News » Articolo
Inserito da Redazione il 18/08/2007 alle ore 13:03:24 - sez. Libri - visite: 7874 

Casi di discriminazione di genere
Una ricerca che indaga sul perchè nella realtà quotidiana e in particolare in quella del mercato del lavoro, la parità fra donne e uomini non si realizza ancora pienamente
Casi di discriminazione di genere

Il lavoro è stato svolto dalle Consigliere Regionali di Parità Laura Serantoni e Donatella Orioli, e dall'esperta del mercato del lavoro Lucia Ramondo di Casoli.

Il  26 Giugno 2007, presso la Sala C di V.le Aldo Moro n.50 a Bologna, è stata presentata la ricerca  “L’attività delle Consigliere di Parità nella Regione Emilia Romagna: CASI DI DISCRIMINAZIONE DI GENERE - ANNO 2005 - DATI E RIFLESSIONI”. Dopo i saluti e l'introduzione a cura delle Consigliere Regionali di Parità Laura Serantoni e Donatella Orioli, la Dott.ssa Lucia Ramondo ha esposto i contenuti del lavoro svolto. A concludere la presentazione è stata  la Dott.ssa Alessandra Servidori, Docente Centro Studi di Diritto Comparato ADAPT.

«Questa ricerca - dice Michele Tiraboschi nella prefazione - ha il merito di indagare il perché, nonostante gli enormi progressi compiuti sul piano formale e legislativo, nella realtà quotidiana e in particolare in quella del mercato del lavoro, la parità fra donne e uomini non si realizza ancora pienamente anche in una regione come l’Emilia Romagna che pure sul tema è, almeno rispetto alla situazione del nostro paese, all’avanguardia e densa di buone pratiche da analizzare e diffondere anche in ambito Europeo.»

Nel grafico non è rappresentata la Provincia di Parma che non ha
segnalato casi di discriminazione.

«Le Consigliere e i Consiglieri di Parità - dice la Dott.ssa Lucia Ramondo nel primo capitolo del libro - sono membri di diritto all’interno degli organismi di governo locale del mercato del lavoro, con sede presso gli enti territoriali corrispondenti (Regioni e Province); svolgono una funzione pubblica che persegue l’interesse generale nella realizzazione della parità sostanziale tra donne e uomini nel lavoro e sono garanti per le pari opportunità. Hanno dunque un duplice compito istituzionale: la promozione delle politiche di pari opportunità nell’ambito territoriale di competenza e la funzione di garanzia del rispetto della normativa antidiscriminatoria.
Nello specifico si occupano di:
rilevare situazioni di discriminazione basata sul sesso e individuare procedure efficaci per la loro rimozione;
promuovere eventuali azioni in giudizio, nei casi di rilevata discriminazione;
promuovere azioni positive;
sostenere le politiche attive del lavoro, comprese quelle formative, in materia di pari opportunità;
diffondere la conoscenza e lo scambio di buone prassi;
promuovere l’attuazione delle politiche di pari opportunità da parte dei soggetti pubblici e privati che operano nel mercato del lavoro;
promuovere azioni volte a favorire la conciliazione dell’attività professionale con la vita personale e familiare.
»

«La direttiva 2006/54/CE - spiega la Dott.ssa Lucia Ramondo - reca una serie di definizioni relative ai concetti di discriminazione diretta, discriminazione indiretta, molestie e molestie sessuali, come di seguito riportato.
Per discriminazione diretta si intende la "situazione nella quale una persona è trattata meno favorevolmente in base al sesso di quanto un’altra persona sia, sia stata o sarebbe trattata in una situazione analoga".
Le discriminazioni pesano gravemente sulla parità di opportunità che le persone dovrebbero avere per crescere e migliorarsi in ambito sociale, culturale, lavorativo, in quanto non sono motivate dalla valutazione delle capacità, ma si sviluppano sulla base di pregiudizi, ancora oggi molto difficili da sradicare.
Si tratta di un fenomeno molto diffuso ma ancora fortemente sommerso e difficile da identificare anche perché spesso si tratta di discriminazione indiretta, cioè neutra solo in apparenza, definita come la "situazione nella quale una disposizione, un criterio o una prassi apparentemente neutri possono mettere in una condizione di particolare svantaggio le persone di un determinato sesso, rispetto a persone dell’altro sesso, a meno che detta disposizione, criterio o prassi siano oggettivamente giustificati da una finalità legittima e i mezzi impiegati per il suo conseguimento siano appropriati e necessari".
»

