News » Articolo
Inserito da Redazione il 30/11/2007 alle ore 09:20:08 - sez. Regione - visite: 3736 

L'ATO n. 6 Chietino dice no alla riforma del sistema idrico integrato della Regione
Di Giuseppantonio: "Non possiamo permettere che l’acqua diventi una merce di scambio politico"

92 Comuni pagheranno lo scotto della guerra fratricida all’interno della sinistra. Il Governatore Ottaviano Del Turco, per risolvere la questione dei costi della politica ha inaugurato una nuova stagione: quella dei costi delle beghe politiche. Costi economici e costi in termini di efficienza della gestione della risorsa idrica. – ha esordito con toni forti il Presidente dell’ATO Chietino Enrico Di Giuseppantonio, che il 28 Novembre ha tenuto una conferenza stampa insieme al Consigliere di Amministrazione Fabrizio Montepara. – “Perché, ora, con la legge di riforma del sistema idrico integrato della Regione Abruzzo, non solo aumenteranno i costi di gestione, ma anche le spese per il contenzioso, che si moltiplicherà. Oggi iniziamo una battaglia vera per ridare l’acqua ai Comuni. Non possiamo permettere che l’acqua diventi una merce di scambio politico: l’Assessore Srour ha detto che vuole riprendersi il controllo sulla gestione dell’acqua? Bene, non lo permetteremo, perché l’acqua è dei cittadini! Sarà battaglia dura, perché non possiamo permettere che la politica entri dai rubinetti in tutte le case degli abruzzesi senza neanche chiedere permesso”.

Con questa legge, nel comprensorio chietino entreranno d’ufficio e senza sentire le comunità interessate altri 12 Comuni tra cui alcuni, come Chieti, che - secondo Di Giuseppantonio - “finiranno per creare dei problemi ai piccoli e medi Comuni. E poi, vogliamo parlare dell’arbitrarietà delle ripartizioni territoriali “ottimali” che non tengono conto in nessun caso del naturale perimetro dei bacini idrografici? Quale gestione unitaria possiamo avere se i Comuni come Chieti, Francavilla, San Giovanni Teatino sono serviti dalle reti dell’ACA, la società di gestione del comprensorio pescarese e pagano 0,19 euro al metrocubo più che nel nostro comprensorio? Finiremo con il moltiplicare i costi e pagare di più l’acqua”.

La confusione generata dalla legge – pasticcio è diventata, secondo il Presidente dell’ATO Chietino, la barzelletta d’Italia. “In questi giorni mi sono confrontato in seno all’ANCI con altri Sindaci italiani e con alcuni colleghi Presidenti di ATO, che sono rimasti esterrefatti di cotanta sfacciataggine per una manovra palesemente incostituzionale, fatta in barba a qualunque principio democratico. Non si è mai vista una legge di riforma che nasce nelle stanza del potere senza consultare nessuno, sopratutto in un settore così delicato come la risorsa acqua” – ha aggiunto Di Giuseppantonio - Potremmo fare un paragone semplice: se un bambino va male a scuola, per affrontare la questione che si fa? Del Turco dà addosso ai genitori, togliendo loro la patria potestà e lasciando senza colpe la scuola. E’ ciò che è accaduto con la riforma: la patria potestà dei Comuni e quindi dei cittadini sulla risorsa acqua è stata usurpata. La domanda che ci dobbiamo porre è di chi sono in effetti le responsabilità, se la gestione della risorsa acqua non funziona al meglio? Assunzioni, appalti e potere sono il vero problema, ma non è l’ATO a gestire il potere, bensì le società di gestione. Un consorzio obbligatorio di Comuni, qual è l’ATO, può essere considerato alla stregua di una associazione di genitori che può solamente tutelare i propri figli. Per quanto riguarda poi la questione morale di cui parla il Governatore Del Turco, io sono perfettamente d’accordo a scendere in campo, ma per fare una battaglia vera, con nomi e cognomi”.

