News » Articolo
Inserito da Redazione il 28/04/2015 alle ore 11:56:36 - sez. Libri - visite: 3396 

LA TRAGEDIA DI MATTMARK 50 ANNI DOPO
Durante il seminario del 4 Marzo 2015 organizzato dall'Ist. Algeri Marino di Casoli presso il Cinema Comunale, Nicola Verna ha presenatto il suo libro 'Bruciati dal ghiaccio, La tragedia di Mattmark (Svizzera) – 30 agosto 1965' .
LA TRAGEDIA DI MATTMARK

Nel seguente articolo il riassunto di quella tragica giornata dove hanno trovato la morte anche due operai di Gessopalena, Ginetta Bozzi e Raffaele Innaurato

Link correlati

Clicca sulla locandina per ingrandire


Il 4 Marzo 2015, in un incontro al Teatro Comunale di Casoli, organizzato dall'Ist. "A. Marino", in presenza della dirigete scolasatica Costanza Cavaliere, degli autori dell'autori Nicola Verna e Antonio D'Orazio e del Prof. Tommaso Giovannangelo, è stata ricordata la tragedia di Mattmark, avvenuta 50 anni fa in Svizzera, durante la costruzione di una diga il 30 Agosto 1965, dove morirono 88 persone, tra cui 56 italiani. Tra le vittime abruzzesi, c'erano: Ginetta Bozzi e Raffaele Innaurato, entrambi di Gessopalena.
Durante il seminario di studio, dopo l'introduzione della dirigente scolastica Dott.ssa Costanza Cavaliere, sono stati proiettati dei video e sono stati presentati, dagli stessi autori, i due seguenti libri:
"BRUCIATI DAL GHIACCIO" , autore Nicola Verna (Ires Abruzzo Edizioni).
"L'UMANITA' SEPOLTA", autori Antonio D'Orazio e Nicola Verna (Ires Abruzzo.Edizioni)
Nicola Verna dopo aver illustrato le immagini di repertorio della costruzione della diga e poi della tragedia, ha letto delle testimonianze di alcuni abruzzesi, parenti delle viottime e altri scampati al grave incidente.
Il prof. Tommaso Giovannangelo, ha invece concluso i lavori parlando degli aspetti tecnici della diga e delle centrali idroelettriche annesse.

Clicca sull'immagine per vedere l'album del seminario


Di seguito un riassunto tratto dal libro "Bruciati dal ghiaccio, La tragedia di Mattmark (Svizzera) - 30 agosto 1965", di Nicola Verna:

LO SCENARIO
La valle di Saas sale fino alle pareti del Monte Rosa, nei pressi del paese di Macugnaga, in Provincia di Novara. E' situata nelle alpi del vallese (Svizzera), sulla direttrice Briga - Losanna - Ginevra.
Nell'alta valle di Saas, c'è Mattmark e il ghiacciaio dell'Allalin, definito dagli abitanti del luogo «la strega», il paese più vicino è Saas Almagell.
Sorgeva lì uno dei cantieri idroelettrici più grandi d'Europa, ad un'altitudine di 2.150 metri. I lavori iniziarono nel 1962.  La diga fu costruita con pietre raccolte alla base della montagna con l'uso di potenti ruspe. Sulla traiettoria del ghiacciaio avevano costruito delle baracche per ufficio, mensa, officina, dormitorio, spaccio, era una piccola città del lavoro. Gli studi geologici erano stati compiuti da esperti del politecnico di Zurigo.

LE CONDIZIONI DI LAVORO
Il lavoro era duro e si operava in condizioni ambientali a volte proibitive.  I camion erano pesanti, senza balestre, saltavano ad ogni buca; bisognava indossare le panciere  per evitare danni fisici, il percorso era pieno di ostacoli, a volte nevicava anche ad agosto.
Racconta Carlo Martelli di Lanciano (Chieti): "Lì c'era solo da lavorare. Mai posso scordarmi, mi  dicevano i vecchi: «Per il freddo mi sono scoppiate le mani a sangue». Questo fatto è successo a me sul cantiere".  Francesco Achenza di 38 anni, uno dei tre sardi periti nella tragedia, scriveva al fratello Sebastiano: "Non è bello lavorare di notte. Siamo dentro una tomba, non vediamo nulla, siamo  circondati da montagne e non vediamo altro che neve. Non voglio che dite niente ai miei, dite che è un bel posto" .
Gaetano Casentino, uno delle 7 vittime di S. Giovanni in Fiore, scriveva il 24 maggio 1965 ai suoi amici in paese: "Sulle vette nevose svizzere sferzano carni sangiovesi, temprate alle fatiche e  dal cimento del gelo, abbiamo preso il colore della morte. Abbiate pietà!! Abbracci Gaetano".

