News » Articolo
Inserito da Carmen il 24/05/2006 alle ore 10:28:22 - sez. Beni culturali - visite: 6565 

I "Contratti di Quartiere II" ed il "Palazzo Scolastico"
I "Contratti di Quartiere  II" ed il Palazzo Scolastico

2.330.000 Euro (di cui 516 mila euro a carico del Comune) è l'importo previsto per l'intervento della parte pubblica che prevede un intervento edilizio sul "Palazzo Scolastico": "Una soluzione drastica e complessa, che ci restituirà un edificio  menomato, rifatto a metà, piuttosto che restaurato con criterio". Nel frattempo, l'edificio sarà occupato da alcune associazioni locali. 

di Maria C. Ricci

Nell'immagine, il colore rosso delimita tutta l'area d'intervento fino al Palazzo Scolastico e il colore azzurro evidenzia il Centro Storico. 

Il Comune di Casoli, con delibera di Giunta Comunale n.8 del 23 Gennaio 2004, al fine di partecipare alla gara indetta dalla Regione Abruzzo per programmi innovativi in ambito urbano denominati  “Contratti di Quartiere II”, ha individuato un'area d'intervento costituita da un'ampia zona urbana che dal nucleo antico si estende fino al Palazzo Scolastico. Al bando hanno partecipato anche più soggetti privati con progetti di recupero di abitazioni ricadenti nell'area circoscritta.

Il progetto presentato dal Comune nel mese di Febbraio 2004, non è stato finanziato nel precedente bando, però è rimasto in graduatoria per un eventuale nuovo finanziamento. Così, in seguito al Decreto del Ministero delle Infrastrutture dell`otto Marzo 2006 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 61 del 14 Marzo), che ha dato l'avvio ad un nuovo bando relativo al completamento del programma nazionale di edilizia residenziale, la Giunta ha riapprovato il progetto precedente, per un importo complessivo di 3.303.601 euro, di cui 973.601 euro sono relativi agli interventi di soggetti privati. 

La parte pubblica del progetto, riguarda un intervento edilizio sul Palazzo Scolastico di 2.330.000 euro (di cui euro 516 mila sarà a carico del Comune) che non sarà più riutilizzato come scuola. 

Cosa sono i "Contratti di Quartiere II"

I Contratti di Quartiere sono programmi innovativi di recupero e riqualificazione urbana e sociale, localizzate principalmente in aree di degrado edilizio e urbanistico, a scarsa coesione sociale, in presenza di carenza di servizi, con grave disagio abitativo ed elevata vulnerabilità sismica, queste aree di degrado, nelle grandi metropoli in genere, coincidono con i quartieri di periferia, mentre nei medi e piccoli centri, le zone degradate sono localizzate nelle aree più centrali dei tessuti consolidati e appartenenti ai primi nuclei abitativi della città.

L'art. 1 del Bando di gara della Regione Abruzzo, prevede la partecipazione al programma di almeno un soggetto privato che contribuisca con fondi propri (per un importo non inferiore al 5% del costo totale del programma) alla realizzazione del "Contratto di Quartiere" . Il programma quindi, coinvolge anche i soggetti privati, che con i singoli interventi edilizi finanziati con una quota massima pari al 30% del recupero e fino ad un tetto massimo di 30.000 Euro per ogni unità abitativa, dovrebbero contribuire a migliorare la qualità dell'area d'intervento. Per ogni Comune, la richiesta non può superare la somma di 2.000.000 di Euro. Tra i criteri prioritari per l’assegnazione dei finanziamenti, oltre ai parametri economici, c'è ovviamente, anche l'attenzione sulla qualità progettuale ed all’indice di fattibilità degli interventi proposti.

Con il nuovo finanziamento di cui al D.M. 8 Marzo 2006, si prevede l'impiego di fondi residuali che ammontano a 311.455.000 euro.
Restano invariati i contenuti del programma i cui relativi interventi devono essere compresi:
· nei piani per l`edilizia economica e popolare di cui alla legge 167/1962;
· nelle zone di recupero di cui all`art. 27 della legge 457/1978;
· in comparti di edifici particolarmente degradati di cui all`art. 18 della legge 392/1978;
· nelle aree assoggettate a recupero urbanistico di cui all`art. 29 della legge 47/1985 
· in aree degradate ed in quelle soggette a recupero a causa di eventi sismici o di pubblica calamità.

