliori: il Fosso Riccio, in località Torre Mucchia ha evidenziato forti livelli di inquinamento. Il problema dell’inquinamento dei fossi assume toni significativi anche nel Fosso San Lorenzo, che insiste nel comune di Francavilla al Mare e precisamente in località Foro Via Tosti, dove sono stati rilevati alti livelli di contaminazione batteriologica.

Due i punti fuori legge in provincia di Teramo. Nel comune di Silvi, in località Silvi Marina, due prelievi hanno entrambi evidenziato alti livelli di inquinamento microbiologico. Nel primo caso, sono state campionante le acque del Fosso Concio che sono risultate fortemente inquinate. Stessa situazione nel secondo punto di campionamento: le acque del Torrente Cerrano hanno evidenziato presenza di batteri tali da essere classificate come fortemente inquinate.

Un punto critico infine nella provincia di Pescara. Il Fosso Mazzocco, che rientra nel territorio del comune di Montesilvano, precisamente in località Santa Filomena, dalle analisi microbiologiche effettuate è risultato inquinato.

La situazione abruzzese riflette purtroppo un’emergenza nazionale - dichiara Stefano Ciafani, responsabile scientifico di Legambiente -. La mancata depurazione e l’inadeguatezza delle strutture esistenti per il trattamento delle acque reflue rappresentano un vero e proprio tallone d’Achille per il nostro Paese. Ad oggi, la copertura del servizio in Italia arriva appena al 70%, lasciando ben 18 milioni di abitanti sprovvisti di sistemi adeguati di trattamento delle acque. Il termine ultimo per adeguarsi alla direttiva era fissato a fine Dicembre 2005, ma a molti anni di distanza, il “Belpaese” si ritrova con un sistema ancora deficitario e con l’ennesima procedura d’infrazione aperta a suo carico dalla Commissione Europea. Secondo la Gazzetta Ufficiale europea del 29 gennaio 2011, sono 168 i Comuni medio grandi del nostro Paese che non si sono ancora conformati alla direttiva europea per il corretto ed efficiente trattamento dei reflui urbani. Vorremmo tanto che il nostro Paese spendesse più utilmente i soldi pubblici per realizzare fognature e depuratori efficienti, piuttosto che spenderli per pagare inutilmente le inevitabili multe europee che nessuno ci condonerà”.

Non ci sono solo i nove punti critici evidenziati da Goletta Verde ma anche sei tratti di costa già noti alla Regione per motivi di inquinamento che sono risultati tali anche dalle nostre analisi - dichiara Angelo Di Matteo presidente di Legambiente Abruzzo -. La situazione che emerge sembra fuori controllo. Chiediamo alla Regione ed ai Comuni di risalire alla causa di questo inquinamento per migliorare lo stato di salute del mare abruzzese che costituisce una delle fonti principale dell’economia della nostra regione”.

Le aree già segnalate dalla Regione Abruzzo nella delibera 185 del 14 marzo 2011 come non balneabili e permanentemente vietate o non balneabili per motivi sanitari e soggette a misure di miglioramento sono le foci del Fiume Osento a Torino di Sangro, Torrente Moro a San Vito Chietino, fosso Peticcio a Ortona, Saline a Montesilvano, Tordino a Giulianova, Vibrata a Martinsicuro.

I divieti sulla balneazione non possono essere la soluzione del problema - afferma Antonio Sangiuliano, coordinatore della Segreteria di Legambiente Abruzzo -, ma si deve intervenire fornendo di adeguati sistemi di depurazione i 365mila abitanti della nostra regione che ne sono ancora sprovvisti, che spesso vivono nell’entroterra. Ci auguriamo che in questa regione si intraprendano percorsi virtuosi per sanare i problemi esistenti che a partire dalla depurazione mettano in campo politiche ambientali degne di quella che viene definita la Regione italiana dei Parchi

Quest’anno il Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati è Main Partner della storica campagna estiva di Legambiente. “La difesa dell’ambiente, e del mare in particolare, rappresenta uno dei capisaldi della nostra azione”, ha detto in conferenza Antonio Mastrostefano, direttore Strategie, Comunicazione e Sistemi del COOU. L’olio usato è ciò che si recupera alla fine del ciclo di vita dei lubrificanti nei macchinari industriali, ma anche nelle automobili, nelle barche e nei mezzi agricoli di ciascun cittadino. “Se eliminato in modo scorretto - ha sottolineato Mastrostefano - questo rifiuto pericoloso può danneggiare l’ambiente in modo gravissimo: 4 chili di olio usato, il cambio di un’auto, se versati in mare inquinano una superficie grande come un campo di calcio”. A contatto con l’acqua, l’olio lubrificante usato crea una patina sottile che impedisce alla flora e alla fauna sottostante di respirare. Lo scorso anno nella Regione Abruzzo il Consorzio ha raccolto 3.767 tonnellate di oli lubrificanti usati: 1.498 nella provincia di Chieti, 950 a Teramo, 660 all’Aquila e 659 a Pescara.

