News » Articolo
Inserito da Redazione il 17/05/2010 alle ore 15:11:50 - sez. Storia - visite: 11587 

I laghi di Bomba e di Casoli
Parla Nicola Berghella, protagonista delle vicende legate alla costruzione della diga di Bomba. "Meglio non svegliare il cane che dorme", afferma preoccupato riferendosi alle trivelle
I laghi di Bomba e di Casoli

Guarda i video della costruzione delle dighe | Link correlati

I due bacini artificiali costruiti dall'ACEA, nacquero negli anni '50 da due sbarramenti di diversa tipologia sui fiumi Sangro e Aventino. "Quando fu realizzato il lago di Bomba - dice Nicola Berghella nel suo racconto lasciato nel gruppo "Salviamo il lago di Bomba" - non si pensava affatto al lato turistico, ma soltanto alla produzione di energia elettrica. Si era usciti da poco da una guerra disastrosa e il turismo era solo un fatto elitario. Per la stragrande maggioranza - continua - c’era soltanto fame, disoccupazione e tanta voglia di lavorare ma senza lavoro. Il turismo per il lago arrivò molto più tardi con l’avvento del turismo di massa e in concomitanza anche con la costituzione delle Comunità Montane, quando si incominciò a crearne le infrastrutture."
Di seguito il racconto integrale di Nicola Berghella, una "memoria vivente" di tutte le vicende legate alla costruzione della diga del lago di Bomba. Vicende che hanno molto in comune anche con la nascita del lago di Casoli,  a parte la consistenza stessa delle dighe, in quanto, il serbatoio di Bomba nasce da uno sbarramento in terra battuta del Fiume Sangro, mentre il bacino artificiale di Casoli, nasce da uno sbarramento in cemento armato del Fiume Aventino. Nicola Berghella oggi vive a Roma, ma è nato 86 anni fa a San Vito Chietino ed ha lavorato per l’ACEA fino al 1989.

Come nacque il lago di Bomba - Ricordi di un protagonista

In piedi sul muretto Nicola Berghella. I tre seduti sono di Casoli: Di Mito Vincenzo, D'Orsogna Giuseppe e Carulli Remo (Giovannino). In piedi a destra, la guardia giurata Taddeo Di Martino di Palena.

Si è scritto spesso, di convegni, assemblee o riunioni relativi all’argomento per cui è stato creato il gruppo “Salviamo il lago di Bomba” dall’estrazione del gas dal sottosuolo, ma credo sarebbe stato utile sapere se queste manifestazioni siano effettivamente avvenute e magari leggere qualche resoconto, soprattutto per quelli che non risiedono nella zona.
Premesso questo, penso sia opportuno dare qualche informazione storica sul lago di Bomba, soprattutto per i più giovani, e nello stesso tempo fornire tutti gli elementi tecnici dell’impianto, per soddisfare magari la curiosità di chi volesse approfondire. A questo scopo fornisco, nella zona “foto”, la riproduzione di un depliant illustrativo stampato, a suo tempo, dall’ACEA che si riferisce a tutto il complesso degli impianti sul Sangro, sull’Aventino e sul Verde; inoltre vi unisco alcune mie fotografie dell’epoca.

Come ho già spiegato in altra occasione io ho vissuto da attivo protagonista tutte le vicende degli impianti, prima durante e dopo la realizzazione; quindi credo possa considerarmi “memoria vivente” (ancora, Grazie a Dio) dell’argomento.
Intanto c’è anche da premettere che, visto che oggi si sente tanto decantare le bellezze del lago di Bomba (denominazione rivendicata anche da Colledimezzo, Villa S.Maria e Pennadomo), quando fu realizzato il lago non si pensava affatto al lato turistico, ma soltanto alla produzione di energia elettrica. Si era usciti da poco da una guerra disastrosa e il turismo era solo un fatto elitario. Per la stragrande maggioranza c’era soltanto fame, disoccupazione e tanta voglia di lavorare ma senza lavoro. Il turismo per il lago arrivò molto più tardi con l’avvento del turismo di massa e in concomitanza anche con la costituzione delle Comunità Montane, quando si incominciò a crearne le infrastrutture.

