News » Articolo
Inserito da Redazione il 13/04/2005 alle ore 17:07:33 - sez. Recensioni - visite: 12198 

Quel luogo di eremiti e santi
L'area intorno alla Torre di Prata, a Casoli, un tempo era meta di preghiera. Il complesso, punto di osservazione faunistica, nasconderebbe i resti di Sant'Ilarione
Quel luogo di eremiti e santi

di Chiara De Gregorio

Home page di Prata | Link correlati

INGRANDISCI

Clicca sull'immagine per leggere l'articolo

Navigando in Internet si possono trovare tesori inaspettati, misteriosi, preziosi ed inediti. La rete delle reti racconta tante storie curiose... come quella riguardo il castellum di Prata a Casoli, in provincia di Chieti. Una ricerca accurata, precisa, esaustiva, pubblicata lo scorso novembre sul sito www.casoli.org, curata con passione da Elisio Cipolla e da sua moglie, Maria Carmela Ricci. E ora, che il racconto abbia inizio...

La Torre di Prata, in località "La Torretta" di Casoli, era un antico avamposto militare di epoca longobarda risalente ai secoli VI e VII. La prima notizia dell'esistenza della località denominata Prata risale al nono secolo ed è registrata nel "Memoratorium dell'abate Bertario, che resse l'abbazia di Monte cassino dall'anno 856 all'anno 883. La comunità che si era insediata nel feudo di Prata, diffondendosi ed evangelizzando buona parte dell'Abruzzo, crebbe di numero e di ciò beneficiarono i contadini dei borghi limitrofi: Casoli, Gessopalena, Civitella Messer ai Monti, Torricella Peligna, Lama dei Peligni.

Quei buoni monaci non perdevano occasione di avere frequenti contatti con il popolo, sia in occasione di feste religiose, sia con l'andare in giro per le case, portando a tutti una parola di fede, di speranza e di amore, secondo lo spirito del Vangelo. Non si limitavano, tuttavia, solo alla cura delle anime, spesso mettevano a disposizione dei contadini e degli animali le loro conoscenze in campo medico ed erboristico, in una visione perfettamente integrale di anima e corpo.

Intorno all'anno Mille, maturi di anni e di esperienze, i monaci cambiarono le loro esistenze e divennero eremiti; questi religiosi, per restare più vicini a  Dio in spirito di meditazione e penitenza, chiedevano il permesso ai loro compagni e si allontanavano dal monastero per dirigersi verso mete di contemplazione, in cui tendevano a mettere stabili radici ed a dare dignità a quei luoghi, per quanto umili fossero. Gli eremi erano grotte naturali, in cui i monaci continuarono la loro esistenza terrena dialogando con Dio, senza trascurare i rari incontri con i compagni che, attratti dalla fama della loro santità, li cercavano raggiungendoli nelle grotte. Ebbe così origine quel particolare fenomeno denominato "Movimento eremitico abruzzese" legato alla Maiella ed alle valli limitrofe, a cui fa riferimento padre Donatangelo Lupinetti, nel saggio storico-antropologico "Sant'Antonio Abate": Chi non ha sentito parlare degli eremiti e degli eremi della Maiella e del Morrone? Si pensi allo storico eremitaggio di Santo Spirito, alla badia Morronese ed a tutti i celestini che vi dimorarono, dal loro santo fondatore in poi (...). 

Per scendere a qualche esempio, ricordiamo in particolare i famosi santi sette eremiti, che la tradizione vuole giunti dalle Calabrie e stabiliti nella valle dell'Aventino, sul ver sante orientale della Maiella. E' vero che sul loro conto si desiderano documenti e notizie più precise ma, allo stato delle cose, per noi i loro semplici nomi sono già un poema: attestano per ininterrotta "tradizione locale", l'esistenza di uno straordinario fenomeno che colpì fortemente le popola zioni di quelle zone. Con certezza si può affermare che Sant'Ilarione dimorò, per un periodo di tempo, nel monastero di San Martino in Canale, prima di intraprendere il lungo viaggio che lo condusse alle pendici orientali della Maiella.
Dopo alcuni anni dalla fondazione del monastero di Prata, l'anziano archimandrita Ilarione morì ed il corpo riposa, probabilmente, ancora nel feudo di Prata; in una nota opera, il canonico Falcocchio nel 1847 scrive: "Si vuole che il corpo di Sant' Ilarione giaccia ancora ignoto in Prata". Infatti la sua salma non fu mai traslata dal monastero e le ricerche del suo corpo, a più di mille anni dalla morte, non sono mai state effettuate. Al nome di Ilarione si aggiungono quelli di altri eremiti, che hanno conosciuto la pace in quel di Prata: San Nicola Greco, patrono di Guardiagrele; Sant'Orante, patrono di Ortucchio; San Falco, protettore di Palena; San Rinaldo, patrono di Fallascoso; San Franco, protettore di Francavilla al mare; San Giovanni Stabile, giunto dal meridione a Fara San Martino; San Giovanni Eremita, che trascorse i suoi giorni nella terra di Rosello, nella diocesi di Trivento, in quel luogo che, oggi, dal suo nome è chiamato San Giovanni in Verde. Infine Santo Stefano del Lupo, protettore di Carovilli, in provincia di Isernia. 

