News » Articolo
Inserito da Redazione il 18/07/2018 alle ore 12:54:35 - sez. Calendario eventi - visite: 1002 

LEO FERRANTE PRESENTA IL SUO PRIMO LIBRO
Casoli 21 Luglio 2018, Castello Ducale presentazione del libro 'Leader si diventa: 11 metodi per guidare gli altri nella vita e nel lavoro'
LEO FERRANTE PRESENTA IL SUO PRIMO LIBRO

Di seguito una recensione “insubordinata” a cura di Simone D’Alessandro sul libro di Leo Ferrante

Guidare gli altri: arte, mestiere o vocazione?
Ferrante non svela l’arcano, rivela ciò che siamo!
La sua è una confessione in forma di manuale.

Leggendo il libro di Leo Ferrante, Leader si diventa: 11 metodi per guidare gli altri nel lavoro e nella vita, edito nel 2018, torna alla mente la lezione di Kierkegaard sulle differenti possibilità dell’esistenza umana, riconducibili a tre stadi: estetico, etico e religioso. L’estetico s’incarna nella figura del seduttore, ma anche dell’artista fedele alle sensazioni immediate, infedele a tutto il resto.
L’etico è riconducibile alla figura del buon marito o dell’indefesso lavoratore che s’impone una disciplina necessaria alla realizzazione del suo progetto. Vivere è per lui mestiere impegnativo e doveroso.
Infine, con lo stadio religioso, l’essere umano è disposto a oltrepassare le regole comuni, pur di inseguire la sua vocazione. Tre stadi dell’esistenza che potrebbero negarsi vicendevolmente o fondersi in un percorso evolutivo ascendente. Accade lo stesso nel processo di leadership, parola che deriva dall’inglese antico “lita” che significa “andare”, ci ricorda Ferrante.
Si può essere leader seducendo, naturalmente inclini a sconvolgere l’altro, per portarlo dove si vuole.
Si può diventare leader per mestiere e con disciplina, abituandosi al miglioramento quotidiano.
Si può, infine, essere leader abbandonandosi alla propria vocazione, integrando libertà e necessità.
Questi modi di condurre, potrebbero contrapporsi o felicemente coniugarsi, ma in che modo?

Ferrante non pretende di risolvere l’arcano! Più concretamente, l’autore mette a nudo le sue riflessioni di professionista che per oltre un decennio ha guidato uomini e donne. Ufficiale dei bersaglieri, l’autore negli ultimi 22 anni ha preso decisioni in situazioni di crisi, sperimentando di persona l’arte del comando.
Le opinioni espresse all’interno del testo riportano unicamente il suo punto di vista e non sono riconducibili alle Forze Armate italiane, questo è un messaggio che l’autore ribadisce nel testo, a scanso di equivoci.
Il libro è una confessione celata sotto le mentite spoglie di un manuale; sentiero che si rivela originale ed efficace, soprattutto nella forma! In uno stile chiaro, asciutto, schematico e in prima persona (quest’ultimo elemento rappresenta un caso raro nella saggistica dedicata al tema, se si esclude Leadership e autoinganno del 2002, curato dai ricercatori dell’Arbinger Institute), l’autore offre una guida ideale per ogni tipologia di lettore. Nell’introduzione al manuale si trova la spiegazione del concetto di leadership accanto ad una metafora dell’albero della leadership, impiegata per descrivere l’approccio dell’autore al tema.

Negli undici capitoli successivi si trovano altrettanti metodi per accrescere la capacità di leadership. Ciascun capitolo è organizzato al suo interno con una premessa alla specifica questione, l’illustrazione del metodo vero e proprio, l’enunciazione di un esempio storico coerente con il metodo e una sintesi finale, utile per chi voglia non soltanto memorizzare, ma metabolizzare il percorso, seguendolo come fosse un breviario per aspiranti condottieri.
Possiamo notare anche la ricchezza di citazioni tratte da studiosi di ogni epoca, dall’irrinunciabile Sun Tzu a von Clausewitz, passando per Yamamoto Tsunetomo. Da Alessandro Magno a Martin Luther King, passando per Napoleone. L’autore ci ricorda (quasi nietzschianamente) che “la verità è che la verità cambia”.