Il "Palazzo Scolastico": dalla chiusura ai "Contratti di Quartiere II"

L'Edificio Scolastico, è stato chiuso improvvisamente il 5 Novembre 2002, con ordinanza sindacale n.757 che faceva seguito ad una relazione tecnica basata su un'analisi sommaria dell'edificio in questione, redatta in due giorni (Domenica 3 e Lunedì 4 Novembre), dopo l'evento sismico del 31 Ottobre in Molise, avvertito leggermente anche in Abruzzo ma senza conseguenze sugli edifici, neppure sul nostro edificio scolastico, sempre ritenuto idoneo ad ospitare le classi elementari ed il Cinema Teatro, soprattutto dopo gli ultimi interventi di miglioramento.

Da quel giorno, mille vicende intorno all'Edilizia Scolastica si sono susseguite rapidamente:
01. alunni trasferiti in locali non idonei presso l'ex Pretura;  
02. rabbia e malumore tra la popolazione, determinata soprattutto dall'ombra della speculazione;
03. sondaggio in rete, in cui la maggioranza si esprime in favore alla conservazione dell'edificio storico (clicca),  contribuendo in maniera sostanziale ad orientare le ultime scelte verso il riutilizzo dell'edificio anche se per usi diversi; 
04. consigli comunali "infuocati";
05. altri onerosi incarichi professionali per perizie prive di indagini e calcoli analitici sulle strutture e stime con costi di "recupero" elevati;  
06. istituzione da parte del Consiglio Comunale, di una Commissione Speciale avente il compito di valutare delle ipotesi di intervento sull'edificio scolastico senza prevedere l'adeguamento ed il riutilizzo del fabbricato stesso (leggi);
07. progettazione repentina di un Polo Scolastico con annesso belvedere nella zona denominata "Lame", per un costo pari a 4.930.000  €, (vale a dire oltre nove miliardi e mezzo delle vecchie lire) somma non finanziata dalla Regione (leggi); 
08. nuova Scuola Elementare progettata su un lotto scelto per ripiego
09. nuovi incarichi professionali, per effettuare dopo ben tre anni, quelle indagini sul terreno e sulle strutture che dovevano essere sin dal primo giorno la base delle prime perizie;
10. il finanziamento di 500.000 euro del Cipe (Legge 289/2002) non più utilizzabili per la nuova Scuola Elementare, perchè assegnati per lavori di messa in sicurezza di edifici scolastici esistenti, provvedimento che costringe ora il Comune, ad assumere ulteriori mutui trentennali per ultimare il nuovo plesso scolastico. (leggi
11. affitto temporaneo dei locali dello stabile, ad associazioni culturali, ricreative, assistenziali, religiose e politiche;
12. infine, la riproposta dell'intervento sul Palazzo Scolastico nell'ambito dei Contratti di Quartiere II, per l'importo di 2.330.000 euro di cui 516 mila euro a carico del Comune.

