News » Articolo
Inserito da Carmen il 01/05/2009 alle ore 21:24:45 - sez. Beni culturali - visite: 7024 

Conservare per sopravvivere
Una lettera inviata alla Soprintendenza, invita alla riflessione e pone l'accento su alcune problematiche legate alla conservazione del patrimonio edilizio esistente
Con questa lettera voglio porre

"Conservare per sopravvivere" è il titolo dell'intervento di "nadezhda" (utente del Forum di casoli.org) che trasferiamo nella sezione "Beni culturali" delle News, vista la natura e la rilevanza dell'argomento. L'utente del Forum ha pubblicato una lettera spedita alla Soprintendenza il 2 settembre 2008, che per conoscenza è stata inviata via e-mail anche al Sindaco. «Ora voglio renderla pubblica - dice l'autrice - e la riporto integralmente per sapere se, sugli argomenti in questione, c’è qualcuno che condivide le mie idee
Noi, come redazione del sito, oltre a condividere pienamente il contenuto della lettera, aggiungiamo che, il palazzetto di Piazza San Rocco, oltre a rivestire un ruolo importante nell'antico tessuto urbano di appartenenza (dovuto anche alla sua morfologia ed ai caratteri costruttivi e stilistici), è legato alla memoria storica di un personaggio nato e vissuto in quella casa: Cecchino Pelone, un umanista, uno studioso molto amato e apprezzato dai casolani, un uomo di grande cultura, amante della storia e dei monumenti, tant'è che nel 1949, su "Terra Madre" tramite un articolo inerente la chiesa di S. Reparata, lanciò un appello in favore del nostro Monumento Nazionale (leggi).
Si segnala che il PRG vigente, nella Tav. 9g denominata "Riqualificazione delle cortine edilizie dei principali tracciati", individua per ogni particella un tipo di intervento. Sia per "Casa Pelone" (contrassegnata con il n. 80) che per il "Palazzo Scolastico", gli interventi consentiti sono limitati alla Manutenzione Ordinaria e Straordinaria, è escluso quindi, qualsiasi intervento di demolizione e ricostruzione (anche se fedele all'esistente) degli edifici in questione. Tuttavia, a parte l'interesse storico che l'edificio Pelone ha all'interno dell'antico tessuto urbano, il Comune,  non potrà mai rilasciare un Permesso di Costruire ad una Committenza  Privata se il progetto è in contrasto con il PRG e non vi sono i presupposti per un rilascio in deroga. Per quanto attiene al "Palazzo Scolastico", essendo un immobile che riveste un interesse importante a causa del suo riferimento con la storia delle istituzioni pubbliche e collettive, grazie al nuovo Codice dei Beni Culturali, qualsiasi decisione in contrasto con il PRG, potrà essere presa in considerazione solo se la Verifica dell'Interesse Culturale da parte della Soprintendenza darà esito negativo.
In qualsiasi edificio, è possibile ridurre il rischio sismico attraverso interventi di restauro, consolidamento, straordinaria manutenzione e ristrutturazione, senza necessariamente ricorrere alla "Demolizione e Ricostruzione", anche se oggi, quest'ultima categoria di intervento può essere denominata "Ristrutturazione Edilizia".
La demolizione va lasciata solo agli edifici senza interesse storico, alle case molto fatiscenti e ai ruderi.

Di seguito il contenuto integrale della lettera che una cittadina di Casoli ha inviato alla Soprintendenza:

