News » Articolo
Inserito da Redazione il 30/03/2007 alle ore 20:21:12 - sez. Mostre - visite: 3006 

Mostra sui Bizantini al castello di Roccascalegna
Mostra sui Bizantini al castello di Roccascalegna

“Da Bisanzio all’Abruzzo: le guerre bizantino-longobardo-normanne in Italia”

Dall’1 aprile al 2 settembre 2007

Il Castello di Roccascalegna ospita una mostra sui Bizantini e sulle guerre bizantino-longobarde-normanne in Italia. Per la prima volta in Europa, ricostruita appositamente ed esposta, la macchina da guerra per il lancio del terribile “fuoco greco”.
La mostra sarà aperta al pubblico dall’1 aprile al 2 settembre 2007.
Il castello, posto su un vertiginoso strapiombo, venne edificato nell’XI secolo sui resti di una fortificazione risalente alla lunga guerra fra Longobardi e Bizantini. Dopo un sapiente restauro questo avamposto militare ai piedi della Maiella è oggi completamente visitabile.

La Chieti storica e la mostra
Chieti, dopo la fine dell'impero romano conobbe un periodo di decadimento, fu quasi distrutta dai Goti, dominata dai Bizantini e infine inclusa dai Longobardi prima nel ducato di Spoleto e poi in quello di Benevento, finché divenne contea sotto i Normanni con giurisdizione su un vastissimo territorio della regione. Partendo da questi avvenimenti svoltisi in Italia, la mostra spazia analizzando gli eventi bellici e in particolare l’armamento delle fazioni in campo, con maggiore attenzione verso quello bizantino. La mostra si avvale di esaurienti pannelli, scritti in modo approfondito ma adatto a tutti, e di riproduzioni di armi, ricostruite in modo scientifico con gli stessi materiali dell’epoca e perfettamente funzionanti, così come dettato dall’archeologia sperimentale. Le armi e i manufatti sono stati realizzati appositamente dalla ditta Istorica di Bari, famosa a livello europeo per quanto riguarda la consulenza storica oplologica e l’archeologia sperimentale medievale, e riguardano il periodo 1040 - 1100. Svariate le fonti storiche e iconografiche studiate per la mostra, primo dei quali il famoso Arazzo di Bayeux.

Il cavaliere normanno
Fra gli altri, la mostra esporrà il manichino di un cavaliere normanno munito di elmo conico con nasale, camaglio, usbergo a mezza manica lungo, farsetto imbottito, spada con pomo a mandorla, il pugnale detto “sax”, scudo ad aquilone, lancia con punta fortemente cuspidata, pantaloni, fasce per gambe e mani, scarpe in cuoio e speroni. Sempre per quanto riguarda i Normanni ci sarà anche un manichino raffigurante un “balistarius” e cioè un balestriere, con elmo, farsetto, balestra, ascia da fianco, faretra porta quadrelli, ossia frecce, pantaloni, cinta, scarpe e fasce. A parte, non asservite a manichini, saranno esposte altre armi da difesa e offesa normanne come elmi di varie fogge, arco corto, faretre e frecce, lance, scudi, vari tipi di spade e asce da combattimento.
Per quanto riguarda i Bizantini sarà esposto un manichino raffigurante un soldato catafratto, ossia pesantemente protetto ed armato, con elmo, cotta di maglia corta, armatura in cuoio lamellare, spada con fodero e cinta, lancia, scudo, pantaloni, scarpe e speroni. Un altro manichino riguarderà un classico fante bizantino, con elmo, armatura in cuoio, camicia di lino, spada corta, lancia manesca e quindi corta, scudo, pantaloni e scarpe. A parte saranno esposte altre armi bizantine come l’arco ricurvo, faretra con frecce, pugnale, borraccia e fiaschetta per l’aceto, che serviva a depurare e dare sapore all’acqua da bere.