LA TRAGEDIA
Alle 17,00 di lunedì 30 agosto la vita al cantiere si svolgeva con regolarità: degli operai erano al lavoro alle cave di materiale morenico ai piedi del ghiacciaio, con i grandi camion Enclid  trasportavano il materiale, altri operavano sull'assestamento della diga. Forse altri cento si  trovavano nelle baracche del cantiere: nelle officine, negli uffici, nelle mense, nei dormitori.
Il bacino del ghiacciaio ha la forma di un imbuto; nella parte più stretta, in basso, era stato sistemato il cantiere: scelta oculata e ponderata, diranno i tecnici.
Alle 17,15, una parte consistente della punta del ghiacciaio Allalin, si staccò e precipitò a valle. In pochi attimi oltre un milione di metri cubi di ghiaccio si diresse sul cantiere, spazzando tutto  quello che si trovava sulla sua traiettoria.
Sotto 30 metri di ghiaccio rimasero sepolte 88 persone di cui 56 italiani; tra questi, gli abruzzesi: Giovanni Papa (di Campli TE), Camillo Nasuti (di Lanciano CH), Ginetta Bozzi e Raffaele Innaurato (di Gessopalena CH), e il molisano Reginaldo Petrocelli (di Acquaviva IS).
Si salvarono Piacentino Campitelli, Martelli Carlo, Paolo Nasuti e Fantini Giovanni di Lanciano. Campitelli Piacentino ricorda: "Le ruspe D8 e D9 furono accartocciate come carta stagnola. Le lamiere avevano uno spessore di otto centimetri e furono attorcigliate."
I soccorsi arrivarono con molta celerità, ma presto un senso di impotenza attraversò gli operai che avviarono lo sgombero del ghiaccio. Seppure le ruspe e i camion fossero giganteschi, rispetto al mostro di ghiaccio sembravano dei moscerini.
"Quello che era un immenso cantiere nel quale risuonavano le parlate e i dialetti di mezza Europa, si è trasformato nello spazio di pochi minuti in un desolato cimitero" scrisse Bruno Romani sul Messaggero del settembre 1965.

LE VITTIME ABRUZZESI
Gessopalena, definita dai giornali dell'epoca la «seconda Cassino d'Italia», distrutta per il 90 % nell'ultimo conflitto mondiale, apprende, il primo settembre 1965, la notizia ufficiale dal sindaco  Nicola D'orazio che precedentemente aveva ricevuto comunicazione dalla stazione dei carabinieri  di Torricella Peligna. Raffaele Innaurato e Ginetta Bozzi erano da considerarsi dispersi nella  tragedia di Mattmark. Il 2 settembre, il Console di Briga telegrafò al Sindaco D'Orazio  informandolo che una squadra impegnata nei soccorsi aveva rinvenuto il corpo martoriato di  Raffaele Innaurato.
«La Stampa» del primo settembre 1965 scriveva: " .... oltre metà delle vittime sono italiani, poveri  uomini arrivati qui da ogni parte della Penisola, dall'estremo nord all'estremo sud e fra loro c'è  anche una ragazza, Ginetta Bozza, una cameriera abruzzese che ci descrivono gaia, felice del suo  lavoro e che ora è là, sotto il peso immenso della valanga, che forse l’ha sorpresa con sulle labbra l’ultimo sorriso".
Camillo Nasuti di Lanciano, 22 anni, era partito nel 1963 e lavorava come ruspista nel cantiere di  Mattmark. Non era sposato, voleva costruire una nuova casa per sé e i propri genitori. Lo ricordano sempre intraprendente e con la voglia di lavorare.
Giovanni Papa era nato a Giulianova il 30 gennaio 1924. Si era sposato con Rosa Ripani di Teramo,  nel 1945 si trasferì a Pagannoni di Campli. Aveva due figli Guerrino e Michele.  Nel 1959 emigrò in Svizzera. Nel 1964 morì la moglie e, il figlio più grande (Guerino), seguì il  padre e lavorò nello stesso cantiere. A Pagannoni di Campli lo ricordavano tutti con ammirazione. Era una persona generosa, disposta ad ascoltare gli altri, sempre sorridente, nonostante i tanti guai.