Per la storia c’è ancora da premettere che all’epoca l’energia elettrica non era ancora nazionalizzata come lo è oggi, ma c’erano le società elettriche, grandi o piccole, che producevano e distribuivano l’energia in ambito locale. La nazionalizzazione avvenne nel 1962 (quando gli impianti dell’ACEA erano già in funzione), voluta allora dalla sinistra politica e fortemente sponsorizzata dal leader repubblicano Ugo La Malfa. L’ACEA, azienda municipalizzata del Comune di Roma , aveva chiesto la concessione per lo sfruttamento delle acque del medio e basso Sangro e dell’Aventino e Verde per produrre energia da trasportare nella Capitale. Per tale concessione era in lizza con la SME (Società Meridionale Elettrica) con sede in Napoli, che già aveva costruito centrali elettriche sull’alto Sangro fino a Villa S.Maria. Alla fine l’ACEA la spuntò e realizzò tutto il complesso impianto con centrale di produzione (denominata “di S. Angelo”) in Selva di Altino, due bacini (sul Sangro e sull’Aventino), circa venti chilometri di gallerie per un costo preventivato di dodici miliardi di lire di allora, che poi a consuntivo i miliardi arrivarono a trentacinque. (La cifra oggi potrebbe sembrare un’inezia ma all’epoca chi riusciva a portare a casa trentamila lire al mese poteva considerarsi quasi un benestante.)
Contemporaneamente l’ACEA ha costruito un elettrodotto a doppia terna a 150 KV per il trasporto a Roma dell’energia prodotta. Con la nazionalizzazione del 1962 tale elettrodotto è diventato naturalmente quasi inutile, poiché con tale nazionalizzazione tutte le produzioni di energia elettrica in Italia confluiscono nella rete nazionale, oggi gestita dalla Terna, per essere derivata dove occorre, dall’ENEL o dalle aziende come l’ACEA (oggi non più azienda municipalizzata ma S.p.a.).

Nel dare inizio alla costruzione degli impianti non fu facile fare opera di convincimento presso gli enti locali e le popolazioni per ottenerne l’assenso. L’avversione era dovuta principalmente al fatto che l’energia prodotta era destinata ad essere portata fuori dall’Abruzzo. A nostro favore, come ho già scritto in altra sede, giocò molto la mancanza assoluta di lavoro nella zona. Ricordo che la maggior parte degli atti notarili per l’acquisto dei terreni avvenivano, il più delle volte, per mezzo di procure da parte dei relativi proprietari emigrati all’estero per fame. Da parte nostra cercammo di alzare il più possibile i prezzi di acquisto rispetto ai valori commerciali. D’altra parte i terreni stessi erano quasi tutti in stato di abbandono perchè la piccola agricoltura era in piena crisi. Ricordo anche che, appunto per dare un certo impulso all’agricoltura morente, su iniziativa dell’allora sindaco di Bomba, fu costituita la cantina sociale vinicola di Bomba che a quell’epoca forse era la prima in Abruzzo. Sempre all’epoca in Bomba c’era un cementificio che proprio in concomitanza con i lavori dell’ACEA chiuse i battenti perché la qualità del prodotto era scadente e dalle analisi effettuate non risultò idonea per la fornitura, come si sperava, per i notevolissimi fabbisogni per gli impianti ACEA.

Così durante gli anni della costruzione ci fu lavoro per tutti nella zona e l’economia fece un balzo in alto. Alla fine dei lavori per fortuna cominciò ad avviarsi l’industrializzazione della valle del Basso Sangro e varie altre iniziative locali che cambiarono radicalmente in meglio l’economia della zona.
Il complesso dei lavori per la realizzazione degli impianti fu un avvenimento grandioso. Vi parteciparono le più grandi imprese di costruzioni d’Italia di allora, quali Costanzi, Cidonio, Ghella, Traversa, Rodio, Bertelè ed altri, anche locali. Sono stati interessati i territori di ben dodici Comuni e migliaia di proprietari di terreni.
Da parte mia, come ho già scritto, per le mie mansioni ho avuto modo di conoscerli tutti; sia le imprese dal punto di vista tecnico (ero specializzato in topografia), sia i proprietari dei terreni per le trattative di acquisto e i pagamenti tramite notaio o le procedure coattive di esproprio. Ho curato anche i rapporti con gli enti locali (Comuni ed enti vari) e le autorità di controllo, come Genio Civile e Prefettura.
Oramai è trascorso oltre mezzo secolo. Restano i ricordi. Dei protagonisti di allora credo siamo rimasti in pochi. L’ingegnere Molinas , direttore dei lavori della diga e opere di presa, molto conosciuto a Bomba perché vi fissò la residenza per tutto il periodo dei lavori stessi, è morto qualche anno fa, ed aveva meno anni di me.
E il lago di Bomba è lì per il godimento estasiato dei giovani di oggi con l’augurio che si riesca ad impedirne la contaminazione da parte degli estrattori di gas dal sottosuolo. (Nicola Berghella)