Con questa lettera voglio porre l’attenzione su alcuni interventi svolti, o per cui sono avviate iniziative, su beni pubblici e privati che presentano le caratteristiche sufficienti per essere tutelate dal Codice dei Beni Culturali, nella cittadina di Casoli (CH). Ci tengo a precisare che la mia posizione non scaturisce da una sorta di opposizione “politica” all’Amministrazione Comunale che decide in merito o avalla iniziative di privati, ma solo dalla volontà di fare chiarezza, rivolgendomi a chi di competenza opera nel settore. Con questo obiettivo, mi pongo come semplice cittadina che ha a cuore la conservazione e tutela dell’originalità del proprio paese, caratterizzato da un particolare Centro Antico (sviluppo a spirale del percorso principale che da Piazza del Popolo conduce al Castello Ducale) e da un esteso Centro Storico (che oltre a fare da corona al nucleo antico, dalla stessa Piazza del Popolo scende e prosegue lungo Corso Umberto I fino alla chiesa di Santa Reparata), nonché come persona con un minimo di competenza in merito; pertanto, indirizzo tale lettera, alla Soprintendenza perché è l’organo chiamato in causa, e per conoscenza all’Amministrazione Comunale per una questione di correttezza e trasparenza.
Forse guidate da un’illusoria idea di ammodernamento del paese, le iniziative “estemporanee” (che, a mio avviso, sono scempi nei fatti o nelle idee) su cui voglio porre l’accento sono le seguenti:
1) Sostituzione di una pavimentazione in ciottoli (superstite a interventi sostitutivi precedenti) con lastre di porfido nel tratto di strada antistante il Castello Ducale ovvero nella parte più antica del paese.
2) Realizzazione di un murales (insegna in mosaico), per segnalare la presenza della pescheria, sulla facciata realizzata in fasce di bugnato di mattoni di un edificio storico nei pressi di Villa San Francesco.
3) Sondaggio di opinione, promosso dall’amministrazione comunale, sulle sorti dello storico palazzo scolastico per cui si propongono 4 soluzioni (consultabile anche sul sito ufficiale del Comune).
4) Progetto di abbattimento e rifacimento nei volumi di un palazzetto prospiciente Piazza San Rocco per la realizzazione di un centro parrocchiale, su iniziativa del Parroco.

PUNTO 1)

    La motivazione con cui si è giustificata la sostituzione della pavimentazione è stata la richiesta di alcuni cittadini residenti in edifici prospicienti la strada perché ritenevano pericolosi i ciottoli che potevano indurre a scivolare. Non si è considerato, forse, che la strada è un bene pubblico che appartiene a tutti, ai cittadini che vi risiedono ed a quelli che risiedono altrove, ai cittadini odierni ed a quelli che verranno. Soprattutto, però, non si è considerato che il pavimento in ciottoli costituiva il tessuto connettivo da cui emergevano il Castello Ducale ed il tessuto edilizio costituendo insieme ad essi un tutt’organico quindi, non solo andava tutelato ma, eventualmente, anche risarcito laddove un ciottolo fosse mancante.

Il percorso precedentemente in ciottoli, partendo da largo Santa Maria Maggiore, sale raggiungendo l’ingresso al Castello Ducale caratterizzato da gradini in ciottoli (finora salvi) e prosegue nel tessuto edilizio. La sostituzione dei ciottoli con il porfido, stridendo con le superfici delle costruzioni ha prodotto una frattura nell’organismo costruttivo medievale che non sarà più recuperabile; il materiale, il colore, la forma, le dimensioni insieme con la rigida regola dispositiva degli elementi lapidei non armonizzano con tutto il resto ma, imponendosi visivamente, lo mortificano.

PUNTO 2)

 
     Trovo veramente piacevole il murales a cuore che saluta ed accoglie all’ingresso del paese; mentre diversi, con altre tematiche sono stati realizzati da alcuni anni su edifici del centro antico. Fintanto che il supporto sia un muro intonacato, l’iniziativa se non condivisibile è quanto meno tollerabile anche perché il ripristino della parete bianca intonacata non è difficile da riproporre  ma, la disinvoltura con cui sono stati usati i colori, in virtù di una moda dilagante, sul muro di mattoni disposti a fasce di bugnato dell’edificio della pescheria in prossimità di Piazza del Popolo, non si riesce  proprio a mandare giù. Il piccolo edificio di un solo piano, realizzato circa ottanta anni fa, costituisce la fine della cortina che partendo da Piazza del Popolo termina in adiacenza a villa San Francesco; si presenta (ma sarebbe meglio dire si presentava) molto dignitoso nelle fattezze e discreto nell’immagine tanto da meritare una maggiore sensibilità per la sua conservazione e fruizione. Come è “decorato” attualmente non ha niente da invidiare a quei monumenti la cui dignità è stata compromessa da atti vandalici che ne hanno sporcato le superfici, fermo restando il rispetto per chi, su commissione, ha prodotto il disegno. Poiché Casoli risulta segnata in molti punti da muri in c.a. controterra, sarebbe il caso di orientare questi atti creativi sopra di essi, che, non avendo niente di storico né tantomeno di gradevole da dover tutelare, possono rappresentarne il giusto supporto, come risulta verificabile osservando il “muraglione” sotto l’ospedale civile che da poco ospita un altro murales.