Il Monitoraggio scientifico

I prelievi alla base delle nostre considerazioni, vengono eseguiti dalla squadra di tecnici di Legambiente, l’altra anima della Goletta Verde, che viaggia via terra a bordo di un laboratorio mobile grazie al quale è possibile effettuare le analisi chimiche direttamente in situ con l’ausilio di strumentazione da campo. I campioni per le analisi microbiologiche sono prelevati in barattoli sterili e conservati in frigorifero, fino al momento dell’analisi, che avviene nei laboratori mobili lo stesso giorno di campionamento o comunque entro le 24 ore dal prelievo. I parametri indagati sono microbiologici (enterococchi intestinali, escherichia coli) e chimico-fisici (temperatura dell’acqua, pH, ossigeno disciolto, conducibilità / salinità).

Comunicato Stampa Legambiente Abruzzo del 03-07-2011

Area commenti di FaceBook
 n. 1 
i dati diramati da legambiente in questi giorni, sullo stato di salute del tratto di mare che si appresta ad essere una vera risorsa turistica, economia alternativa per la ns zona, con la nascita della costa dei trabocchi e acquisizione avvenuta questi giorni dell'ex tracciato ferroviario ( e qua mi chiedo , proprio nel bel mezzo della stagione balneare li dovevano fornire sti dati ? a ottobre no ? ) sono compatibili e verificabili con il ministero della salute sezione acque di balneazione ??? sono controllati anche dall'assessore all'ambiente e turismo regione abruzzo ? o hanno libero movimento e arbitrio sulle ns coste e fiumi ? cioè, qualcuno istituzionalmente li segue? verifica ? i loro dati sono compatibili con quelli istituzionali ?? E-)
Inserito da  portaleacque  il 06/08/2011 alle ore 11:34:49
 n. 2 
ma perchè ? l'acqua dell'adriatico è buona ? ti risulta tale ? oppure i politici, gli industriali e gli imprenditori che hanno mire sulla costa dei trabocchi farebbero bene a sistemare al più presto gli scarichi industriali e civili, prima di fare i filosofi della cultura e del turismo ?
Inserito da  borea  il 07/08/2011 alle ore 11:44:47
Inserisci un commento
Autore
E-mail o Sito Web

Prima dell'invio, inserisci i numeri del codice di sicurezza che vedi apparire qui sotto

Codice di sicurezza

AVVERTENZE da leggere prima di postare i commenti
Non sono consentiti:
1) messaggi inseriti interamente con caratteri maiuscoli
2) messaggi non inerenti al post
3) messaggi pubblicitari
4) messaggi con linguaggio offensivo e/o lesivo nei confronti di terzi
5) messaggi che contengono turpiloquio
6) messaggi con contenuto sessista, razzista ed antisemitico

7) messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

8) messaggi inseriti col copia ed incolla di lunghi articoli


La Redazione di casoli.org si riserva il diritto di rimuovere qualsiasi dato inserito, senza preavviso e senza fornire alcuna motivazione.

In ogni caso, casoli.org non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi e non risponde per eventuali controversie che dovessero insorgere tra gli utenti. Ogni utente è responsabile dei dati che inserisce e ad ogni sua azione corrisponde un indirizzo IP registrato su database.

 
 

casoli.org è un sito pubblicato sotto Licenza Creative Commons

Dove non specificato diversamente, è possibile riprodurre il materiale: non alterandolo, citando sempre la fonte e non traendone vantaggi economici.


Riferimento legislativo sulla privacy

Legge 633 del 22 aprile 1941 e successive modifiche ed integrazioni
Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio
SEZIONE II
Diritti relativi al ritratto.
Art. 97
Non occorre il consenso della persona ritrattata quando la riproduzione dell'immagine è giustificata dalla notorietà o dall'ufficio pubblico coperto da necessità di giustizia o di polizia, da scopi scientifici, didattici o culturali, o quando la riproduzione è collegata a fatti, avvenimenti, cerimonie di interesse pubblico o svoltisi in pubblico.
Il ritratto non può tuttavia essere esposto o messo in commercio, quando l'esposizione o messa in commercio rechi pregiudizio all'onore, alla reputazione od anche al decoro della persona ritratta.