I rischi per la stabilità della diga di Bomba in seguito ad un eventuale impianto di estrazione gas

La diga in terra battuta del lago Bomba

Nel precedente intervento mi sono limitato a descrivere le vicende vissute, da protagonista, nella realizzazione degli impianti idroelettrici dell’ACEA di Roma sui fiumi Sangro, Aventino e Verde, in particolare della diga e bacino sul Sangro.
Successivamente ho avuto modo di informarmi bene su ciò che si progetta di fare oggi attorno al lago di Bomba, cioè l’estrazione di gas dal sottosuolo da parte di una società americana, addirittura in prossimità della diga.
Per quanto possa valere il mio modesto parere dico subito che la realizzazione di tale progetto sarebbe un azzardo gravissimo per la stabilità della diga e dell’intero territorio circostante, poiché andrebbe certamente a compromettere il già fragile equilibrio statico dell’intera zona. Tutto ciò a prescindere dal fattore inquinamento che nessun sistema di sicurezza e prevenzione potrà evitare.

Quella diga in terra battuta, definita allora la più grande d’Europa, fu costruita quando non esistevano molte esperienze su quella tipologia di dighe. Difatti l’ACEA per la bisogna andò a cercare un ingegnere che aveva diretto la costruzione di una diga di poco conto nel meridione d’Italia. Quindi molti principi teorici e quasi tutto da inventare.
Oggi, a distanza di mezzo secolo, possiamo dire che tutto è andato bene e ancora va bene, ma ricordo che durante la costruzione della diga si verificarono diversi inconvenienti imprevisti, per la tenuta e la sicurezza. Quando si stava scavando nell’alveo del fiume per l’impostazione della base della diga, franò tutta la sponda destra che avrebbe dovuto costituire l’ancoraggio della diga stessa, in località Macinini del Comune di Bomba. Per fortuna la frana avvenne di notte quando il cantiere era fermo, altrimenti vi sarebbero state certamente delle vittime. Guardando la morfologia di quel luogo appariva evidente che la zona della frana non era altro che il deposito di una antica grande frana. Per la cronaca il costo suppletivo per lo sgombero del materiale franato ammontò a cento milioni di allora.
Per consolidare il monte Tutoglio che doveva costituire l’ancoraggio sinistro della diga, verso Pennadomo, si dovettero iniettare diverse migliaia di tonnellate di cemento, opportunamente miscelato. Questo a causa evidentemente della porosità della roccia costituente il Tutoglio che sembrava insaziabile. Sembra incredibile, ma il cemento iniettato riuscì nelle vicinanze di Villa S. Maria.
Questo fatto appena raccontato, evidenzia quanto sia instabile e inconsistente tutto il territorio. La maggior parte delle sponde del lago risulta franosa; in particolare la sponda sinistra, sotto Montebello sul Sangro, che un po’ somiglia al Monte Toc del Vaiont (e lì c’era una diga in cemento armato che ha resistito alla valanga d’acqua, altrimenti l’immane tragedia sarebbe stata ancora peggiore). Immaginate una diga in terra come la nostra. Meglio non pensarci.
Con questa prospettiva, e con tutti gli scongiuri del caso, penso che sia assolutamente da evitare l’andare a “sfruculiare” con trivellazioni e svuotamenti sotterranei proprio lì dove già vi sono costituiti dei pericoli potenziali, e andare magari a svegliare il can che dorme. (Nicola Berghella)