Se lo stile dei grandi condottieri antichi si basava sul terrore, oggi la leadership è più spesso partecipativa, sempre situazionale. Ferrante prende in esame le sole qualità allenabili, perché quelle innate sono lì, inamovibili, mostrandosi convinto della possibilità di una didattica della leadership. Per questo enuclea 11 metodi utilizzabili da ciascuno secondo le proprie inclinazioni.
Ed ecco arrivati al nodo problematico dove il sottoscritto, in qualità di umile ma insubordinato recensore, si permette di ravvisare alcune aporie. E se dietro gli 11 metodi - che forse sarebbe meglio definire suggerimenti, punti di riferimento di un canovaccio - si nascondessero 11 perfette vocazioni?
Facciamo alcuni esempi: il primo metodo insiste sul tema della curiosità, il secondo sulla capacità di ampliare la rete dei contatti. In questo caso un giovane eclettico e curioso, dotato di intelligenza relazionale, potrà migliorare le sue doti leggendo questo libro, oppure semplicemente riconoscerle?
Pur ammettendo che si riconosca in tali attitudini (che, quindi, possiede già anche se in modo acerbo) come possiamo stabilire che sia in grado di migliorare modellizzando i consigli dell’autore?
Dovrebbe essere dotato di altre virtù: disciplina, capacità di semplificare per concentrarsi sull’essenziale, per gestire il tempo (che sono altri tre metodi descritti nel libro), ma potrebbe scoprire di non avere vocazione per questo. Gli 11 metodi, sono in realtà attitudini. Le attitudini non possono venir fuori dal nulla.
Inoltre, molti di questi sono fra loro accorpabili, mentre altri sono difficili da coniugare.
“Semplifica”, “pensa e agisci strategicamente”, “non lasciare che il tempo ti gestisca” appartengono all’essere etico, ma si scontrano con la vocazione estetica che si immedesima con altri metodi presenti nel libro come: “le emozioni sono importanti”, “motiva chi ti sta intorno”, “pensa fuori dagli schemi”.
Quest’ultima capacità, tra l’altro, dovrebbe portare il vero leader a mettere in dubbio tutti i metodi, quando è necessario, al fine di uscire dal pensiero-procedura e prepararsi al salto di paradigma.

Se è vero che la leadership consiste nel saper creare un mondo al quale le persone desiderino appartenere, come asseriva Gilles Pajou, è vero anche che le persone cambiano e che i leader deludono sempre nel tempo, perché anche il più amato capitano coraggioso, a un certo punto, inserisce il pilota automatico, entrando nell’habitus ripetitivo di se stesso. «Negli ultimi cinquant’anni, gli studiosi di leadership hanno condotto più di mille studi per cercare di determinare una volta e per tutte gli stili, le qualità e i tratti caratteriali dei grandi leader. Nessuno di questi studi ha prodotto un chiaro profilo del leader ideale. Meno male. Se gli studiosi avessero individuato uno stile di leadership modello, tutti avrebbero cercato continuamente di imitarlo »: questo è quanto sostenuto dagli studiosi George, Sims, Meclean e Mayer, in un noto saggio pubblicato nel 2007 sulla Harward Business Review, basato sull’analisi di migliaia di studi sulla leadership. Spesso ci dimentichiamo che i modelli sono strumenti utili per affrontare la realtà, ma non sono la realtà.

