News » Articolo
Inserito da Redazione il 14/01/2010 alle ore 06:52:09 - sez. Storia - visite: 24084 

Il terremoto della Maiella del 26 Settembre 1933
I lavori iniziarono il 7 ottobre 1933, e i primi interventi si conclusero nella prima decade di novembre. Così il fascismo affrontò l'emergenza
Il terremoto della Maiella del 26 Settembre 1933
Un'immagine relativa al terremoto della Maiella tratta da "L'Illustrazione Italiana" pubblicata a Milano l'8 ottobre 1933.
Foto tratta dal sito di Borrello: www.borrelloweb.it

Maurilio di Giangregorio, ingegnere ed ex ufficiale degli alpini, ha scritto molti libri di storia locale ma non solo. Fra i più noti e apprezzati c’è quello in cui viene ricostruita la tragedia degli operai italiani nella miniera di Marcinelle. Tre mesi fa ha dato alle stampe un volume in cui rifà la storia dei terremoti all’Aquila dal 1300 al 2009. «Un libro asciutto, secco, duro» ha scritto il capo della protezione civile Guido Bertolaso nella prefazione. L’autore ha raccolto documenti che risalgono sino a 800 anni fa e che sono la testimonianza di una terra da sempre sconquassata dal sisma. In quel volume non si parla del terremoto della Maiella (la zona interessata è infatti in provincia di Chieti). Il 26 settembre del 1933, l’Abruzzo, fu interessato da un violento terremoto, al quale fu dato il nome di “Terremoto della Maiella”.

LA STORIA. In passato sempre nella stessa zona, con epicentro nella Maiella, il 3 novembre del 1706 si erano avute altre scosse con migliaia di vittime.

IL SISMA. La mattina del 26 settembre 1933 ci fu una prima scossa alle ore 01:15, e una seconda, più forte, alle 03:11, sentita nei comuni delle province di Chieti, L’Aquila e Pescara. La terza, più potente, arrivò alle 04:33 e colpì maggiormente i paesi ubicati alle falde della Maiella. Fu classificata del IX grado della scala Mercalli cioè “distruttiva”. I danni maggiori si ebbero nei comuni di Lama dei Peligni, Taranta Peligna, Fara San Martino e Civitella Messer Raimondo, tutti ricadenti nella Valle del fiume Aventino. Rilevanti danni riportarono pure gli abitanti di Salle e alcune frazioni di Caramanico. I danni riportati dagli edifici furono ingenti, con numerosi crolli, ma il numero delle vittime fu limitato, anche perché le scosse precedenti fecero allontanare la popolazione dalle loro case. L’ospedale di Popoli composto da 17 vani, fu distrutto.

I MORTI. I morti furono dodici, di cui due a Casalincontrada, sette a Lama dei Peligni e tre a Taranta Peligna. In definitiva furono 65 i comuni colpiti dal sisma parzialmente o totalmente danneggiati; di questi solo la metà potè beneficiare dei contributi concessi dallo Stato, avendo le Prefetture, in ottemperanza alle direttive del Ministero degli Interni, attuato una politica di rigore e senza tentennamenti nei confronti dei terremotati, ribadendo: «Che sia evitato il diffondersi dell’ingiustificato allarme nelle popolazioni, aggravando l’impressione del disastro. Devono evitarsi provvedimenti che vadano oltre lo stretto necessario».

I SOCCORSI . Il Ministero dei Lavori Pubblici fu designato dal Governo a presiedere fin dal primo momento le operazioni di pronto soccorso e successivamente la ricostruzione post sisma. Questa decisione consentì di accelerare e semplificare le fasi di ricostruzione. Nelle operazioni di pronto soccorso, si pensò addirittura di ridurre il numero delle tende che il Genio Civile si apprestava a mettere a disposizione degli sfollati, evitando la realizzazione di «inutili baraccamenti che avrebbero, in qualche modo, disincentivato le popolazioni alla rapida ricostruzione dei propri alloggi».