La lettera inviata alla Regione Abruzzo e al Ministero delle Risorse Economiche

Premetto che sono un pensionato dell’ACEA di Roma, Nicola Berghella, abruzzese di nascita, residente a Roma. Ho seguito sin dai primi sondaggi tutte le fasi della costruzione della diga in terra battuta sul fiume Sangro, fino al termine e anche negli anni successivi. Sono specializzato in topografia, quindi mi sono occupato dei problemi topografici della diga e del bacino, oltre che degli stati di consistenza dei terreni espropriati insieme ai funzionari del Genio Civile di Chieti, dell’apposizione dei termini di confine delle zone di rispetto lungo le sponde del lago, e la redazione dei relativi tipi di frazionamento catastali. Alla fine mi sono occupato anche del rimboschimento delle sponde del lago con piante di pioppo, fornite dall’allora Ente per la cellulosa e la carta; operazione che, per la verità, fu un fallimento per il mancato attecchimento.
Quanto premesso per dichiarare la mia perfetta e completa conoscenza di ogni angolo del bacino, della diga e di tutte le fasi della costruzione di essa.
Intanto all’epoca, secondo il progetto, quella diga era considerata la più grande d’Europa in terra battuta, ma di veri esperti non ne erano reperibili per la direzione lavori; appaltati all’impresa Costanzi. Venne assunto un ingegnere che aveva costruito una dighetta in terra, di poco conto, nel meridione d’Italia. Quindi si era un po’ tutti improvvisatori, come fu proprio dichiarato una volta in una riunione di tecnici.
Durante i lavori, quando dopo deviato il fiume, si stava scavando nell’alveo per la base della diga, inaspettatamente quello che doveva essere l’appoggio della spalla destra della diga franò a valle con una massa enorme; per fortuna l’evento si verificò di notte, così si evitarono numerose possibili vittime. Forse solo allora ci si rese conto che la morfologia stessa del luogo indicava che quella era già il deposito di una antica frana. La spalla sinistra della diga poggia sul monte Tutoglio, di altra natura rispetto alla sponda destra, ma che ha avuto bisogno di iniezioni di cemento, per consolidarlo, per diverse migliaia di tonnellate, effettuate dall’impresa Rodio, fino a veder riuscire il cemento nelle vicinanze di Villa S.Maria. Le sponde del lago sono tutte franose; in particolare la sponda sinistra, sotto Montebello sul Sangro. E quella zona rassomiglia tanto al Monte Toc del Vajont, che produsse quell’immane disastro nel 1963.
Oggi si parla di consentire, ad una società americana, di estrarre gas dal sottosuolo proprio nelle vicinanze della diga, se non addirittura sotto il lago. Penso che sia un progetto a dir poco azzardato, assolutamente da evitare, considerando l’assoluta instabilità dei terreni di tutta la zona. E’ vero che è trascorso mezzo secolo dalla costruzione della diga e non è successo niente fino a oggi, ma l’instabilità resta evidente, i pericoli sono potenziali e latenti, e bisogna tenere conto soprattutto del fenomeno della subsidenza che è inevitabile, con le sue imprevedibili conseguenze. Ed in caso di possibili crepe alla diga o di franamenti delle sponde del lago e conseguente tracimazione, c’è soltanto disastro inimmaginabile per tutta la valle del Sangro e per tutte le abitazioni e gli insediamenti industriali.
Questa è la prospettiva, non lontano dalla realtà e per niente fantasiosa, con tutti gli scongiuri del caso. Occorre pertanto evitare di andare a stuzzicare una zona in equilibrio instabile. A prescindere dalla possibilità, anzi la quasi sicurezza, di disastri di altro genere, quali gli incendi e le contaminazioni che proprio in questi giorni si stanno verificando nel mondo, a causa delle estrazioni dal sottosuolo.
Con ossequi.
Nicola Berghella
Roma, 6 maggio 2010

Articoli correlati:
Una lettera alla regione per salvare il lago di Bomba
"La costruzione del lago" da "Chi'ssi dicie?" n.14 alla pag.9


 

La diga in calcestruzzo del lago di Casoli

La diga del lago di Casoli in costruzione. Il Direttore dei lavori era l'Ing. Sciachì oggi novantenne