Attualmente di tutto l'antico complesso architettonico dell'epoca si può vedere solo una torre resa tronca dal tempo. L'assetto odierno del territorio non corrisponde a quello dell'antica Prata: frane ed alluvioni hanno cambiato la morfologia della zona. Nel 1999 l'antica torretta è stata donata al Comune, per essere trasformata in punto di os servazione faunistica al centro della nuova oasi Wwf della Lecceta di Casoli. Fino ad oggi sono stati realizzati interventi per il consolidamento della muratura portante della torretta; nel corso dei lavori sono tornati alla luce feritoie e gradini ricavati nello spessore della muratura. I lavori, che contemplano pure il ripristino del solaio ligneo a livello medio della torretta e la realizzazione del pavimento al secondo livello ed il recupero delle facciate esterne, termineranno entro breve tempo.

Un restyling necessario per ridare lustro ad una testimonianza diretta, di un passato ancora vivo e vitale. Ma è necessario, pure, continuare a ricercare tutto ciò che si nasconde intorno all'intera area denominata Castellum de Prata; tentare di raccogliere ogni piccolo indizio che consenta di individuare l'insediamento del centro religioso, dove pregarono tanti santi e padri della Chiesa. Una storia preziosa, la storia di un luogo che nasconde tesori dal valore inestimabile.
Una storia che il futuro deve ancora raccontare...

Fonte: "Abruzzo Oggi" del 12-04-2005 

Area commenti di FaceBook
Nessun commento inserito.

Inserisci un commento
Autore
E-mail o Sito Web

Prima dell'invio, inserisci i numeri del codice di sicurezza che vedi apparire qui sotto

Codice di sicurezza

AVVERTENZE da leggere prima di postare i commenti
Non sono consentiti:
1) messaggi inseriti interamente con caratteri maiuscoli
2) messaggi non inerenti al post
3) messaggi pubblicitari
4) messaggi con linguaggio offensivo e/o lesivo nei confronti di terzi
5) messaggi che contengono turpiloquio
6) messaggi con contenuto sessista, razzista ed antisemitico

7) messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

8) messaggi inseriti col copia ed incolla di lunghi articoli


La Redazione di casoli.org si riserva il diritto di rimuovere qualsiasi dato inserito, senza preavviso e senza fornire alcuna motivazione.

In ogni caso, casoli.org non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi e non risponde per eventuali controversie che dovessero insorgere tra gli utenti. Ogni utente è responsabile dei dati che inserisce e ad ogni sua azione corrisponde un indirizzo IP registrato su database.

 
 

casoli.org è un sito pubblicato sotto Licenza Creative Commons

Dove non specificato diversamente, è possibile riprodurre il materiale: non alterandolo, citando sempre la fonte e non traendone vantaggi economici.


Riferimento legislativo sulla privacy

Legge 633 del 22 aprile 1941 e successive modifiche ed integrazioni
Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio
SEZIONE II
Diritti relativi al ritratto.
Art. 97
Non occorre il consenso della persona ritrattata quando la riproduzione dell'immagine è giustificata dalla notorietà o dall'ufficio pubblico coperto da necessità di giustizia o di polizia, da scopi scientifici, didattici o culturali, o quando la riproduzione è collegata a fatti, avvenimenti, cerimonie di interesse pubblico o svoltisi in pubblico.
Il ritratto non può tuttavia essere esposto o messo in commercio, quando l'esposizione o messa in commercio rechi pregiudizio all'onore, alla reputazione od anche al decoro della persona ritratta.