Nota (ndr): per quanto attiene il ritratto di minori, la pubblicazione nei termini e modi indicati nel precedente Art. 97, è vietata solo per i minori coinvolti in vicende giudiziarie (art.13 D.P.R. 22/09/88 n.448 ed art.50 D.L. 30/06/03 n.196, che estende il divieto anche ai casi di coinvolgimento a qualunque titolo del minore in procedimenti giudiziari in materie diverse da quella penale).

Torna in alto |

 

.

 

 
 Cerca nelle News

 

         Cerca nelle FotoNotizie

METEO

"L’uomo è nato libero, ma dovunque è in catene" (Jean J.Rousseau)

 
 
 
casoli.org Mobile
::: LE NEWS DAL WEB :::

::: ARCHIVIO :::

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             
FotoNotizie

News - Audio - Video

Amarcord (1)
Ambiente (141)
Ambrosia (44)
Archeologia (23)
Attualità (8)
AudioComune (19)
AudioEventi (2)
AudioOspedale (2)
AudioStoria (10)
Autori (12)
Avvisi (54)
Beni culturali (38)
Calendario eventi (22)
Cinema (30)
Comune (240)
Comunità Montana (11)
Concerti (144)
Concorsi (34)
Corsi (22)
Cronaca (75)
DiversAbili (41)
Emigrazione (23)
Eventi (438)
Foto FB (6)
Internet (19)
Interviste (9)
Lavoro (7)
Libri (113)
Menu (1)
Mostre (46)
Musei (1)
Musica (36)
Ospedale (196)
Politica (43)
Recensioni (6)
Regione (16)
Solidarietà (36)
Spettacoli (82)
Sport (84)
Storia (80)
VideoAmarcord (4)
VideoAmbiente (16)
VideoAmbrosia (9)
VideoAntropologia (1)
VideoArcheologia (11)
VideoAttualità (13)
VideoBeniCulturali (6)
VideoCartoline (5)
VideoClip (1)
VideoConcerti (70)
VideoConsiglio (6)
VideoCronaca (39)
VideoEmigrazione (4)
VideoEventi (34)
VideoFeste (12)
VideoFolclore (5)
VideoInterviste (4)
VideoLibri (18)
VideoMeteo (5)
VideoMusica (5)
VideoNatura (4)
VideoOspedale (50)
VideoReligiosi (20)
VideoSolidarietà (8)
VideoSpettacoli (30)
VideoSport (20)
VideoStoria (42)
VideoTradizioni (10)
Vignette (12)


Catalogati per mese:
Luglio 2002
Agosto 2002
Settembre 2002
Ottobre 2002
Novembre 2002
Dicembre 2002
Gennaio 2003
Febbraio 2003
Marzo 2003
Aprile 2003
Maggio 2003
Giugno 2003
Luglio 2003
Agosto 2003
Settembre 2003
Ottobre 2003
Novembre 2003
Dicembre 2003
Gennaio 2004
Febbraio 2004
Marzo 2004
Aprile 2004
Maggio 2004
Giugno 2004
Luglio 2004
Agosto 2004
Settembre 2004
Ottobre 2004
Novembre 2004
Dicembre 2004
Gennaio 2005
Febbraio 2005
Marzo 2005
Aprile 2005
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Ultimi commenti:
Online sociology essay writing...
08/06/2020 alle ore 09:18:15
Inserito da Sociology Assignment Writ
Il sindaco resta a casa, ma i ...
03/04/2020 alle ore 13:41:15
Inserito da nico menna
qual' è il protocollo di profi...
03/04/2020 alle ore 10:52:43
Inserito da H
vi sembra una cosa normale il ...
08/07/2019 alle ore 13:01:16
Inserito da star dust
MOVE ONE... ottima osservazion...
13/04/2019 alle ore 12:41:20
Inserito da casoli.org
Spiegate anche, perché tenete ...
11/04/2019 alle ore 08:48:07
Inserito da MOVE ON
ATTENZIONE!! In seguito al suc...
30/12/2018 alle ore 17:34:26
Inserito da casoli.org
Complimenti alla bella organiz...
07/10/2018 alle ore 13:56:50
Inserito da Maria Menna- Roma
http :// www . mednat . org /s...
12/09/2018 alle ore 12:50:06
Inserito da R.B.
Faccia un ulteriore sforzo, um...
12/09/2018 alle ore 12:40:26
Inserito da regno bacteria

Valid xhtml 1.0 / css