Il progetto, riapprovato recentemente dalla Giunta Comunale, prevede come intervento della parte pubblica, un recupero dell'edificio effettuato, non tramite lavori di consolidamento delle strutture esistenti, ma  mediante la demolizione delle parti interne con successiva ricostruzione dell'intera struttura portante in cemento armato, lasciando inalterati, solo la copertura e i muri perimetrali esistenti. La destinazione d'uso dei locali ai piani superiori, sarà diversa da quella scolastica e al piano terra, sarà riconfermata la sala del Cinema Teatro. Una soluzione drastica e complessa, che ci restituirà un edificio  menomato, rifatto a metà, piuttosto che restaurato con criterio. Una scelta che elude qualsiasi sforzo, anche minimo, di tentare un intervento di miglioramento strutturale, mirando ad un recupero effettuato con tecniche e materiali innovativi, al fine di rispettare e conservare la natura del fabbricato stesso.
Nel frattempo, in attesa di una eventuale approvazione del bando, o di un'altra soluzione, lo stabile sarà temporaneamente utilizzato ai piani superiori da associazioni culturali, ricreative, assistenziali, religiose e politiche. Questa decisione, è maturata in seguito agli elaborati tecnici rimessi da un  geologo e da un ingegnere (entrambi incaricati di eseguire gli studi e gli approfondimenti tecnici finalizzati all'analisi strutturale ed alla caratterizzazione del terreno di fondazione dell'edificio dopo ben tre anni dalla chiusura), nei quali emerge che "l'edificio, pur non raggiungendo i livelli minimi di sicurezza definiti dalle norme tecniche per le costruzioni, può essere considerato fruibile per lo svolgimento di quelle attività che non comportino affollamento e che determinano un basso cimento statico dell'edificio". Ci si chiede a questo punto, cosa si intende per affollamento e basso cimento statico dell'edificio, visto che fino al 2002, la scuola era occupata da una ventina di bambini per aula, quindi, sicuramente meno sollecitata che nel prossimo utilizzo da parte delle persone adulte delle associazioni di cui sopra. Soprattutto se le attività all'interno dell'edificio, verranno svolte per pura coincidenza, tutte contemporaneamente (condizione di carico più sfavorevole, da prendere sempre in considerazione nelle valutazioni delle sollecitazioni accidentali sulle strutture). Inoltre, in caso di intervento edilizio sul Palazzo Scolastico, l'utilizzo dei locali ampi e luminosi dell'edificio da parte di organizzazioni come la Banda di 50 elementi, la Protezione Civile, la Parrocchia ecc., cesserà e le  associazioni , dovranno tornare alla ricerca di locali idonei dove svolgere le proprie attività.

Area commenti di FaceBook
 n. 1 
C'è molto, ma molto da meditare rispetto a quel che qui si legge e che, di sicuro, è informazione verificabile e per questo veritiera.
...E intanto, le "comunali" si avvicinano...
Inserito da  margherita  il 25/05/2006 alle ore 15:14:54
 n. 2 
Sottoscrivo in pieno lo spirito critico che ha animato questo bellissimo articolo, e d' altro canto al cristallino slancio etico e civile che muove i redattori di casoli.org si è sempre contrapposta la bruma affaristico-privatista di alcuni (tutti) soggetti dell' amministrazione uscente, e, speriamo, non riconfermata.
Inserito da  un cittadino casolano  il 27/05/2006 alle ore 11:59:23
Inserisci un commento
Autore
E-mail o Sito Web

Prima dell'invio, inserisci i numeri del codice di sicurezza che vedi apparire qui sotto

Codice di sicurezza

AVVERTENZE da leggere prima di postare i commenti
Non sono consentiti:
1) messaggi inseriti interamente con caratteri maiuscoli
2) messaggi non inerenti al post
3) messaggi pubblicitari
4) messaggi con linguaggio offensivo e/o lesivo nei confronti di terzi
5) messaggi che contengono turpiloquio
6) messaggi con contenuto sessista, razzista ed antisemitico

7) messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

8) messaggi inseriti col copia ed incolla di lunghi articoli


La Redazione di casoli.org si riserva il diritto di rimuovere qualsiasi dato inserito, senza preavviso e senza fornire alcuna motivazione.

In ogni caso, casoli.org non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi e non risponde per eventuali controversie che dovessero insorgere tra gli utenti. Ogni utente è responsabile dei dati che inserisce e ad ogni sua azione corrisponde un indirizzo IP registrato su database.

 
 

casoli.org è un sito pubblicato sotto Licenza Creative Commons

Dove non specificato diversamente, è possibile riprodurre il materiale: non alterandolo, citando sempre la fonte e non traendone vantaggi economici.


Riferimento legislativo sulla privacy

Legge 633 del 22 aprile 1941 e successive modifiche ed integrazioni
Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio
SEZIONE II
Diritti relativi al ritratto.
Art. 97
Non occorre il consenso della persona ritrattata quando la riproduzione dell'immagine è giustificata dalla notorietà o dall'ufficio pubblico coperto da necessità di giustizia o di polizia, da scopi scientifici, didattici o culturali, o quando la riproduzione è collegata a fatti, avvenimenti, cerimonie di interesse pubblico o svoltisi in pubblico.
Il ritratto non può tuttavia essere esposto o messo in commercio, quando l'esposizione o messa in commercio rechi pregiudizio all'onore, alla reputazione od anche al decoro della persona ritratta.