Il Presidente dell’Ente di Ambito ha inoltre ricordato come in questi 40 mesi di incarico sia stata avviata una nuova stagione nella gestione del ciclo idrico integrato del comprensorio chietino, fondata sui principi di trasparenza, risparmio ed efficienza, condivisi dai componenti del Consiglio di Amministrazione e dall’Assemblea dei Sindaci. Questo ha portato grandi investimenti per la definitiva soluzione del problema emergenza idrica, con lavori di miglioramento e messa a norma degli impianti di depurazione e fognari, oltre che di potenziamento delle reti di acquedotto per più di 39 milioni di euro. “Inoltre portiamo all’Assemblea dei Sindaci convocata per venerdì 30 novembre, 13 milioni di euro di avanzo che saranno ripartiti tra i Comuni con meno di 5.000 abitanti”.- ha annunciato Enrico Di Giuseppantonio – “Per ottenere questi risultati, abbiamo preteso una gestione fuori dalle logiche clientelari con l’unico obiettivo di rispondere alle esigenze di tutti i cittadini. Abbiamo vigilato sull’operato della SASI, a volte anche incalzando i vertici della società con toni forti, ma sempre nell’interesse esclusivo dei 92 Comuni che rappresentavamo. Ma ora basta: l’acqua deve tornare ai Comuni. Le logiche di partito del legislatore regionale ha portato all’estremo sacrificio l’intero impianto della legge Galli, che nel 1994 tolse l’acqua ai Comuni per darla ad enti e società consortili. Oggi registriamo il risultato scandalosamente negativo di questo sistema in cui con troppa facilità si inserisce la Regione per mettere le mani sull’acqua. Ora basta: torniamo a quando si pagava meno e il sistema funzionava di più perché l’acqua era gestita direttamente dai Comuni”.

Comunicato Stampa ATO n.6 Chietino del 28-11-2007

Area commenti di FaceBook
 n. 1 
Ato, nominati i commissari

Ciclo idrico integrato: per sei mesi a ogni provincia un dirigente della Regione

Per i prossimi sei mesi ogni Ambito territoriale ottimale (Ato) avrà a capo un dirigente della Regione, che ha nominato oggi i commissari dei quattro Ato, ridefiniti secondo la legge appena approvata in base ai confini delle province.

Per il vertice dell’Ato 4 Chietino, che unisce i 92 Comuni del vecchio ente al resto della Provincia, capoluogo compreso, è stato scelto Antonio Sorgi, architetto e direttore del settore Ambiente. Gli altri commissari sono Mario Russo per L’Aquila (servizio Idrografico e mareografico), Pierluigi Caputi per Pescara (Lavori pubblici), Stefania Valeri per Teramo (settore legale).

Con la nomina dei commissari viene così a decadere il consiglio di amministrazione dell’Ato che ha sede a Lanciano presieduto da Enrico Di Giuseppantonio, che nei giorni scorsi aveva aspramente criticato la riforma della Regione. Tra l’altro oggi era stata programmato un’assemblea dei sindaci dell’ente, che avrebbe dovuto approvare il riutilizzo di 13 milioni di euro di avanzo per interventi nei Comuni con meno di cinquemila abitanti.

Fonte: lanciano.it del 30-11-2007
Inserito da  casoli.org  il 30/11/2007 alle ore 16:07:20
 n. 2 
L'ultima assemblea dell'ente d'ambito

I sindaci dell'Ato 6 approvano i fondi per i piccoli Comuni. Il centrosinistra non partecipa