Il lago di Casoli

Area commenti di FaceBook
 n. 1 
i video sono un documento eccezionale. che ci dovrebbe far riflettere tutti, sullo scempio che oggi vogliono creare nel comprensorio di bomba, deturpare un territorio, ma sopratutto condannare quelli che vengono dopo di noi. si deve
ringraziare, anzi onorare il signor berghella, per i documenti che ha messo a
disposizione sul web, e la sua battaglia
ci sono politici a livello nazionale,
di bomba e che a bomba tornano nei fine settimana che se ne sono letteralmente lavate le mani. nelle piazze dei comuni interessati all'opera, dovrebbero essere proiettati questi filmati, durante le festivita' di agosto. per far si che si
sensibilizzi ancora di piu' la gente.
grazie signor berghella, la stimo profondamente.
Inserito da  alfonso di paolo  il 11/08/2011 alle ore 18:49:59
 n. 2 
Abbiamo appreso da poco una triste notizia, un'altra "memoria vivente" se ne va, ci lascia Nicola Berghella protagonista delle vicende legate alla costruzione della diga di Bomba e pure alla diga di Casoli anche se, limitatamente agli espropri. Storie di lavoro, ma anche di vita, che lui ultimamanete amava molto raccontare attraverso siti internet, web TV locali e social. Ci mancherà molto, ci mancheranno i suoi scritti, di cui alcuni mandati alla nostra redazione e che nelle prossime rubrighe pubblicheremo insieme all'intervista fatta a Maggio, insieme all'Ing. Alfredo Sciachì, direttore dei lavori della diga di Casoli. I funerali ci saranno Venerdì 9 ottobre alle ore 11:00 presso la Chiesa Parrocchiale di Santo Stefano a Castelfrentano.
Inserito da  casoli.org  il 08/10/2015 alle ore 00:00:13
Inserisci un commento
Autore
E-mail o Sito Web

Prima dell'invio, inserisci i numeri del codice di sicurezza che vedi apparire qui sotto

Codice di sicurezza

AVVERTENZE da leggere prima di postare i commenti
Non sono consentiti:
1) messaggi inseriti interamente con caratteri maiuscoli
2) messaggi non inerenti al post
3) messaggi pubblicitari
4) messaggi con linguaggio offensivo e/o lesivo nei confronti di terzi
5) messaggi che contengono turpiloquio
6) messaggi con contenuto sessista, razzista ed antisemitico

7) messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

8) messaggi inseriti col copia ed incolla di lunghi articoli


La Redazione di casoli.org si riserva il diritto di rimuovere qualsiasi dato inserito, senza preavviso e senza fornire alcuna motivazione.

In ogni caso, casoli.org non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi e non risponde per eventuali controversie che dovessero insorgere tra gli utenti. Ogni utente è responsabile dei dati che inserisce e ad ogni sua azione corrisponde un indirizzo IP registrato su database.

 
 

casoli.org è un sito pubblicato sotto Licenza Creative Commons

Dove non specificato diversamente, è possibile riprodurre il materiale: non alterandolo, citando sempre la fonte e non traendone vantaggi economici.


Riferimento legislativo sulla privacy

Legge 633 del 22 aprile 1941 e successive modifiche ed integrazioni
Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio
SEZIONE II
Diritti relativi al ritratto.
Art. 97
Non occorre il consenso della persona ritrattata quando la riproduzione dell'immagine è giustificata dalla notorietà o dall'ufficio pubblico coperto da necessità di giustizia o di polizia, da scopi scientifici, didattici o culturali, o quando la riproduzione è collegata a fatti, avvenimenti, cerimonie di interesse pubblico o svoltisi in pubblico.
Il ritratto non può tuttavia essere esposto o messo in commercio, quando l'esposizione o messa in commercio rechi pregiudizio all'onore, alla reputazione od anche al decoro della persona ritratta.


Nota (ndr): per quanto attiene il ritratto di minori, la pubblicazione nei termini e modi indicati nel precedente Art. 97, è vietata solo per i minori coinvolti in vicende giudiziarie (art.13 D.P.R. 22/09/88 n.448 ed art.50 D.L. 30/06/03 n.196, che estende il divieto anche ai casi di coinvolgimento a qualunque titolo del minore in procedimenti giudiziari in materie diverse da quella penale).