Il pezzo unico: la macchina lanciafiamme

La mostra esporrà anche un pezzo unico, mai realizzato prima in Europa e quindi di straordinario interesse per gli appassionati di storia medievale e di armamenti. Si tratta del lanciafiamme bizantino, una macchina in grado di lanciare a distanza il famoso “fuoco greco”, una miscela altamente infiammabile che fu per secoli l’arma segreta dei bizantini, la cui formula ancora oggi non è conosciuta anche se è intuita. La macchina, realizzata grazie al contributo dell’amministrazione comunale di Roccascalegna, sarà in legno, bronzo e cuoio e si presenta come un “pezzo” avente la forma di un carro munito di serbatoio, pompa a mano, condotti e parti notevolmente complesse, e una “bocca da fuoco” brandeggiabile terminante con una lunga canna metallica e un puntale, con relativo meccanismo di accensione con fiamma pilota. Il fuoco greco era di diversi tipi, lanciabile anche con catapulte e in bombe a mano, e una varietà si incendiava persino al solo contatto con l’acqua, e le fiamme non potevano essere spente con questa. Addirittura se si tentava di spegnerle con l’acqua le fiamme divenivano ancora più veementi (erano invece efficaci l’aceto o l’orina, ma anche questo era un segreto). La realizzazione della macchina, di notevole complessità viste le quasi inesistenti descrizioni tecniche, per l’appunto coperte all’epoca da segreto militare, ha avuto la consulenza di due esperti italiani e cioè Flavio Russo e Giovanni Todaro, entrambi autori di testi e studi sulle macchine da guerra romane e medievali. A prescindere dalla mostra, il lanciafiamme bizantino rimarrà permanentemente esposto al castello di Roccascalegna, tranne nei periodi in cui potrà essere esposto su richiesta nell’ambito di musei ed eventi di rievocazione storica.

Il Castello di Roccascalegna
Il Castello di Roccascalegna, arroccato su un gigantesco masso arenario, domina le colline circostanti da uno strapiombo verticale alto oltre cento metri. Grazie alle massicce mura e alle innovazioni tecniche e militari dell’epoca, il castello era conosciuto fin dagli arabi con il nome di “Ruqqah Gawrali”, tanto che ne scrisse nel XII secolo anche il geografo Edrisi ne “Il Libro di re Ruggiero”. Benché Roccascalegna sorga nell’entroterra abruzzese, in provincia di Chieti, dista in linea d’aria solo una ventina di chilometri dal mare e quindi gode di un clima dolce che favorisce la macchia mediterranea insieme a estesi boschi di querce e ginepri. In questa zona, appena al margine del Parco della Maiella, anche la fauna è ricca, con cinghiali, camosci, cervi e, sporadicamente, lupi. Come si capirà, il turrito castello, le montagne con i boschi secolari ricchi di animali selvatici, le leggende che permeano questi luoghi contribuiscono a evocare tutti gli ingredienti di tante fiabe che, non a caso, si svolgono nel Medioevo. Solo che in questo caso Roccascalegna non è fiaba, ma storia e realtà.
Anticamente in questa zona vivevano i Sabellici, e in particolare le tribù dei Carricini e dei Frentani, presto assoggettati alla potenza di Roma. Dopo la caduta di questo impero, i territori abruzzesi furono scossi da sanguinosi eventi bellici, come la guerra greco-gotica del VI secolo. Fra i Bizantini, padroni della fascia costiera, e i Longobardi, occupanti l’entroterra, la strategia militare di ambe le parti incluse la creazione di rocche e castelli. A Roccascalegna per l’appunto, grazie anche alle possibilità difensive del luogo, i Longobardi crearono un insediamento che secoli dopo, ossia nel periodo Normanno-Svevo (XI-XII secolo), venne ulteriormente potenziato con il vero e proprio castello, munito di ponte levatoio, dormitori per i soldati, magazzini, una chiesetta, una cisterna per la raccolta dell’acqua piovana e persino un apposito locale per i servizi igienici, particolare allora generalmente avveniristico e tuttora esistente. Adatto a fronteggiare le armi ossidionali dell’epoca, come mangani e arieti, il castello di Roccascalegna, come del resto tutti gli altri, risentì dell’avvento delle armi da fuoco come le bombarde e quindi dovette essere adeguato a questa nuova e devastante minaccia. Nel periodo Angioino-Aragonese (XV secolo) le torri prima quadrate vennero arrotondate per deflettere i colpi e le mura furono ispessite.