Lanciano - L’assemblea dei sindaci dell’Ambito territoriale ottimale si è riunita probabilmente per l’ultima volta. La riunione si è svolta nonostante la legge regionale che abolisce l’Ato numero 6 (leggi l’articolo) e la nomina dei commissari per nuovi enti (leggi l’articolo): «Nessun provvedimento è stato notificato», ha chiarito il presidente e sindaco di Fossacesia Enrico Di Giuseppantonio.
A mantenere il numero legale sono intervenuti praticamente solo amministratori di centrodestra, mentre quelli di centrosinistra, compresi i componenti del cda, pur essendo venuti a Lanciano, sono rimasti sulla porta senza rispondere all’appello. Clima rilassato, quindi, quasi sommesso, con tutti i punti all'ordine del giorno passati velocemente all'unanimità. Dalla prossima assemblea il nuovo Ato includerà tutta la provincia, cioè 104 municipi contro i 92 attuali, e «dodici Comuni che rappresenteranno il 60 per cento dei contatori», e non ci sarà nessun rapporto con i bacini idrografici e le reti. Da decidere quale sarà la sede dell’ente.
L’assemblea ha comunque ratificato il regolamento per il controllo della società che gestisce il servizio idrico, che dà maggiori poteri ai sindaci; l’assestamento di bilancio; l’assegnazione di fondi ai Comuni con meno di cinquemila abitanti per investimenti nel comparto fognario e depurativo. Una cinquantina di centri beneficeranno di oltre 12 milioni di euro, a seconda del numero di abitanti. Sono tutti municipi che non hanno ricevuto fondi Apq.

Fonte: lanciano.it del 30-11-2007
Inserito da  casoli.org  il 03/12/2007 alle ore 10:47:07
Inserisci un commento
Autore
E-mail o Sito Web

Prima dell'invio, inserisci i numeri del codice di sicurezza che vedi apparire qui sotto

Codice di sicurezza

AVVERTENZE da leggere prima di postare i commenti
Non sono consentiti:
1) messaggi inseriti interamente con caratteri maiuscoli
2) messaggi non inerenti al post
3) messaggi pubblicitari
4) messaggi con linguaggio offensivo e/o lesivo nei confronti di terzi
5) messaggi che contengono turpiloquio
6) messaggi con contenuto sessista, razzista ed antisemitico

7) messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

8) messaggi inseriti col copia ed incolla di lunghi articoli


La Redazione di casoli.org si riserva il diritto di rimuovere qualsiasi dato inserito, senza preavviso e senza fornire alcuna motivazione.

In ogni caso, casoli.org non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi e non risponde per eventuali controversie che dovessero insorgere tra gli utenti. Ogni utente è responsabile dei dati che inserisce e ad ogni sua azione corrisponde un indirizzo IP registrato su database.

 
 

casoli.org è un sito pubblicato sotto Licenza Creative Commons

Dove non specificato diversamente, è possibile riprodurre il materiale: non alterandolo, citando sempre la fonte e non traendone vantaggi economici.


Riferimento legislativo sulla privacy

Legge 633 del 22 aprile 1941 e successive modifiche ed integrazioni
Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio
SEZIONE II
Diritti relativi al ritratto.
Art. 97
Non occorre il consenso della persona ritrattata quando la riproduzione dell'immagine è giustificata dalla notorietà o dall'ufficio pubblico coperto da necessità di giustizia o di polizia, da scopi scientifici, didattici o culturali, o quando la riproduzione è collegata a fatti, avvenimenti, cerimonie di interesse pubblico o svoltisi in pubblico.
Il ritratto non può tuttavia essere esposto o messo in commercio, quando l'esposizione o messa in commercio rechi pregiudizio all'onore, alla reputazione od anche al decoro della persona ritratta.


Nota (ndr): per quanto attiene il ritratto di minori, la pubblicazione nei termini e modi indicati nel precedente Art. 97, è vietata solo per i minori coinvolti in vicende giudiziarie (art.13 D.P.R. 22/09/88 n.448 ed art.50 D.L. 30/06/03 n.196, che estende il divieto anche ai casi di coinvolgimento a qualunque titolo del minore in procedimenti giudiziari in materie diverse da quella penale).

Torna in alto |

 

.