L’edificio che ospita la pescheria, fu realizzato circa ottanta anni fa per arginare il terreno che in quel punto era scosceso, su di esso fu sistemato una sorta di belvedere verso valle che attualmente è utilizzato come parcheggio. La sua facciata presenta un basamento in pietra su cui si sviluppano fasce di bugnato di mattoni interrotte da bucature ad archi ribassati caratterizzati da cunei molto evidenti. Come si può vedere il disegno realizzato, non solo si scontra con la facciata ma, dalla facciata stessa, viene sminuito; pertanto un intervento che voleva essere di valorizzazione si legge come un elemento che genera una sorta di inquinamento visivo soprattutto nella percezione dell’equilibrio ritmato della facciata.

PUNTO 3) 

Da quando l’edificio scolastico è stato dichiarato inagibile e chiuso all’uso pubblico esteso (infatti ultimamente sembra aver recuperato parte della robustezza, persa a causa della paura dovuta al crollo della scuola di San Giuliano di Puglia, ed è stato riaperto per poche associazioni che nel palazzo trovano sede) la sua sorte costituisce argomento di discussione che, ultimamente, ha alimentato una querelle tra le ipotesi proposte in un sondaggio promosso dell’amministrazione comunale:
a) Miglioramento sismico (o antisismico?) dell’edificio
b) Realizzazione di una pubblica piazza
c) Realizzazione di un edificio ex novo ed aree pubbliche
d) Miglioramento (anti)sismico con variazione della sagoma dell’edificio
Il sondaggio viene  giustificato come la scelta di una progettazione partecipata: “per la prima volta a Casoli la decisione su un intervento da realizzare passerà attraverso una pratica di democrazia partecipativa diretta, dove l’opinione dei cittadini del nostro paese orienterà l’amministrazione comunale verso la soluzione migliore per un Bene Comune importantissimo come il Palazzo Scolastico e l’area circostante”
Tra le quattro ipotesi fatte, tre (di cui una potrebbe essere la migliore) propongono la demolizione parziale o totale dell’edificio trascurando la convinzione sopra esposta che si tratta di un Bene Comune importantissimo. A parte la grande contraddizione che emerge dall’opuscolo che propaganda l’iniziativa (consultabile anche sul sito ufficiale del Comune), credo che la decisione non possa essere delegata ai cittadini, soprattutto perché esiste un organo preposto competente e se si facessero un po’ di conti, l’edificio (progettato nel 1908 e realizzato tra il 1927 ed il 1933) rientra a pieno titolo tra quelli tutelati da qualsiasi forma di intervento prima che la Soprintendenza dichiari o meno l’apposizione del vincolo. Non è condivisibile, per ovvi motivi ,  la metodica di richiedere l’opinione della Soprintendenza solo a conclusione di un sondaggio popolare, come pubblicato sul trimestrale della parrocchia “Casoli Comunità”. L’opinione dei cittadini, dando per scontato che l’edificio è da conservare, dovrebbe essere coinvolta per decidere a quale funzione pubblica destinarlo attuando quella forma di recupero nonché valorizzazione che, per attuazione di un progetto armonico ed equilibrato fa incontrare  la “vocazione” dell’edificio con le “esigenze” sociali, realizzando quella che si definisce “conservazione integrata”.
 