Apertura e ingresso
Visitare Roccascalegna significa rivivere l’atmosfera del passato, assaporare una cucina tipica gustosa e variegata e ammirare panorami grandiosi. Il castello (salvo visite prenotate per gruppi e scolaresche) è aperto in marzo e aprile il sabato, domenica e festivi con orario 10/1315/18 (Pasquetta con orario continuato 9/21); in maggio il sabato, domenica e festivi con orario 10/1315/18; in giugno il sabato, domenica con orario 10/1315/18; dall’1 luglio al 2 settembre tutti i giorni con orario 10/1315/20 (Ferragosto con orario continuato 9/21). In seguito e fino all’1 novembre è aperto solo il sabato, la domenica e i festivi, con orari 10/13 - 15/18. Il biglietto costa 3 euro, il ridotto 2 euro.

Per informazioni:
Pro Loco di Roccascalegna, tel/fax. 0872 987505 – 338 7756873
Sito Web: www.castelloroccascalegna.it 
E-Mail: prolocoroccascalegna@libero.it 
Ufficio stampa tel. 348-9000276
E-Mail: mediaro@tiscali.it 

Comunicato Stampa Pro Loco di Roccascalegna

Area commenti di FaceBook
Nessun commento inserito.

Inserisci un commento
Autore
E-mail o Sito Web

Prima dell'invio, inserisci i numeri del codice di sicurezza che vedi apparire qui sotto

Codice di sicurezza

AVVERTENZE da leggere prima di postare i commenti
Non sono consentiti:
1) messaggi inseriti interamente con caratteri maiuscoli
2) messaggi non inerenti al post
3) messaggi pubblicitari
4) messaggi con linguaggio offensivo e/o lesivo nei confronti di terzi
5) messaggi che contengono turpiloquio
6) messaggi con contenuto sessista, razzista ed antisemitico

7) messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

8) messaggi inseriti col copia ed incolla di lunghi articoli


La Redazione di casoli.org si riserva il diritto di rimuovere qualsiasi dato inserito, senza preavviso e senza fornire alcuna motivazione.

In ogni caso, casoli.org non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi e non risponde per eventuali controversie che dovessero insorgere tra gli utenti. Ogni utente è responsabile dei dati che inserisce e ad ogni sua azione corrisponde un indirizzo IP registrato su database.

 
 

casoli.org è un sito pubblicato sotto Licenza Creative Commons

Dove non specificato diversamente, è possibile riprodurre il materiale: non alterandolo, citando sempre la fonte e non traendone vantaggi economici.


Riferimento legislativo sulla privacy

Legge 633 del 22 aprile 1941 e successive modifiche ed integrazioni
Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio
SEZIONE II
Diritti relativi al ritratto.
Art. 97
Non occorre il consenso della persona ritrattata quando la riproduzione dell'immagine è giustificata dalla notorietà o dall'ufficio pubblico coperto da necessità di giustizia o di polizia, da scopi scientifici, didattici o culturali, o quando la riproduzione è collegata a fatti, avvenimenti, cerimonie di interesse pubblico o svoltisi in pubblico.
Il ritratto non può tuttavia essere esposto o messo in commercio, quando l'esposizione o messa in commercio rechi pregiudizio all'onore, alla reputazione od anche al decoro della persona ritratta.


Nota (ndr): per quanto attiene il ritratto di minori, la pubblicazione nei termini e modi indicati nel precedente Art. 97, è vietata solo per i minori coinvolti in vicende giudiziarie (art.13 D.P.R. 22/09/88 n.448 ed art.50 D.L. 30/06/03 n.196, che estende il divieto anche ai casi di coinvolgimento a qualunque titolo del minore in procedimenti giudiziari in materie diverse da quella penale).

Torna in alto |

 

.