I PROCESSI E L'ASSOLUZIONE DEGLI IMPUTATI
Nella seduta della Camera del 28 settembre 1965, il Governo di centro sinistra, presieduto dall'on. Aldo Moro, annunciò l'esclusione dell'Italia dall'inchiesta sulle cause della sciagura di Mattmark.
Diciassette persone, fra direttori, ingegneri del cantiere ed alti funzionari del genio civile e delle  assicurazioni, verranno rinviate a giudizio e processate a Visp, nel Vallese, con l'accusa di  «omicidio per negligenza». Nel marzo del 1971 tutti gli imputati saranno assolti. Nell'ottobre del  1972 il processo d'Appello, che si svolgerà a Sion, non solo confermerà l'assoluzione degli  imputati, ma condannerà anche i parenti delle vittime a sostenere metà delle spese processuali.
Il 20 ottobre 1972, il Consiglio comunale di Gessopalena, riunito in sessione straordinaria, protestò  contro la sentenza dei Tribunali svizzeri.
Il Governo italiano non intervenne in modo efficace e determinato nella vicenda, nonostante le  pressioni dell' opposizione. C'era stato però un precedente inquietante; il 14 febbraio 1965, la  Svizzera aveva adottato un pesante provvedimento xenofobo: la chiusura delle frontiere e l'arresto  immediato per le persone sprovviste di un permesso di residenza. Il ricatto dell'espulsione era molto forte, sarebbe divenuta una diaspora di dimensioni gigantesche.

LE RESPONSABILITA’
Nel 2005, alcuni operai e le loro famiglie tornarono a Mattmark dopo 40 anni, accompagnati dal  rappresentante della municipalità di Lanciano Umberto Di Francescantonio. Il progetto del viaggio,  elaborato dalla musicista Vilma Campitelli, figlia di Piacentino, uno dei lavoratori del cantiere  svizzero, fu approvato e finanziato dal comune di Lanciano, sindaco Paolini.
Queste ricorrenze, assumono un carattere prettamente celebrativo, nessuno parla di responsabilità, i convegni in Svizzera sulla sicurezza nei luoghi di lavoro sono utilizzati per mettere in evidenza i  progressi che si sono fatti in questo campo negli ultimi 50 anni. Servono anche a ribadire che dopo Mattmark non si sono verificati incidenti di quella portata, quasi a sottolineare che occorressero delle vittime sacrificali per migliorare le condizioni di lavoro. In realtà, se si ricostruiscono le storie individuali dei lavoratori di quel periodo si capisce subito che  nessuno di loro abbandonava la propria casa e la propria terra per immolarsi affinché ci fosse una  diversa attenzione sulla sicurezza del lavoro in futuro.
Partivano per sostenere le proprie misere famiglie, partivano perché volevano assicurare un futuro  ai propri figli, fornendo loro i mezzi per studiare. Parlare di evento naturale imprevedibile come causa della tragedia non rende giustizia a quanti si  sono sacrificati in quel cantiere.
Le baracche costruite sulla traiettoria del ghiacciaio dell' Allalin è prova evidente della  considerazione che si aveva allora della vita di chi, in prima persona, dava l'anima per realizzare al  meglio quel progetto. Le immagini del cantiere dopo il disastro sono eloquenti. La diga è posta fuori dalla portata del  ghiacciaio. La diga si salvaCome mai le baracche vengono lasciate in piena traiettoria del ghiacciaio?
A tutto questo nessuno ha mai dato una risposta plausibile.  Eppure le testimonianze di glaciologi, geologi, lavoratori, giornali svizzeri e italiani fanno pensare  che il disastro si poteva evitare.
La disposizione logistica delle baracche sul cantiere faceva guadagnare un'ora per andare e un'ora  per tornare dal cantiere-base. La diga fu così terminata due anni prima. Sul cantiere lavoravano ingegneri di alto profilo, conoscevano il pericolo, più volte segnalato dalle maestranze.  Se si parla ancora di casualità e di fatto naturale si insulta la scienza.
I nostri emigranti hanno dato il meglio della loro giovinezza, con coraggio, dedizione e competenza. Hanno migliorato la vita dei paesi ospitanti e del loro paese d'origine. Si sono espressi al meglio nel lavoro, e ne hanno fatto uno strumento di elevazione morale. Negli ultimi 50 anni però il patrimonio prodotto dai nostri lavoratori all'estero è stato dilapidato. I nostri giovani tornano ad emigrare. Nella galleria che costeggia il bacino idroelettrico di Mattmark, nei pressi della lapide di Raffaele Innaurato e di Ginetta Bozzi di Gessopalena, si percepisce appena una scritta nascosta, impressa nel cemento: “Raffaele il tuo sacrificio non è stato vano. Italia 13 - 8 – 84”.
Il rispetto l'hanno conquistato nella gelida tomba di Mattmark. Ora Giovanni, Raffaele, Camillo, Ginetta, Reginaldo sono nella storia, fanno parte della memoria collettiva, il silenzio è spezzato, esiste un'altra verità, non hanno più bisogno dei tribunali svizzeri. E il segreto di stato sui processi possono pure tenerselo.