 

 
 Cerca nelle News

 

         Cerca nelle FotoNotizie

METEO

"Ho vissuto intensamente in questi 10 anni (nonostante sia un locked-in), mentre la maggioranza degli umani sta semplicemente vegetando, e non se ne accorge." (Severino Mingroni)

 
 
 
casoli.org Mobile
::: LE NEWS DAL WEB :::

::: ARCHIVIO :::

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           
FotoNotizie

News - Audio - Video

Amarcord (1)
Ambiente (141)
Ambrosia (44)
Archeologia (23)
Attualità (8)
AudioComune (19)
AudioEventi (2)
AudioOspedale (2)
AudioStoria (10)
Autori (12)
Avvisi (53)
Beni culturali (38)
Calendario eventi (22)
Cinema (30)
Comune (240)
Comunità Montana (11)
Concerti (144)
Concorsi (34)
Corsi (22)
Cronaca (75)
DiversAbili (41)
Emigrazione (23)
Eventi (438)
Foto FB (6)
Internet (19)
Interviste (9)
Lavoro (7)
Libri (113)
Menu (1)
Mostre (46)
Musei (1)
Musica (36)
Ospedale (195)
Politica (43)
Recensioni (6)
Regione (16)
Solidarietà (36)
Spettacoli (82)
Sport (82)
Storia (80)
VideoAmarcord (4)
VideoAmbiente (16)
VideoAmbrosia (9)
VideoAntropologia (1)
VideoArcheologia (11)
VideoAttualità (13)
VideoBeniCulturali (5)
VideoCartoline (5)
VideoClip (1)
VideoConcerti (70)
VideoConsiglio (6)
VideoCronaca (39)
VideoEmigrazione (4)
VideoEventi (34)
VideoFeste (12)
VideoFolclore (5)
VideoInterviste (4)
VideoLibri (18)
VideoMeteo (5)
VideoMusica (5)
VideoNatura (4)
VideoOspedale (50)
VideoReligiosi (20)
VideoSolidarietà (8)
VideoSpettacoli (30)
VideoSport (20)
VideoStoria (42)
VideoTradizioni (10)
Vignette (12)


Catalogati per mese:
Luglio 2002
Agosto 2002
Settembre 2002
Ottobre 2002
Novembre 2002
Dicembre 2002
Gennaio 2003
Febbraio 2003
Marzo 2003
Aprile 2003
Maggio 2003
Giugno 2003
Luglio 2003
Agosto 2003
Settembre 2003
Ottobre 2003
Novembre 2003
Dicembre 2003
Gennaio 2004
Febbraio 2004
Marzo 2004
Aprile 2004
Maggio 2004
Giugno 2004
Luglio 2004
Agosto 2004
Settembre 2004
Ottobre 2004
Novembre 2004
Dicembre 2004
Gennaio 2005
Febbraio 2005
Marzo 2005
Aprile 2005
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Ultimi commenti:
Online sociology essay writing...
08/06/2020 alle ore 09:18:15
Inserito da Sociology Assignment Writ
Il sindaco resta a casa, ma i ...
03/04/2020 alle ore 13:41:15
Inserito da nico menna
qual' è il protocollo di profi...
03/04/2020 alle ore 10:52:43
Inserito da H
vi sembra una cosa normale il ...
08/07/2019 alle ore 13:01:16
Inserito da star dust
MOVE ONE... ottima osservazion...
13/04/2019 alle ore 12:41:20
Inserito da casoli.org
Spiegate anche, perché tenete ...
11/04/2019 alle ore 08:48:07
Inserito da MOVE ON
ATTENZIONE!! In seguito al suc...
30/12/2018 alle ore 17:34:26
Inserito da casoli.org
Complimenti alla bella organiz...
07/10/2018 alle ore 13:56:50
Inserito da Maria Menna- Roma
http :// www . mednat . org /s...
12/09/2018 alle ore 12:50:06
Inserito da R.B.
Faccia un ulteriore sforzo, um...
12/09/2018 alle ore 12:40:26
Inserito da regno bacteria

Valid xhtml 1.0 / css