«Dalle denunce pervenute negli uffici delle Consigliere di Parità  - continua a Dott.ssa Lucia Ramondo - emergono dati relativi a discriminazioni riguardanti anche casi di molestie e molestie sessuali sul posto di lavoro. A questo proposito è importante sottolineare che oggi è possibile parlare di divieti di molestie e di molestie sessuali perché il diritto comunitario, a partire dal 2000, ha imboccato la strada di un intervento di hard-law attraverso le tre direttive citate 2000/43/CE, 2000/78/CE, 2002/73/CE obbligando, in seguito, il legislatore italiano a regolare il fenomeno. Per molestie si intende la "situazione nella quale si verifica un comportamento indesiderato connesso al sesso di una persona avente lo scopo o l’effetto di violare la dignità di tale persona e di creare un clima intimidatorio, ostile, degradante, umiliante ed offensivo". Per molestie sessuali si intende la "situazione nella quale si verifica un comportamento indesiderato a connotazione sessuale, espresso in forma verbale, non verbale o fisica, avente lo scopo o l’effetto di violare la dignità di una persona, in particolare attraverso la creazione di un clima intimidatorio, ostile, degradante, umiliante o offensivo".
E’ noto che le donne sono le principali vittime delle discriminazioni nel mondo del lavoro; anche se capaci e competenti pagano il prezzo degli stereotipi e soprattutto delle difficoltà legate alla conciliazione tra famiglia e lavoro e alla progressione di carriera. Uno studio realizzato dall’Area Ricerche sui Sistemi del Lavoro dell’Isfol nel 2005, ha evidenziato i problemi relativi alla permanenza delle donne al lavoro dopo la maternità
. E’ emerso che, nel contesto nazionale, la maternità rappresenta il motivo principale di abbandono dell’impiego da parte delle donne e al tempo stesso un motivo discriminante: la gravidanza è infatti spesso all’origine di dimissioni, ma anche di licenziamento.»

«A livello regionale, - precisa ancora la Dott.ssa Ramondo - lo scenario è ugualmente preoccupante; dai dati del 2005 della Direzione Regionale del Lavoro dell’Emilia Romagna emerge che, mediamente, si dimettono 5 donne madri al giorno.
A tale problematica si lega la difficoltà per le donne di progredire professionalmente poiché, all’aumentare delle responsabilità familiari, diminuiscono le opportunità di crescere e di far carriera.
Risulta utile a tale proposito approfondire il concetto di segregazione che sta ad indicare aree e settori lavorativi professionali tipicamente femminili in cui le donne vanno a confluire sulla base di meccanismi indotti ed eterodiretti, di natura sociale e culturale. La segregazione orizzontale fa riferimento alla concentrazione dell’occupazione femminile in un ristretto numero di settori o professioni, sulla base di stereotipi o pregiudizi di genere che ritengono le donne più idonee ad alcune mansioni rispetto agli uomini (nei servizi altamente femminilizzati come scuola, servizi di cura, settore tessile, area amministrativa, area commerciale).
La segregazione verticale fa riferimento alla concentrazione femminile ai livelli più bassi della scala gerarchica nell’ambito di una stessa occupazione, sia in organizzazioni di natura pubblica che privata.
La presenza di segregazione verticale evidenzia l’esistenza di un tetto o soffitto di cristallo (glass ceiling), una sorta di barriera invisibile che ostacola il percorso di carriera delle donne, escludendole dalle posizioni apicali.
Tali fenomeni creano inevitabilmente una forma di segregazione economica per cui le donne percepiscono assai frequentemente un reddito inferiore a quello degli uomini, ivi comprese le donne dirigenti.
Dalle riflessioni emerge che le problematiche legate al lavoro femminile coinvolgono l’ambito delle politiche del lavoro, ma anche quello delle politiche economiche, sociali e culturali in senso lato.
»