NUOVI ALLOGGI. Il Governo fascista evitò di ricorrere alle baracche o altro tipo di costruzione provvisoria, perché le riteneva di intralcio alla definitiva ricostruzione dei borghi colpiti e anche per evitare la riduzione delle condizioni igieniche e del tenore di vita delle famiglie che avrebbero dovuto occuparle. In seguito, mantenne sotto stretto controllo la ricostruzione, in linea con la politica totalitaria a cui era sottoposto il paese.

I CONTRIBUTI. Alle amministrazioni comunali furono concessi inizialmente sostanziali contributi, maggiormente per la riparazione dei cimiteri e degli ossari, questo anche al fine di eliminare o impedire l’insorgere di epidemie. Alle abitazioni private e agli edifici pubblici fu concesso un contributo per la riparazione o ricostruzione nella misura del 50% della spesa, stimata dai tecnici del Genio Civile. In questa occasione fu applicato il Regio decreto del 16 ottobre 1933 numero 1334, che prevedeva l’adozione, nella ricostruzione, di un sistema antisismico con la tecnica del cemento armato. Questo determinò un aumento di spesa per la realizzazione delle fondazioni e dell’intera costruzione rispetto al passato. Il ministro dei Lavori Pubblici, Araldo di Crollalanza , dichiarò in parlamento che «i lavori necessari da eseguire erano di molto inferiori alle reali necessità del territorio», poiché si stava attraversando un momento di crisi economica, si rendeva impellente la riduzione delle spese per gli interventi straordinari. La scarsità degli investimenti provocò un ristagno nel settore edile e nell’indotto, provocando l’allontanamento fuori regione delle attività di molte imprese locali, causando un considerevole aumento della disoccupazione. Il decreto al fine di sollecitare una rapida riparazione degli immobili danneggiati previde un “premio di acceleramento” fino ad un massimo del 40% del contributo, pur di assicurare una rapida ripresa della normalità.

LA RICOSTRUZIONE. L’opera di ricostruzione fu particolarmente difficile. Bisognava infatti in brevissimo tempo provvedere al ricovero dei senza tetto prima dell’arrivo dell’inverno. Nonostante le notevoli difficoltà, furono rese abitabili nel «cratere» circa 10.000 edifici lesionati. Su progetti predisposti dai tecnici del Genio Civile di Chieti, furono costruite le cosiddette «casette antisismiche», costituite da edifici in muratura su due livelli, con due alloggi al piano terra e due al piano superiore dotati di bagni, questo al fine di ridurre la densità della popolazione nei centri abitati. Per contenere, inoltre, i costi di costruzione e ridurre al minimo l’impiego dei mezzi di trasporto, si cercò nei limiti del possibile di impiegare materiali, principalmente pietrame e mattoni, reperiti in prossimità delle zone colpite. I lavori iniziarono il 7 ottobre 1933, e i primi interventi si conclusero nella prima decade di novembre. A Lama dei Peligni furono costruiti 100 vani, a Taranta Peligna 110, a Civitella Messer Raimondo 40 e a Salle del Littorio 112 vani ubicati in una zona nuova distante dal paese, tutto questo nonostante le difficoltà per la mancanza di acqua, la scarsità dei mezzi di trasporto, il difficile reclutamento della mano d’opera e la scarsità degli alloggi da mettere a disposizione delle maestranze. I nuovi quartieri furono dotati di fognature, rete idrica, strade interne con marciapiedi e zanelle. Le casette furono assegnate alle famiglie più bisognose che non avevano la possibilità di ricostruire le proprie abitazioni. Erano però tenute al pagamento di un canone d’affitto mensile al Comune, differenziato per numero, ampiezza ed esposizione dei locali. Alle famiglie che versavano in stato di indigenza - su proposta del Podestà - il Prefetto decideva in merito all’esonero. Nel 1935 fu presentato dal ministro dei Lavori Pubblici un disegno di legge che fu approvato dalla Camera dei deputati. Con questa legge si introdusse la possibilità di erogare agli aventi diritto, durante il corso dei lavori, degli acconti a stati di avanzamento nella misura del 75% della spesa documentata in contabilità. Il saldo veniva versato a lavori ultimati e collaudati entro dodici mesi dalla data di comunicazione della concessione del sussidio ed entro 18 mesi in caso di ricostruzione. Dal Ministero dei Lavori pubblici fu messa a disposizione una somma consistente pari a 319.238.000 lire. La ricostruzione post sismica migliorò le condizioni abitative delle famiglie con alloggi più igienici e stabili.