Tratto dal libro "Bruciati dal ghiaccio, La tragedia di Mattmark (Svizzera) - 30 agosto 1965", di NICOLA VERNA - Ires Abruzzo Edizioni, Pescara 2009

Area commenti di FaceBook
Nessun commento inserito.

Inserisci un commento
Autore
E-mail o Sito Web

Prima dell'invio, inserisci i numeri del codice di sicurezza che vedi apparire qui sotto

Codice di sicurezza

AVVERTENZE da leggere prima di postare i commenti
Non sono consentiti:
1) messaggi inseriti interamente con caratteri maiuscoli
2) messaggi non inerenti al post
3) messaggi pubblicitari
4) messaggi con linguaggio offensivo e/o lesivo nei confronti di terzi
5) messaggi che contengono turpiloquio
6) messaggi con contenuto sessista, razzista ed antisemitico

7) messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

8) messaggi inseriti col copia ed incolla di lunghi articoli


La Redazione di casoli.org si riserva il diritto di rimuovere qualsiasi dato inserito, senza preavviso e senza fornire alcuna motivazione.

In ogni caso, casoli.org non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi e non risponde per eventuali controversie che dovessero insorgere tra gli utenti. Ogni utente è responsabile dei dati che inserisce e ad ogni sua azione corrisponde un indirizzo IP registrato su database.

 
 

casoli.org è un sito pubblicato sotto Licenza Creative Commons

Dove non specificato diversamente, è possibile riprodurre il materiale: non alterandolo, citando sempre la fonte e non traendone vantaggi economici.


Riferimento legislativo sulla privacy

Legge 633 del 22 aprile 1941 e successive modifiche ed integrazioni
Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio
SEZIONE II
Diritti relativi al ritratto.
Art. 97
Non occorre il consenso della persona ritrattata quando la riproduzione dell'immagine è giustificata dalla notorietà o dall'ufficio pubblico coperto da necessità di giustizia o di polizia, da scopi scientifici, didattici o culturali, o quando la riproduzione è collegata a fatti, avvenimenti, cerimonie di interesse pubblico o svoltisi in pubblico.
Il ritratto non può tuttavia essere esposto o messo in commercio, quando l'esposizione o messa in commercio rechi pregiudizio all'onore, alla reputazione od anche al decoro della persona ritratta.


Nota (ndr): per quanto attiene il ritratto di minori, la pubblicazione nei termini e modi indicati nel precedente Art. 97, è vietata solo per i minori coinvolti in vicende giudiziarie (art.13 D.P.R. 22/09/88 n.448 ed art.50 D.L. 30/06/03 n.196, che estende il divieto anche ai casi di coinvolgimento a qualunque titolo del minore in procedimenti giudiziari in materie diverse da quella penale).