La mappa non è il territorio. Inoltre, ci si dimentica che le guide non scelgono, ma vengono scelte dai loro seguaci e dai loro tempi. La leadership può essere eroica, carismatica o legittimata, ma non viene creata dal singolo che decide di diventare leader. Essa viene socialmente costruita da molteplici fattori: ruolo, gerarchia, evento, qualità dei seguaci, scarsità o abbondanza di risorse.
Esistono leader scelti dagli eventi (Einstein non volle mai esserlo eppure fu scelto come icona); leader costruttori di eventi (Roosevelt o Gorbačëv, ad esempio); leader che influenzano un’epoca senza che l’opinione pubblica ne prenda atto (Wilson è stato tra i presidenti americani il più ignorato, ma le sue idee furono rivoluzionarie come quella di creare la Società delle Nazioni, tra l’altro fu anche insignito del premio Nobel per la Pace; la Croce Rossa Internazionale venne istituita da un commesso di banca ginevrino, Jean Henry Dunant, sconosciuto ai più); leader che incentivano la critica (Adriano Olivetti); leader che hanno bisogno dei cortigiani (Zdanov); leader che vincono perché collaborano; leader che vincono perché risolvono problemi senza chiedere aiuto; leader che manipolano; leader che caricano le folle; leader di transizione; leader la cui forza dipende da una debolezza. Nel tentativo di trovare le giuste etichette, si sottovaluta il contesto. Quando Sun Tzu parlava delle doti del leader perfetto, affermando dogmaticamente che dovesse possedere “intelligenza, sincerità, audacia e severità”, non avrebbe mai potuto immaginare che in epoche successive si sarebbero affermati leader “incolti, permissivi, codardi e menzogneri”.

La realtà disattiva inaspettatamente qualsiasi manuale, forse per questo Socrate aveva deciso di non scrivere, per non ipostatizzare il pensiero del cambiamento.
Ma questo lo sa bene anche Ferrante quando nel libro scrive che “la leadership, come il nuoto, non si apprende sui libri”. Tuttavia, bisogna fissare dei paletti nella conoscenza dei principi; e questo libro lo fa in modo impeccabile, lasciando al lettore un promemoria, stimolando il desiderio di allenarsi per diventare ciò che si è (direbbe Pindaro), ma ci si è dimenticati di dover essere.

Area commenti di FaceBook
Nessun commento inserito.

Inserisci un commento
Autore
E-mail o Sito Web

Prima dell'invio, inserisci i numeri del codice di sicurezza che vedi apparire qui sotto

Codice di sicurezza

AVVERTENZE da leggere prima di postare i commenti
Non sono consentiti:
1) messaggi inseriti interamente con caratteri maiuscoli
2) messaggi non inerenti al post
3) messaggi pubblicitari
4) messaggi con linguaggio offensivo e/o lesivo nei confronti di terzi
5) messaggi che contengono turpiloquio
6) messaggi con contenuto sessista, razzista ed antisemitico

7) messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

8) messaggi inseriti col copia ed incolla di lunghi articoli


La Redazione di casoli.org si riserva il diritto di rimuovere qualsiasi dato inserito, senza preavviso e senza fornire alcuna motivazione.

In ogni caso, casoli.org non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi e non risponde per eventuali controversie che dovessero insorgere tra gli utenti. Ogni utente è responsabile dei dati che inserisce e ad ogni sua azione corrisponde un indirizzo IP registrato su database.

 
 

casoli.org è un sito pubblicato sotto Licenza Creative Commons

Dove non specificato diversamente, è possibile riprodurre il materiale: non alterandolo, citando sempre la fonte e non traendone vantaggi economici.


Riferimento legislativo sulla privacy

Legge 633 del 22 aprile 1941 e successive modifiche ed integrazioni
Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio
SEZIONE II
Diritti relativi al ritratto.
Art. 97
Non occorre il consenso della persona ritrattata quando la riproduzione dell'immagine è giustificata dalla notorietà o dall'ufficio pubblico coperto da necessità di giustizia o di polizia, da scopi scientifici, didattici o culturali, o quando la riproduzione è collegata a fatti, avvenimenti, cerimonie di interesse pubblico o svoltisi in pubblico.
Il ritratto non può tuttavia essere esposto o messo in commercio, quando l'esposizione o messa in commercio rechi pregiudizio all'onore, alla reputazione od anche al decoro della persona ritratta.


Nota (ndr): per quanto attiene il ritratto di minori, la pubblicazione nei termini e modi indicati nel precedente Art. 97, è vietata solo per i minori coinvolti in vicende giudiziarie (art.13 D.P.R. 22/09/88 n.448 ed art.50 D.L. 30/06/03 n.196, che estende il divieto anche ai casi di coinvolgimento a qualunque titolo del minore in procedimenti giudiziari in materie diverse da quella penale).