L’ECONOMIA. L’economia locale, in grave difficoltà a causa della crisi del 1929, riprese con vigore, anche perché le imprese edili che realizzarono le opere erano tutte locali con sede nelle province di Chieti e Pescara. Il ricorso a ditte di fuori regione per le riparazioni delle abitazioni private fu molto ridotto. Di colpo si azzerò la disoccupazione. Il Governo fascista, nella politica di ricostruzione, privilegiò quindi la riedificazione dei fabbricati civili, destinando ad essi la gran parte delle risorse finanziarie, a scapito del settore produttivo molto compromesso dal sisma. Questa politica, al momento acquietò e rassicurò l’opinione pubblica. Solo in seguito finanziò interventi nei settori agricolo, commerciale e manifatturiero, che per la loro importanza sociale ed economica, avrebbero dovuto avere diverso interessamento, perché senz’altro avrebbero dato impulso notevole alla ripresa economica delle zone terremotate.

Fonte: "il Centro" del 29-12-2009

Area commenti di FaceBook
Nessun commento inserito.

Inserisci un commento
Autore
E-mail o Sito Web

Prima dell'invio, inserisci i numeri del codice di sicurezza che vedi apparire qui sotto

Codice di sicurezza

AVVERTENZE da leggere prima di postare i commenti
Non sono consentiti:
1) messaggi inseriti interamente con caratteri maiuscoli
2) messaggi non inerenti al post
3) messaggi pubblicitari
4) messaggi con linguaggio offensivo e/o lesivo nei confronti di terzi
5) messaggi che contengono turpiloquio
6) messaggi con contenuto sessista, razzista ed antisemitico

7) messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

8) messaggi inseriti col copia ed incolla di lunghi articoli


La Redazione di casoli.org si riserva il diritto di rimuovere qualsiasi dato inserito, senza preavviso e senza fornire alcuna motivazione.

In ogni caso, casoli.org non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi e non risponde per eventuali controversie che dovessero insorgere tra gli utenti. Ogni utente è responsabile dei dati che inserisce e ad ogni sua azione corrisponde un indirizzo IP registrato su database.

 
 

casoli.org è un sito pubblicato sotto Licenza Creative Commons

Dove non specificato diversamente, è possibile riprodurre il materiale: non alterandolo, citando sempre la fonte e non traendone vantaggi economici.


Riferimento legislativo sulla privacy

Legge 633 del 22 aprile 1941 e successive modifiche ed integrazioni
Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio
SEZIONE II
Diritti relativi al ritratto.
Art. 97
Non occorre il consenso della persona ritrattata quando la riproduzione dell'immagine è giustificata dalla notorietà o dall'ufficio pubblico coperto da necessità di giustizia o di polizia, da scopi scientifici, didattici o culturali, o quando la riproduzione è collegata a fatti, avvenimenti, cerimonie di interesse pubblico o svoltisi in pubblico.
Il ritratto non può tuttavia essere esposto o messo in commercio, quando l'esposizione o messa in commercio rechi pregiudizio all'onore, alla reputazione od anche al decoro della persona ritratta.


Nota (ndr): per quanto attiene il ritratto di minori, la pubblicazione nei termini e modi indicati nel precedente Art. 97, è vietata solo per i minori coinvolti in vicende giudiziarie (art.13 D.P.R. 22/09/88 n.448 ed art.50 D.L. 30/06/03 n.196, che estende il divieto anche ai casi di coinvolgimento a qualunque titolo del minore in procedimenti giudiziari in materie diverse da quella penale).