L’edificio scolastico visto dal Castello Ducale

PUNTO 4)
 
    Da qualche numero, il trimestrale “Casoli Comunità” parla di un centro parrocchiale da realizzarsi nell’edificio centrale prospiciente piazza San Rocco. L’iniziativa, promossa dal Parroco in seguito alla donazione di un privato di parte dello stabile, sarebbe condivisibile se il servizio venisse collocato nell’edificio rispettandolo nella sua natura e nei suoi limiti ma, l’idea ne prevede l’abbattimento e la ricostruzione di uno uguale nei volumi ma che, internamente, si presenterebbe più spazioso grazie al sistema costruttivo in c.a. L’edificio che rischia di essere demolito, è un palazzetto dagli stilemi neoclassici che si pone come conclusione di testata dell’aggregato che a destra si avvia a salire verso Piazza del Popolo, a sinistra è limitato dalla stretta via san Giacomo, in alto si chiude su via da Sole.  A parte il fatto che si tratta di un edificio storico contemplato dal Codice dei Beni Culturali, pertanto intoccabile fino alla valutazione della sovrintendenza, bisogna tenere conto anche del contesto in cui l’edificio stesso sorge. Piazza San Rocco è l’unica vera piazza di Casoli definibile tale, ossia uno spazio aperto costruito tramite un’attenta disposizione degli edifici che lo definiscono; sulla destra della piazza troviamo la piccola chiesa di San Rocco, sulla sinistra una cortina di edilizia residenziale, mentre di fronte al palazzetto si apre il Novecentesco corso Umberto I che raggiunge la chiesa di Santa Reparata; quindi la “sostituzione di un elemento costituente” ne comprometterebbe l’autenticità producendo un falso non solo dal punto di vista architettonico ma anche dal punto di vista urbanistico. La demolizione dell’edificio, inoltre, non sarebbe neppure “scusata” (perché di scusa si tratterebbe e non di motivo) da un eventuale precario stato conservativo; infatti, in tal caso l’impegno dovrebbe essere rivolto ad un intervento di restauro, non solo per conservare il palazzetto ma, per salvaguardare l’integrità del “luogo” dove sorge, ossia la piazza.
 

Il palazzetto con la sua facciata dagli stilemi neoclassici conclude la cortina di costruzioni e si pone come testata di termine della stessa, mettendo in evidenza la volontà di creare il fronte a Piazza San Rocco per chi arriva dalla parte a valle di Corso Umberto I. Sul lato sinistro della piazza è situata la piccola chiesa di San Rocco a fianco di cui si apre un vicolo tra il fitto tessuto edilizio, mentre il lato destro della piazza è segnato da edifici di civile abitazione. La realizzazione del progetto, prevedendo la demolizione del palazzetto per ricostruirne uno identico nell’ingombro e negli stilemi, produrrebbe un clamoroso falso storico ingiustificato.

 * * *

A proposito di piazza, tenendo conto del giusto significato della definizione, voglio porre l’accento sul lavoro di riqualificazione di un’area pubblica in contrada Selvapiana, all’inizio del bivio che conduce alla stazione ferroviaria. La valorizzazione dell’area è stata ottenuta con una perimetrazione ad andamento irregolare di parte di essa, mentre la restante è adibita a parcheggio. Lo spazio perimetrato, caratterizzato dalla presenza di uno storico cipresso, da un’opera scultorea inserita in un’aiuola, da una piccola fontana in pietra e da numerosa panchine, è stato intitolato alla memoria del filosofo Pasquale Salvucci che, figlio del capostazione, passò la giovinezza nella contrada. Benché un lato dell’area, confina con la strada nazionale n° 84, il crocevia su cui si innesta, rappresenta il centro vitale di Selvapiana, ed è molto frequentato da pedoni quindi, l’area si  vive come zona di sosta e di incontro. Da qui , probabilmente è scaturita l’idea di chiamarla piazza ma, forse, sarebbe il caso di rivedere tale definizione; e siccome per le persone che vivono il luogo, fermarsi a scambiare due chiacchiere costituisce una pausa tra le attività del quotidiano, il mio suggerimento è quello di chiamare l’area …pausa… si, proprio… pausa, “…pausa…Pasquale Salvucci - filosofo”  e per ricordare al meglio la persona a cui è intitolata, si potrebbe cogliere l’occasione e, tra le tante idee di ammodernamento inserire una ...pausa... di riflessione.