Area commenti di FaceBook
 n. 1 
Complimenti ad una casolana d'eccezione....un vero orgoglio per il paese che una cittadina abbia raggiunto così alti ed edificanti risultati!
Auguri!
Inserito da  laura  il 14/09/2007 alle ore 13:16:08
 n. 2 
Tantissimi complimenti alla dott.ssa Lucia Ramondo per l'interessante lavoro, "Casi di discriminazione di genere" - pubblicato questa estate 2007 - che ha svolto collaborando con le consigliere di parità della Regione Emilia Romagna.
Nell'analizzare con chiarezza e precisione la realtà del mercato del lavoro - italiano ed europeo -, il basso tasso di occupazione femminile, le difficoltà che le donne incontrano nel mondo lavorativo, la non realizzazione di parità tra donne e uomini, la Ramondo indica poi anche le vie per il superamento di tale critica situazione, importantissima tra queste quella democratica di una vera e propria svolta culturale ed un impegno costante di tutti, donne ed uomini indistintamente, perchè - come dice nella prefazione il docente universitario Michele Tiraboschi - la democrazia può vivere solo se ce ne prendiamo cura con tenacia e senza illusioni.
Nonostante la Legge sancisca la uguaglianza tra i sessi, nonostante la ventilata emancipazione, molto c'è ancora da fare per superare le disparità e le discriminazioni che esistono sul lavoro e che spesso non vengono denunciate, per paura, dalle donne che le subiscono.
Ad maiora, carissima Lucia.
Inserito da  Pina  il 27/09/2007 alle ore 11:10:00
Inserisci un commento
Autore
E-mail o Sito Web

Prima dell'invio, inserisci i numeri del codice di sicurezza che vedi apparire qui sotto

Codice di sicurezza

AVVERTENZE da leggere prima di postare i commenti
Non sono consentiti:
1) messaggi inseriti interamente con caratteri maiuscoli
2) messaggi non inerenti al post
3) messaggi pubblicitari
4) messaggi con linguaggio offensivo e/o lesivo nei confronti di terzi
5) messaggi che contengono turpiloquio
6) messaggi con contenuto sessista, razzista ed antisemitico

7) messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

8) messaggi inseriti col copia ed incolla di lunghi articoli


La Redazione di casoli.org si riserva il diritto di rimuovere qualsiasi dato inserito, senza preavviso e senza fornire alcuna motivazione.

In ogni caso, casoli.org non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi e non risponde per eventuali controversie che dovessero insorgere tra gli utenti. Ogni utente è responsabile dei dati che inserisce e ad ogni sua azione corrisponde un indirizzo IP registrato su database.

 
 

casoli.org è un sito pubblicato sotto Licenza Creative Commons

Dove non specificato diversamente, è possibile riprodurre il materiale: non alterandolo, citando sempre la fonte e non traendone vantaggi economici.


Riferimento legislativo sulla privacy

Legge 633 del 22 aprile 1941 e successive modifiche ed integrazioni
Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio
SEZIONE II
Diritti relativi al ritratto.
Art. 97
Non occorre il consenso della persona ritrattata quando la riproduzione dell'immagine è giustificata dalla notorietà o dall'ufficio pubblico coperto da necessità di giustizia o di polizia, da scopi scientifici, didattici o culturali, o quando la riproduzione è collegata a fatti, avvenimenti, cerimonie di interesse pubblico o svoltisi in pubblico.
Il ritratto non può tuttavia essere esposto o messo in commercio, quando l'esposizione o messa in commercio rechi pregiudizio all'onore, alla reputazione od anche al decoro della persona ritratta.


Nota (ndr): per quanto attiene il ritratto di minori, la pubblicazione nei termini e modi indicati nel precedente Art. 97, è vietata solo per i minori coinvolti in vicende giudiziarie (art.13 D.P.R. 22/09/88 n.448 ed art.50 D.L. 30/06/03 n.196, che estende il divieto anche ai casi di coinvolgimento a qualunque titolo del minore in procedimenti giudiziari in materie diverse da quella penale).

Torna in alto |

 

.