Torna in alto |

 

.

 

 
 Cerca nelle News

 

         Cerca nelle FotoNotizie

METEO

“Se vuoi essere universale, parla del tuo villaggio”(L. Tolstoj)

 
 
 
casoli.org Mobile
::: LE NEWS DAL WEB :::

::: ARCHIVIO :::

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
FotoNotizie

News - Audio - Video

Amarcord (1)
Ambiente (141)
Ambrosia (44)
Archeologia (22)
Attualità (8)
AudioComune (19)
AudioEventi (2)
AudioOspedale (2)
AudioStoria (10)
Autori (12)
Avvisi (49)
Beni culturali (36)
Calendario eventi (28)
Cinema (30)
Comune (230)
Comunità Montana (11)
Concerti (144)
Concorsi (34)
Corsi (22)
Cronaca (70)
DiversAbili (41)
Emigrazione (23)
Eventi (430)
Foto FB (6)
Internet (18)
Interviste (9)
Lavoro (7)
Libri (111)
Menu (1)
Mostre (45)
Musei (1)
Musica (36)
Ospedale (194)
Politica (43)
Recensioni (6)
Regione (16)
Solidarietà (36)
Spettacoli (82)
Sport (82)
Storia (80)
VideoAmarcord (4)
VideoAmbiente (16)
VideoAmbrosia (9)
VideoAntropologia (1)
VideoArcheologia (11)
VideoAttualità (13)
VideoBeniCulturali (5)
VideoCartoline (5)
VideoClip (1)
VideoConcerti (70)
VideoConsiglio (5)
VideoCronaca (39)
VideoEmigrazione (4)
VideoEventi (34)
VideoFeste (12)
VideoFolclore (5)
VideoInterviste (4)
VideoLibri (18)
VideoMeteo (5)
VideoMusica (5)
VideoNatura (4)
VideoOspedale (50)
VideoReligiosi (20)
VideoSolidarietà (8)
VideoSpettacoli (30)
VideoSport (20)
VideoStoria (42)
VideoTradizioni (10)
Vignette (12)


Catalogati per mese:
Luglio 2002
Agosto 2002
Settembre 2002
Ottobre 2002
Novembre 2002
Dicembre 2002
Gennaio 2003
Febbraio 2003
Marzo 2003
Aprile 2003
Maggio 2003
Giugno 2003
Luglio 2003
Agosto 2003
Settembre 2003
Ottobre 2003
Novembre 2003
Dicembre 2003
Gennaio 2004
Febbraio 2004
Marzo 2004
Aprile 2004
Maggio 2004
Giugno 2004
Luglio 2004
Agosto 2004
Settembre 2004
Ottobre 2004
Novembre 2004
Dicembre 2004
Gennaio 2005
Febbraio 2005
Marzo 2005
Aprile 2005
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Ultimi commenti:
vi sembra una cosa normale il ...
08/07/2019 alle ore 13:01:16
Inserito da star dust
MOVE ONE... ottima osservazion...
13/04/2019 alle ore 12:41:20
Inserito da casoli.org
Spiegate anche, perché tenete ...
11/04/2019 alle ore 08:48:07
Inserito da MOVE ON
ATTENZIONE!! In seguito al suc...
30/12/2018 alle ore 17:34:26
Inserito da casoli.org
Complimenti alla bella organiz...
07/10/2018 alle ore 13:56:50
Inserito da Maria Menna- Roma
http :// www . mednat . org /s...
12/09/2018 alle ore 12:50:06
Inserito da R.B.
Faccia un ulteriore sforzo, um...
12/09/2018 alle ore 12:40:26
Inserito da regno bacteria
La famiglia Talone ringrazia v...
06/09/2018 alle ore 09:36:58
Inserito da La moglie
Vorrei macinare del grano soli...
11/06/2018 alle ore 20:56:03
Inserito da fioravante scamuffa
correggo 15 lt pro capite, è p...
23/01/2018 alle ore 09:58:52
Inserito da j

Valid xhtml 1.0 / css