Nota (ndr): per quanto attiene il ritratto di minori, la pubblicazione nei termini e modi indicati nel precedente Art. 97, è vietata solo per i minori coinvolti in vicende giudiziarie (art.13 D.P.R. 22/09/88 n.448 ed art.50 D.L. 30/06/03 n.196, che estende il divieto anche ai casi di coinvolgimento a qualunque titolo del minore in procedimenti giudiziari in materie diverse da quella penale).

Torna in alto |

 

.

 

 
 Cerca nelle News

 

         Cerca nelle FotoNotizie

METEO

"Il silenzio dell'invidioso fa molto rumore" (Kahlil Gibran)

 
 
 
casoli.org Mobile
::: LE NEWS DAL WEB :::

::: ARCHIVIO :::

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
FotoNotizie

News - Audio - Video

Amarcord (1)
Ambiente (141)
Ambrosia (44)
Archeologia (23)
Attualità (8)
AudioComune (19)
AudioEventi (2)
AudioOspedale (2)
AudioStoria (10)
Autori (12)
Avvisi (50)
Beni culturali (36)
Calendario eventi (20)
Cinema (30)
Comune (231)
Comunità Montana (11)
Concerti (144)
Concorsi (34)
Corsi (22)
Cronaca (71)
DiversAbili (41)
Emigrazione (23)
Eventi (436)
Foto FB (6)
Internet (18)
Interviste (9)
Lavoro (7)
Libri (113)
Menu (1)
Mostre (45)
Musei (1)
Musica (36)
Ospedale (194)
Politica (43)
Recensioni (6)
Regione (16)
Solidarietà (36)
Spettacoli (82)
Sport (82)
Storia (80)
VideoAmarcord (4)
VideoAmbiente (16)
VideoAmbrosia (9)
VideoAntropologia (1)
VideoArcheologia (11)
VideoAttualità (13)
VideoBeniCulturali (5)
VideoCartoline (5)
VideoClip (1)
VideoConcerti (70)
VideoConsiglio (6)
VideoCronaca (39)
VideoEmigrazione (4)
VideoEventi (34)
VideoFeste (12)
VideoFolclore (5)
VideoInterviste (4)
VideoLibri (18)
VideoMeteo (5)
VideoMusica (5)
VideoNatura (4)
VideoOspedale (50)
VideoReligiosi (20)
VideoSolidarietà (8)
VideoSpettacoli (30)
VideoSport (20)
VideoStoria (42)
VideoTradizioni (10)
Vignette (12)


Catalogati per mese:
Luglio 2002
Agosto 2002
Settembre 2002
Ottobre 2002
Novembre 2002
Dicembre 2002
Gennaio 2003
Febbraio 2003
Marzo 2003
Aprile 2003
Maggio 2003
Giugno 2003
Luglio 2003
Agosto 2003
Settembre 2003
Ottobre 2003
Novembre 2003
Dicembre 2003
Gennaio 2004
Febbraio 2004
Marzo 2004
Aprile 2004
Maggio 2004
Giugno 2004
Luglio 2004
Agosto 2004
Settembre 2004
Ottobre 2004
Novembre 2004
Dicembre 2004
Gennaio 2005
Febbraio 2005
Marzo 2005
Aprile 2005
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Ultimi commenti:
vi sembra una cosa normale il ...
08/07/2019 alle ore 13:01:16
Inserito da star dust
MOVE ONE... ottima osservazion...
13/04/2019 alle ore 12:41:20
Inserito da casoli.org
Spiegate anche, perché tenete ...
11/04/2019 alle ore 08:48:07
Inserito da MOVE ON
ATTENZIONE!! In seguito al suc...
30/12/2018 alle ore 17:34:26
Inserito da casoli.org
Complimenti alla bella organiz...
07/10/2018 alle ore 13:56:50
Inserito da Maria Menna- Roma
http :// www . mednat . org /s...
12/09/2018 alle ore 12:50:06
Inserito da R.B.
Faccia un ulteriore sforzo, um...
12/09/2018 alle ore 12:40:26
Inserito da regno bacteria
La famiglia Talone ringrazia v...
06/09/2018 alle ore 09:36:58
Inserito da La moglie
Vorrei macinare del grano soli...
11/06/2018 alle ore 20:56:03
Inserito da fioravante scamuffa
correggo 15 lt pro capite, è p...
23/01/2018 alle ore 09:58:52
Inserito da j

Valid xhtml 1.0 / css