La visione, seppur parziale dell’area pubblica recintata in contrada Selvapiana, è sufficiente per capire che non può trattarsi di una piazza. Utilizzando una definizione incongrua non solo si chiama uno spazio con un nome sbagliato ma, si rischia di svuotare di significato il termine stesso che, in questo contesto, ha bisogno di essere sospeso e recuperato per un uso appropriato.

Area commenti di FaceBook
 n. 1 
questo vostro lavoro è lodevole, il porfido ha reso le nostre città delle penose e tristi contenitrici di desolazione. il lavoro è duro contro delle amministrazioni cieche e poco preparate, italia nostra come wwf si stanno sostituendo agli enti preposti nel controllo del territorio, "le stanze del potere" sono vuote. per qualsiasi azione possiamo collaborare, io sono sempre disponibile, soprattutto per una gradevole e accogliente cittadina come Casoli
Inserito da  Alfredo Mantini  il 16/05/2009 alle ore 21:25:11
 n. 2 
In riferimento al centro parrocchiale, non so se le proprietà degli enti ecclesiastici siano di pubblica utilità, credo di no, perché non possono accedere ai POR, non essendo pubblici, per cui la valenza pubblica va valutata, anche se oggi con gli sportelli unici (suap) si fanno cose turche (le ho fatte anche io). Occhi aperti!!!
Inserito da  giovanni ciuci  il 20/07/2009 alle ore 16:00:13
Inserisci un commento
Autore
E-mail o Sito Web

Prima dell'invio, inserisci i numeri del codice di sicurezza che vedi apparire qui sotto

Codice di sicurezza

AVVERTENZE da leggere prima di postare i commenti
Non sono consentiti:
1) messaggi inseriti interamente con caratteri maiuscoli
2) messaggi non inerenti al post
3) messaggi pubblicitari
4) messaggi con linguaggio offensivo e/o lesivo nei confronti di terzi
5) messaggi che contengono turpiloquio
6) messaggi con contenuto sessista, razzista ed antisemitico

7) messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

8) messaggi inseriti col copia ed incolla di lunghi articoli


La Redazione di casoli.org si riserva il diritto di rimuovere qualsiasi dato inserito, senza preavviso e senza fornire alcuna motivazione.

In ogni caso, casoli.org non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi e non risponde per eventuali controversie che dovessero insorgere tra gli utenti. Ogni utente è responsabile dei dati che inserisce e ad ogni sua azione corrisponde un indirizzo IP registrato su database.

 
 

casoli.org è un sito pubblicato sotto Licenza Creative Commons

Dove non specificato diversamente, è possibile riprodurre il materiale: non alterandolo, citando sempre la fonte e non traendone vantaggi economici.


Riferimento legislativo sulla privacy

Legge 633 del 22 aprile 1941 e successive modifiche ed integrazioni
Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio
SEZIONE II
Diritti relativi al ritratto.
Art. 97
Non occorre il consenso della persona ritrattata quando la riproduzione dell'immagine è giustificata dalla notorietà o dall'ufficio pubblico coperto da necessità di giustizia o di polizia, da scopi scientifici, didattici o culturali, o quando la riproduzione è collegata a fatti, avvenimenti, cerimonie di interesse pubblico o svoltisi in pubblico.
Il ritratto non può tuttavia essere esposto o messo in commercio, quando l'esposizione o messa in commercio rechi pregiudizio all'onore, alla reputazione od anche al decoro della persona ritratta.


Nota (ndr): per quanto attiene il ritratto di minori, la pubblicazione nei termini e modi indicati nel precedente Art. 97, è vietata solo per i minori coinvolti in vicende giudiziarie (art.13 D.P.R. 22/09/88 n.448 ed art.50 D.L. 30/06/03 n.196, che estende il divieto anche ai casi di coinvolgimento a qualunque titolo del minore in procedimenti giudiziari in materie diverse da quella penale).