Torna in alto |

 

.

 

 
 Cerca nelle News

 

         Cerca nelle FotoNotizie

METEO

"Ho vissuto intensamente in questi 10 anni (nonostante sia un locked-in), mentre la maggioranza degli umani sta semplicemente vegetando, e non se ne accorge." (Severino Mingroni)

 
 
 
casoli.org Mobile
::: LE NEWS DAL WEB :::

::: ARCHIVIO :::

< ottobre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             
FotoNotizie

News - Audio - Video

Amarcord (1)
Ambiente (142)
Ambrosia (44)
Archeologia (23)
Attualità (8)
AudioComune (19)
AudioEventi (2)
AudioOspedale (2)
AudioStoria (10)
Autori (12)
Avvisi (55)
Beni culturali (39)
Calendario eventi (23)
Cinema (30)
Comune (245)
Comunità Montana (11)
Concerti (144)
Concorsi (34)
Corsi (22)
Cronaca (82)
DiversAbili (41)
Emigrazione (23)
Eventi (441)
Foto FB (6)
Internet (19)
Interviste (9)
Lavoro (8)
Libri (114)
Menu (1)
Mostre (46)
Musei (1)
Musica (36)
Ospedale (196)
Politica (45)
Recensioni (6)
Regione (16)
Solidarietà (36)
Spettacoli (82)
Sport (85)
Storia (81)
VideoAmarcord (4)
VideoAmbiente (16)
VideoAmbrosia (10)
VideoAntropologia (1)
VideoArcheologia (11)
VideoAttualità (13)
VideoBeniCulturali (6)
VideoCartoline (5)
VideoClip (1)
VideoConcerti (70)
VideoConsiglio (6)
VideoCronaca (39)
VideoEmigrazione (4)
VideoEventi (34)
VideoFeste (12)
VideoFolclore (5)
VideoInterviste (4)
VideoLibri (18)
VideoMeteo (5)
VideoMusica (5)
VideoNatura (4)
VideoOspedale (50)
VideoReligiosi (20)
VideoSolidarietà (8)
VideoSpettacoli (30)
VideoSport (20)
VideoStoria (42)
VideoTradizioni (10)
Vignette (12)


Catalogati per mese:
Luglio 2002
Agosto 2002
Settembre 2002
Ottobre 2002
Novembre 2002
Dicembre 2002
Gennaio 2003
Febbraio 2003
Marzo 2003
Aprile 2003
Maggio 2003
Giugno 2003
Luglio 2003
Agosto 2003
Settembre 2003
Ottobre 2003
Novembre 2003
Dicembre 2003
Gennaio 2004
Febbraio 2004
Marzo 2004
Aprile 2004
Maggio 2004
Giugno 2004
Luglio 2004
Agosto 2004
Settembre 2004
Ottobre 2004
Novembre 2004
Dicembre 2004
Gennaio 2005
Febbraio 2005
Marzo 2005
Aprile 2005
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021

Ultimi commenti:
Online sociology essay writing...
08/06/2020 alle ore 09:18:15
Inserito da Sociology Assignment Writ
Il sindaco resta a casa, ma i ...
03/04/2020 alle ore 13:41:15
Inserito da nico menna
qual' è il protocollo di profi...
03/04/2020 alle ore 10:52:43
Inserito da H
vi sembra una cosa normale il ...
08/07/2019 alle ore 13:01:16
Inserito da star dust
MOVE ONE... ottima osservazion...
13/04/2019 alle ore 12:41:20
Inserito da casoli.org
Spiegate anche, perché tenete ...
11/04/2019 alle ore 08:48:07
Inserito da MOVE ON
ATTENZIONE!! In seguito al suc...
30/12/2018 alle ore 17:34:26
Inserito da casoli.org
Complimenti alla bella organiz...
07/10/2018 alle ore 13:56:50
Inserito da Maria Menna- Roma
http :// www . mednat . org /s...
12/09/2018 alle ore 12:50:06
Inserito da R.B.
Faccia un ulteriore sforzo, um...
12/09/2018 alle ore 12:40:26
Inserito da regno bacteria

Valid xhtml 1.0 / css