 

 
 Cerca nelle News

 

         Cerca nelle FotoNotizie

METEO

"La vera libertà di stampa è dire alla gente ciò che la gente non vorrebbe sentirsi dire" (George Orwell

 
 
 
casoli.org Mobile
::: LE NEWS DAL WEB :::

::: ARCHIVIO :::

< novembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
FotoNotizie

News - Audio - Video

Amarcord (1)
Ambiente (141)
Ambrosia (44)
Archeologia (23)
Attualità (8)
AudioComune (19)
AudioEventi (2)
AudioOspedale (2)
AudioStoria (10)
Autori (12)
Avvisi (54)
Beni culturali (38)
Calendario eventi (22)
Cinema (30)
Comune (240)
Comunità Montana (11)
Concerti (144)
Concorsi (34)
Corsi (22)
Cronaca (75)
DiversAbili (41)
Emigrazione (23)
Eventi (439)
Foto FB (6)
Internet (19)
Interviste (9)
Lavoro (7)
Libri (113)
Menu (1)
Mostre (46)
Musei (1)
Musica (36)
Ospedale (196)
Politica (43)
Recensioni (6)
Regione (16)
Solidarietà (36)
Spettacoli (82)
Sport (84)
Storia (80)
VideoAmarcord (4)
VideoAmbiente (16)
VideoAmbrosia (9)
VideoAntropologia (1)
VideoArcheologia (11)
VideoAttualità (13)
VideoBeniCulturali (6)
VideoCartoline (5)
VideoClip (1)
VideoConcerti (70)
VideoConsiglio (6)
VideoCronaca (39)
VideoEmigrazione (4)
VideoEventi (34)
VideoFeste (12)
VideoFolclore (5)
VideoInterviste (4)
VideoLibri (18)
VideoMeteo (5)
VideoMusica (5)
VideoNatura (4)
VideoOspedale (50)
VideoReligiosi (20)
VideoSolidarietà (8)
VideoSpettacoli (30)
VideoSport (20)
VideoStoria (42)
VideoTradizioni (10)
Vignette (12)


Catalogati per mese:
Luglio 2002
Agosto 2002
Settembre 2002
Ottobre 2002
Novembre 2002
Dicembre 2002
Gennaio 2003
Febbraio 2003
Marzo 2003
Aprile 2003
Maggio 2003
Giugno 2003
Luglio 2003
Agosto 2003
Settembre 2003
Ottobre 2003
Novembre 2003
Dicembre 2003
Gennaio 2004
Febbraio 2004
Marzo 2004
Aprile 2004
Maggio 2004
Giugno 2004
Luglio 2004
Agosto 2004
Settembre 2004
Ottobre 2004
Novembre 2004
Dicembre 2004
Gennaio 2005
Febbraio 2005
Marzo 2005
Aprile 2005
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020

Ultimi commenti:
Online sociology essay writing...
08/06/2020 alle ore 09:18:15
Inserito da Sociology Assignment Writ
Il sindaco resta a casa, ma i ...
03/04/2020 alle ore 13:41:15
Inserito da nico menna
qual' è il protocollo di profi...
03/04/2020 alle ore 10:52:43
Inserito da H
vi sembra una cosa normale il ...
08/07/2019 alle ore 13:01:16
Inserito da star dust
MOVE ONE... ottima osservazion...
13/04/2019 alle ore 12:41:20
Inserito da casoli.org
Spiegate anche, perché tenete ...
11/04/2019 alle ore 08:48:07
Inserito da MOVE ON
ATTENZIONE!! In seguito al suc...
30/12/2018 alle ore 17:34:26
Inserito da casoli.org
Complimenti alla bella organiz...
07/10/2018 alle ore 13:56:50
Inserito da Maria Menna- Roma
http :// www . mednat . org /s...
12/09/2018 alle ore 12:50:06
Inserito da R.B.
Faccia un ulteriore sforzo, um...
12/09/2018 alle ore 12:40:26
Inserito da regno bacteria

Valid xhtml 1.0 / css