Torna in alto |

 

.

 

 
 Cerca nelle News

 

         Cerca nelle FotoNotizie

METEO

"Il silenzio dell'invidioso fa molto rumore" (Kahlil Gibran)

 
 
 
casoli.org Mobile
::: LE NEWS DAL WEB :::

::: ARCHIVIO :::

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
FotoNotizie

News - Audio - Video

Amarcord (1)
Ambiente (141)
Ambrosia (44)
Archeologia (23)
Attualità (8)
AudioComune (19)
AudioEventi (2)
AudioOspedale (2)
AudioStoria (10)
Autori (12)
Avvisi (50)
Beni culturali (36)
Calendario eventi (20)
Cinema (30)
Comune (231)
Comunità Montana (11)
Concerti (144)
Concorsi (34)
Corsi (22)
Cronaca (71)
DiversAbili (41)
Emigrazione (23)
Eventi (436)
Foto FB (6)
Internet (18)
Interviste (9)
Lavoro (7)
Libri (113)
Menu (1)
Mostre (45)
Musei (1)
Musica (36)
Ospedale (194)
Politica (43)
Recensioni (6)
Regione (16)
Solidarietà (36)
Spettacoli (82)
Sport (82)
Storia (80)
VideoAmarcord (4)
VideoAmbiente (16)
VideoAmbrosia (9)
VideoAntropologia (1)
VideoArcheologia (11)
VideoAttualità (13)
VideoBeniCulturali (5)
VideoCartoline (5)
VideoClip (1)
VideoConcerti (70)
VideoConsiglio (6)
VideoCronaca (39)
VideoEmigrazione (4)
VideoEventi (34)
VideoFeste (12)
VideoFolclore (5)
VideoInterviste (4)
VideoLibri (18)
VideoMeteo (5)
VideoMusica (5)
VideoNatura (4)
VideoOspedale (50)
VideoReligiosi (20)
VideoSolidarietà (8)
VideoSpettacoli (30)
VideoSport (20)
VideoStoria (42)
VideoTradizioni (10)
Vignette (12)


Catalogati per mese:
Luglio 2002
Agosto 2002
Settembre 2002
Ottobre 2002
Novembre 2002
Dicembre 2002
Gennaio 2003
Febbraio 2003
Marzo 2003
Aprile 2003
Maggio 2003
Giugno 2003
Luglio 2003
Agosto 2003
Settembre 2003
Ottobre 2003
Novembre 2003
Dicembre 2003
Gennaio 2004
Febbraio 2004
Marzo 2004
Aprile 2004
Maggio 2004
Giugno 2004
Luglio 2004
Agosto 2004
Settembre 2004
Ottobre 2004
Novembre 2004
Dicembre 2004
Gennaio 2005
Febbraio 2005
Marzo 2005
Aprile 2005
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Ultimi commenti:
vi sembra una cosa normale il ...
08/07/2019 alle ore 13:01:16
Inserito da star dust
MOVE ONE... ottima osservazion...
13/04/2019 alle ore 12:41:20
Inserito da casoli.org
Spiegate anche, perché tenete ...
11/04/2019 alle ore 08:48:07
Inserito da MOVE ON
ATTENZIONE!! In seguito al suc...
30/12/2018 alle ore 17:34:26
Inserito da casoli.org
Complimenti alla bella organiz...
07/10/2018 alle ore 13:56:50
Inserito da Maria Menna- Roma
http :// www . mednat . org /s...
12/09/2018 alle ore 12:50:06
Inserito da R.B.
Faccia un ulteriore sforzo, um...
12/09/2018 alle ore 12:40:26
Inserito da regno bacteria
La famiglia Talone ringrazia v...
06/09/2018 alle ore 09:36:58
Inserito da La moglie
Vorrei macinare del grano soli...
11/06/2018 alle ore 20:56:03
Inserito da fioravante scamuffa
correggo 15 lt pro capite, è p...
23/01/2018 alle ore 09:58:52
Inserito da j

Valid xhtml 1.0 / css