News » Articolo
Inserito da Redazione il 05/08/2006 alle ore 16:08:03 - sez. Interviste - visite: 7564 

Quattro chiacchiere con Domenico Lannutti
Il giovane comico di Piane d'Archi che vive e lavora a Bologna
Quattro chiacchiere con Domenico Lannutti

Contadino, mozzo, venditore ambulante, cameriere, venditore di spazi pubblicitari, alla fine il comico. Quattro chiacchiere il libertà con Domenico Lannutti che dice: "La vita è un’esperienza troppo importante per essere vissuta seriamente… ti faccio un esempio: l’occidente ha sempre "esportato civiltà” con le guerre e se uno si dovesse soffermare su questo concetto si accorgerebbe di trovarsi di fronte a un’assurdità, e alla fine ride...".

Intervista a cura di Anastasia Cipolla

Bologna, 30 luglio 2006, ore tre del pomeriggio. Caldo asfissiante. Domenico Lannutti sale i cento e sette gradini di casa mia con passo spedito, arrivato in cima mi fa: “Ma io qua c’ero già stato, non sai quante volte!”. Complice forse il caldo, col giovane comico abruzzese non c’è stato ghiaccio da rompere!

Ho letto sul tuo curriculum che hai fatto il contadino, il mozzo, il venditore ambulante, il cameriere, il venditore di spazi pubblicitari, ti sei laureato in economia e commercio e hai fatto anche il formatore, ma come sei finito a fare il comico?
Ho iniziato iscrivendomi a un corso di teatro a Bologna, quando ero all’università, trascinato da un gruppo di amici convinti che la mia faccia avrebbe potuto darmi da vivere. Poi per chi ne volesse sapere di più c’è sempre il mio sito internet www.domenicolannutti.net con annesso cv.

Da dove nasce la tua passione per un genere così specifico come il comico?
La vita è un’esperienza troppo importante per essere vissuta seriamente… ti faccio un esempio: l’occidente ha sempre "esportato civiltà” con le guerre e se uno si dovesse soffermare su questo concetto si accorgerebbe di trovarsi di fronte a un’assurdità, e alla fine ride, amaramente, ma ride di tutto ciò. Quindi alla fine il riso, in qualche modo è come se ci rendesse consapevoli di quello che è l’uomo, ossia ogni volta che ridi è come se vedessi la vera essenza della vita, con tutte le sue contraddizioni, paradossi e sfaccettature belle e brutte. Ogni volta che noi ridiamo celebriamo la vita, affermiamo che il nulla non esiste. Quando uno ride si nega, si supera, si annulla, vengono meno i concetti di spazio e di tempo. Nella risata si è nell’atto… è una cosa meravigliosa, no?.

Quindi nel ridere e far ridere è in atto un processo di rigenerazione continua?
Certo, e allora perché si dice mi ha fatto morire dalle risate? Durante uno spettacolo comico ogni volta che si ride si muore e si rinasce. Uno spettacolo comico è una carneficina. Mia nonna diceva: ogni volta che uno ride toglie un chiodo dalla bara.

Quanto è gratificante far ridere la gente?
Lo spettacolo è un momento di condivisione meraviglioso, il comico lo fa con il pubblico e non per il pubblico, è come fare l’amore tutti assieme e tu sei lo sciamano, lo strumento tra le energie del cosmo e le persone che ti stanno di fronte, sei il prete di questa messain scena che esorcizza l’assurdità della vita. Il comico ci fa ridere delle nostre imperfezioni, dei nostri fantasmi, delle nostre brutture, ma se è vero che la bellezza è l’armonia delle imperfezioni, uno spettacolo comico, è la messa della bellezza. Se fosse per me farei finire le messe con la frase: scambiamoci una risata di pace!.

Hai dei modelli, dei tuoi riferimenti stilistici?
Da Aristofane a Beppe il pazzo che frequenta il bar sotto casa mia.

Sul tuo sito si legge: nella vita non è importante trovare quanto cercare con calma; e comunque vada meglio essere schiacciati dall’evidenza che da un tir, è meglio essere schiacciati dal dubbio che da Mike Tyson, è meglio essere divorati dalla passione che da hannibal, ma soprattutto è meglio essere avvelenato dal sospetto che da una cozza andata a male; sembra essere una tua elaborazione di ciò che si può genericamente definire “pensiero orientale”, o sbaglio?
Tutto è bene così com’è, il mondo con le sue mille sfaccettature, con le sue contraddizioni, i suoi paradossi; è vero che la comicità in qualche modo deve spiegare la vita, ma come? Il comico in fondo che fa? Prendiamo un fiore, il comico ti fa vedere il fiore sotto un altro punto di vista, un colore che non hai visto, ti fa sentire un profumo che tu non hai sentito, ti fa avere un impressione diversa di quel fiore… ti fa vedere l’invisibile.