Nota (ndr): per quanto attiene il ritratto di minori, la pubblicazione nei termini e modi indicati nel precedente Art. 97, è vietata solo per i minori coinvolti in vicende giudiziarie (art.13 D.P.R. 22/09/88 n.448 ed art.50 D.L. 30/06/03 n.196, che estende il divieto anche ai casi di coinvolgimento a qualunque titolo del minore in procedimenti giudiziari in materie diverse da quella penale).

Torna in alto |

 

.

 

 
 Cerca nelle News

 

         Cerca nelle FotoNotizie

METEO

"Può darsi che non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non farete nulla per cambiarla." (Martin Luther King)

 
 
 
casoli.org Mobile
::: LE NEWS DAL WEB :::

::: ARCHIVIO :::

< dicembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           
FotoNotizie

News - Audio - Video

Amarcord (1)
Ambiente (139)
Ambrosia (44)
Archeologia (21)
Attualità (7)
AudioComune (19)
AudioEventi (2)
AudioOspedale (2)
AudioStoria (10)
Autori (12)
Avvisi (49)
Beni culturali (35)
Calendario eventi (43)
Cinema (30)
Comune (228)
Comunità Montana (11)
Concerti (142)
Concorsi (33)
Corsi (21)
Cronaca (67)
DiversAbili (41)
Emigrazione (23)
Eventi (407)
Foto FB (6)
Internet (17)
Interviste (9)
Lavoro (6)
Libri (104)
Menu (1)
Mostre (43)
Musei (1)
Musica (35)
Ospedale (192)
Politica (41)
Recensioni (6)
Regione (16)
Solidarietà (36)
Spettacoli (81)
Sport (79)
Storia (75)
VideoAmarcord (4)
VideoAmbiente (16)
VideoAmbrosia (9)
VideoAntropologia (1)
VideoArcheologia (11)
VideoAttualità (13)
VideoBeniCulturali (5)
VideoCartoline (5)
VideoClip (1)
VideoConcerti (70)
VideoConsiglio (5)
VideoCronaca (39)
VideoEmigrazione (4)
VideoEventi (33)
VideoFeste (12)
VideoFolclore (5)
VideoInterviste (4)
VideoLibri (18)
VideoMeteo (5)
VideoMusica (5)
VideoNatura (4)
VideoOspedale (50)
VideoReligiosi (20)
VideoSolidarietà (7)
VideoSpettacoli (30)
VideoSport (20)
VideoStoria (41)
VideoTradizioni (10)
Vignette (12)


Catalogati per mese:
Luglio 2002
Agosto 2002
Settembre 2002
Ottobre 2002
Novembre 2002
Dicembre 2002
Gennaio 2003
Febbraio 2003
Marzo 2003
Aprile 2003
Maggio 2003
Giugno 2003
Luglio 2003
Agosto 2003
Settembre 2003
Ottobre 2003
Novembre 2003
Dicembre 2003
Gennaio 2004
Febbraio 2004
Marzo 2004
Aprile 2004
Maggio 2004
Giugno 2004
Luglio 2004
Agosto 2004
Settembre 2004
Ottobre 2004
Novembre 2004
Dicembre 2004
Gennaio 2005
Febbraio 2005
Marzo 2005
Aprile 2005
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018

Ultimi commenti:
Complimenti alla bella organiz...
07/10/2018 alle ore 13:56:50
Inserito da Maria Menna- Roma
http :// www . mednat . org /s...
12/09/2018 alle ore 12:50:06
Inserito da R.B.
Faccia un ulteriore sforzo, um...
12/09/2018 alle ore 12:40:26
Inserito da regno bacteria
La famiglia Talone ringrazia v...
06/09/2018 alle ore 09:36:58
Inserito da La moglie
Vorrei macinare del grano soli...
11/06/2018 alle ore 20:56:03
Inserito da fioravante scamuffa
correggo 15 lt pro capite, è p...
23/01/2018 alle ore 09:58:52
Inserito da j
135000 quintali x 15 LT a quin...
23/01/2018 alle ore 09:55:07
Inserito da green beam
portate le motoseghe, olio e b...
12/12/2017 alle ore 14:53:10
Inserito da tooth saw
ospedale di zona disagiata in ...
29/11/2017 alle ore 08:46:18
Inserito da TIME
Buongiorno. Vi rigiro il messa...
20/10/2017 alle ore 10:07:53
Inserito da casoli.org

Valid xhtml 1.0 / css