Torna in alto |

 

.

 

 
 Cerca nelle News

 

         Cerca nelle FotoNotizie

METEO

"Può darsi che non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non farete nulla per cambiarla." (Martin Luther King)

 
 
 
casoli.org Mobile
::: LE NEWS DAL WEB :::

::: ARCHIVIO :::

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
FotoNotizie

News - Audio - Video

Amarcord (1)
Ambiente (141)
Ambrosia (44)
Archeologia (23)
Attualità (8)
AudioComune (19)
AudioEventi (2)
AudioOspedale (2)
AudioStoria (10)
Autori (12)
Avvisi (50)
Beni culturali (36)
Calendario eventi (20)
Cinema (30)
Comune (231)
Comunità Montana (11)
Concerti (144)
Concorsi (34)
Corsi (22)
Cronaca (71)
DiversAbili (41)
Emigrazione (23)
Eventi (436)
Foto FB (6)
Internet (18)
Interviste (9)
Lavoro (7)
Libri (113)
Menu (1)
Mostre (45)
Musei (1)
Musica (36)
Ospedale (194)
Politica (43)
Recensioni (6)
Regione (16)
Solidarietà (36)
Spettacoli (82)
Sport (82)
Storia (80)
VideoAmarcord (4)
VideoAmbiente (16)
VideoAmbrosia (9)
VideoAntropologia (1)
VideoArcheologia (11)
VideoAttualità (13)
VideoBeniCulturali (5)
VideoCartoline (5)
VideoClip (1)
VideoConcerti (70)
VideoConsiglio (6)
VideoCronaca (39)
VideoEmigrazione (4)
VideoEventi (34)
VideoFeste (12)
VideoFolclore (5)
VideoInterviste (4)
VideoLibri (18)
VideoMeteo (5)
VideoMusica (5)
VideoNatura (4)
VideoOspedale (50)
VideoReligiosi (20)
VideoSolidarietà (8)
VideoSpettacoli (30)
VideoSport (20)
VideoStoria (42)
VideoTradizioni (10)
Vignette (12)


Catalogati per mese:
Luglio 2002
Agosto 2002
Settembre 2002
Ottobre 2002
Novembre 2002
Dicembre 2002
Gennaio 2003
Febbraio 2003
Marzo 2003
Aprile 2003
Maggio 2003
Giugno 2003
Luglio 2003
Agosto 2003
Settembre 2003
Ottobre 2003
Novembre 2003
Dicembre 2003
Gennaio 2004
Febbraio 2004
Marzo 2004
Aprile 2004
Maggio 2004
Giugno 2004
Luglio 2004
Agosto 2004
Settembre 2004
Ottobre 2004
Novembre 2004
Dicembre 2004
Gennaio 2005
Febbraio 2005
Marzo 2005
Aprile 2005
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Ultimi commenti:
vi sembra una cosa normale il ...
08/07/2019 alle ore 13:01:16
Inserito da star dust
MOVE ONE... ottima osservazion...
13/04/2019 alle ore 12:41:20
Inserito da casoli.org
Spiegate anche, perché tenete ...
11/04/2019 alle ore 08:48:07
Inserito da MOVE ON
ATTENZIONE!! In seguito al suc...
30/12/2018 alle ore 17:34:26
Inserito da casoli.org
Complimenti alla bella organiz...
07/10/2018 alle ore 13:56:50
Inserito da Maria Menna- Roma
http :// www . mednat . org /s...
12/09/2018 alle ore 12:50:06
Inserito da R.B.
Faccia un ulteriore sforzo, um...
12/09/2018 alle ore 12:40:26
Inserito da regno bacteria
La famiglia Talone ringrazia v...
06/09/2018 alle ore 09:36:58
Inserito da La moglie
Vorrei macinare del grano soli...
11/06/2018 alle ore 20:56:03
Inserito da fioravante scamuffa
correggo 15 lt pro capite, è p...
23/01/2018 alle ore 09:58:52
Inserito da j

Valid xhtml 1.0 / css