Torna in alto |

 

.

 

 
 Cerca nelle News

 

         Cerca nelle FotoNotizie

METEO

"Ognun vede quel che tu pari, pochi sentono quel che tu sei" (N. Macchiavelli)

 
 
 
casoli.org Mobile
::: LE NEWS DAL WEB :::

::: ARCHIVIO :::

< dicembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           
FotoNotizie

News - Audio - Video

Amarcord (1)
Ambiente (139)
Ambrosia (44)
Archeologia (21)
Attualità (7)
AudioComune (19)
AudioEventi (2)
AudioOspedale (2)
AudioStoria (10)
Autori (12)
Avvisi (49)
Beni culturali (35)
Calendario eventi (43)
Cinema (30)
Comune (228)
Comunità Montana (11)
Concerti (142)
Concorsi (33)
Corsi (21)
Cronaca (67)
DiversAbili (41)
Emigrazione (23)
Eventi (407)
Foto FB (6)
Internet (17)
Interviste (9)
Lavoro (6)
Libri (104)
Menu (1)
Mostre (43)
Musei (1)
Musica (35)
Ospedale (192)
Politica (41)
Recensioni (6)
Regione (16)
Solidarietà (36)
Spettacoli (81)
Sport (79)
Storia (75)
VideoAmarcord (4)
VideoAmbiente (16)
VideoAmbrosia (9)
VideoAntropologia (1)
VideoArcheologia (11)
VideoAttualità (13)
VideoBeniCulturali (5)
VideoCartoline (5)
VideoClip (1)
VideoConcerti (70)
VideoConsiglio (5)
VideoCronaca (39)
VideoEmigrazione (4)
VideoEventi (33)
VideoFeste (12)
VideoFolclore (5)
VideoInterviste (4)
VideoLibri (18)
VideoMeteo (5)
VideoMusica (5)
VideoNatura (4)
VideoOspedale (50)
VideoReligiosi (20)
VideoSolidarietà (7)
VideoSpettacoli (30)
VideoSport (20)
VideoStoria (41)
VideoTradizioni (10)
Vignette (12)


Catalogati per mese:
Luglio 2002
Agosto 2002
Settembre 2002
Ottobre 2002
Novembre 2002
Dicembre 2002
Gennaio 2003
Febbraio 2003
Marzo 2003
Aprile 2003
Maggio 2003
Giugno 2003
Luglio 2003
Agosto 2003
Settembre 2003
Ottobre 2003
Novembre 2003
Dicembre 2003
Gennaio 2004
Febbraio 2004
Marzo 2004
Aprile 2004
Maggio 2004
Giugno 2004
Luglio 2004
Agosto 2004
Settembre 2004
Ottobre 2004
Novembre 2004
Dicembre 2004
Gennaio 2005
Febbraio 2005
Marzo 2005
Aprile 2005
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018

Ultimi commenti:
Complimenti alla bella organiz...
07/10/2018 alle ore 13:56:50
Inserito da Maria Menna- Roma
http :// www . mednat . org /s...
12/09/2018 alle ore 12:50:06
Inserito da R.B.
Faccia un ulteriore sforzo, um...
12/09/2018 alle ore 12:40:26
Inserito da regno bacteria
La famiglia Talone ringrazia v...
06/09/2018 alle ore 09:36:58
Inserito da La moglie
Vorrei macinare del grano soli...
11/06/2018 alle ore 20:56:03
Inserito da fioravante scamuffa
correggo 15 lt pro capite, è p...
23/01/2018 alle ore 09:58:52
Inserito da j
135000 quintali x 15 LT a quin...
23/01/2018 alle ore 09:55:07
Inserito da green beam
portate le motoseghe, olio e b...
12/12/2017 alle ore 14:53:10
Inserito da tooth saw
ospedale di zona disagiata in ...
29/11/2017 alle ore 08:46:18
Inserito da TIME
Buongiorno. Vi rigiro il messa...
20/10/2017 alle ore 10:07:53
Inserito da casoli.org

Valid xhtml 1.0 / css