 

 
 Cerca nelle News

 

         Cerca nelle FotoNotizie

METEO

"Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario" (George Orwell)

 
 
 
casoli.org Mobile
::: LE NEWS DAL WEB :::

::: ARCHIVIO :::

< maggio 2024 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             
FotoNotizie

News - Audio - Video

Amarcord (1)
Ambiente (142)
Ambrosia (44)
Archeologia (23)
Attualità (8)
AudioComune (19)
AudioEventi (2)
AudioOspedale (2)
AudioStoria (10)
Autori (12)
Avvisi (55)
Beni culturali (39)
Calendario eventi (23)
Cinema (30)
Comune (245)
Comunità Montana (11)
Concerti (144)
Concorsi (34)
Corsi (22)
Cronaca (81)
DiversAbili (41)
Emigrazione (23)
Eventi (441)
Foto FB (6)
Internet (19)
Interviste (9)
Lavoro (8)
Libri (114)
Menu (1)
Mostre (46)
Musei (1)
Musica (36)
Ospedale (196)
Politica (45)
Recensioni (6)
Regione (16)
Solidarietà (36)
Spettacoli (82)
Sport (85)
Storia (81)
VideoAmarcord (4)
VideoAmbiente (16)
VideoAmbrosia (10)
VideoAntropologia (1)
VideoArcheologia (11)
VideoAttualità (13)
VideoBeniCulturali (6)
VideoCartoline (5)
VideoClip (1)
VideoConcerti (70)
VideoConsiglio (6)
VideoCronaca (39)
VideoEmigrazione (4)
VideoEventi (34)
VideoFeste (12)
VideoFolclore (5)
VideoInterviste (4)
VideoLibri (18)
VideoMeteo (5)
VideoMusica (5)
VideoNatura (4)
VideoOspedale (50)
VideoReligiosi (20)
VideoSolidarietà (8)
VideoSpettacoli (30)
VideoSport (20)
VideoStoria (42)
VideoTradizioni (10)
Vignette (12)


Catalogati per mese:
Luglio 2002
Agosto 2002
Settembre 2002
Ottobre 2002
Novembre 2002
Dicembre 2002
Gennaio 2003
Febbraio 2003
Marzo 2003
Aprile 2003
Maggio 2003
Giugno 2003
Luglio 2003
Agosto 2003
Settembre 2003
Ottobre 2003
Novembre 2003
Dicembre 2003
Gennaio 2004
Febbraio 2004
Marzo 2004
Aprile 2004
Maggio 2004
Giugno 2004
Luglio 2004
Agosto 2004
Settembre 2004
Ottobre 2004
Novembre 2004
Dicembre 2004
Gennaio 2005
Febbraio 2005
Marzo 2005
Aprile 2005
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022
Giugno 2022
Luglio 2022
Agosto 2022
Settembre 2022
Ottobre 2022
Novembre 2022
Dicembre 2022
Gennaio 2023
Febbraio 2023
Marzo 2023
Aprile 2023
Maggio 2023
Giugno 2023
Luglio 2023
Agosto 2023
Settembre 2023
Ottobre 2023
Novembre 2023
Dicembre 2023
Gennaio 2024
Febbraio 2024
Marzo 2024
Aprile 2024
Maggio 2024

Ultimi commenti:
Don Mario Di Cola è stato seco...
24/01/2023 alle ore 07:56:29
Inserito da Gilberto Odorisio Bari
Impressionante e anche commove...
02/12/2021 alle ore 10:48:53
Inserito da Donatella
Il sindaco resta a casa, ma i ...
03/04/2020 alle ore 13:41:15
Inserito da nico menna
qual' è il protocollo di profi...
03/04/2020 alle ore 10:52:43
Inserito da H
vi sembra una cosa normale il ...
08/07/2019 alle ore 13:01:16
Inserito da star dust
MOVE ONE... ottima osservazion...
13/04/2019 alle ore 12:41:20
Inserito da casoli.org
Spiegate anche, perché tenete ...
11/04/2019 alle ore 08:48:07
Inserito da MOVE ON
ATTENZIONE!! In seguito al suc...
30/12/2018 alle ore 17:34:26
Inserito da casoli.org
Complimenti alla bella organiz...
07/10/2018 alle ore 13:56:50
Inserito da Maria Menna- Roma
http :// www . mednat . org /s...
12/09/2018 alle ore 12:50:06
Inserito da R.B.

Valid xhtml 1.0 / css