Esiste una scuola comica milanese, una napoletana, una romana, una toscana, una genovese, ma esiste una scuola comica abruzzese?
Certo, il capostipite è sicuramente Germano D’Aurelio, in arte ‘Nduccio, lui è sia comico che cantautore comico, ha iniziato a spacciare buonumore per le piazze abruzzesi nel lontano 1973, e lo fa tuttora con notevole successo, l’affluenza ai suoi spettacoli lo testimonia. Ma prima di lui, abbiamo altri due esempi di rappresentanti della comicità abruzzese: Achille De Cecco che ha inciso un 78 giri dal titolo Un abruzzese a Roma e Virgilio Rienti, che ha affiancato Totò in Totò a colori. Dopo ‘Nduccio sono arrivati altri comici: Gabriele Cirilli, Vincenzo Olivieri, Tony Russi, Marco Papa, Domenico Turchi, Angelo Carestia, Ivaldo rulli. E poi c’è il gruppo di Comici sotto un ponte, nato da un idea di Marko Ferrari che vuole proprio affermare l’esistenza di questa scuola abruzzese del comico. Il gruppo è formato da Marko Ferrari, Fulvio Fuina, Max e Andrea, Federico Perrotta, Walter Nanni, non dimenticando il sottoscritto e compagnia bella, tanto per non dire: spero di non aver dimenticato nessuno.

Secondo te si possono stilare delle caratteristiche tipiche della comicità abruzzese?
Rispetto a questa domanda è come fare la caccia alle farfalle, però di sicuro ci sono degli ingredienti tipici della ricetta nostrana… sicuramente la poesia, la genuinità, il grottesco, il richiamo alla tradizione contadina e poi... chi più ne ha più ne metta!.

Quali sono i limiti più grandi che un aspirante attore abruzzese deve affrontare? Sempre se vi siano dei limiti.
A questo non posso rispondere perché da quando 10 anni fa ho iniziato a fare questo lavoro, come per magia, non ho mai incontrato nessun tipo di difficoltà.

Pensi che si possa fare qualcosa per incentivare, sui generis, la cultura teatrale in Abruzzo?
Sicuramente. Come dice Domenico Lannutti i soldi che spendi per la cultura non li spendi per l’ignoranza e il tempo che spendi per ridere non lo spendi per piangere. Questo per dire che il tempo e i soldi che spendi per incentivare le attività teatrali non sono mai troppi, perchè se è vero che siamo quello che mangiamo, con tutti e 5 i sensi dovremmo cercare di nutrirci il meglio possibile. E in questo le istituzioni ci possono aiutare.

Cinematograficamente il tuo nome è legato a quello della giovane casa di produzione Beka films di Francesco Pappalardo e devo dire che, per il tipo di produzioni di cui si occupano, il connubio con la tua comicità è perfetto.
Si è vero, la Beka film è una realtà del cinema italiano totalmente originale e indipendente. Con loro ti puoi permettere cose che con altri non puoi fare, trattare contenuti in modo libero. Ci si diverte molto con Francesco, e i registi Melo Prino e Ila Beka. Ila si è inventato il “millimetraggio” (se vi interessa l’argomento c’e sempre il sito www.bekafilms.it ) ed è anche il regista di “Quodlibet”, il primo lungometraggio della beka films in cui ci sono anch’io".

Dopo l’uscita del pluripremiato cortometraggio Buongiorno di Melo Prino di cui sei protagonista assoluto, e per cui hai anche vinto un premio personale, la tua notorietà è cresciuta?
Questa mi sembra proprio una domanda alla Marzullo! Io quando lo vedo in Tv immagino che a un certo punto impazzisca si denudi e con gli occhi da folle cominci a fare delle domande alla telecamera e a tutti gli spettatori a casa, del tipo: se un vegetariano gioca a scacchi come fa a mangiare il cavallo?; se uno nasce sfortunato con la chirurgia plastica si può rifare il culo?

Ma ti riconoscono per strada, si o no !?
Ma ridere aiuta a vivere o vivere aiuta a ridere?

Ecco: ti sei fatto una domanda, ora datti una risposta!
Lao Tze diceva: "appena ti fabbrichi un pensiero ridici sopra, e per chiudere scambiamoci una risata di pace!".

E dopo tante belle risate che Domenico davvero non manca di regalare, ci salutiamo. Un po’ dispiace, ma ci si sacrifica volentieri: Lannutti scappa verso un nuovo palcoscenico, dove incanterà molte più persone alla ricerca di rigeneranti e catartiche risate.

Area commenti di FaceBook
Nessun commento inserito.

Inserisci un commento
Autore
E-mail o Sito Web

Prima dell'invio, inserisci i numeri del codice di sicurezza che vedi apparire qui sotto

Codice di sicurezza

AVVERTENZE da leggere prima di postare i commenti
Non sono consentiti:
1) messaggi inseriti interamente con caratteri maiuscoli
2) messaggi non inerenti al post
3) messaggi pubblicitari
4) messaggi con linguaggio offensivo e/o lesivo nei confronti di terzi
5) messaggi che contengono turpiloquio
6) messaggi con contenuto sessista, razzista ed antisemitico

7) messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

8) messaggi inseriti col copia ed incolla di lunghi articoli


La Redazione di casoli.org si riserva il diritto di rimuovere qualsiasi dato inserito, senza preavviso e senza fornire alcuna motivazione.

In ogni caso, casoli.org non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi e non risponde per eventuali controversie che dovessero insorgere tra gli utenti. Ogni utente è responsabile dei dati che inserisce e ad ogni sua azione corrisponde un indirizzo IP registrato su database.

 
 

casoli.org è un sito pubblicato sotto Licenza Creative Commons

Dove non specificato diversamente, è possibile riprodurre il materiale: non alterandolo, citando sempre la fonte e non traendone vantaggi economici.


Riferimento legislativo sulla privacy

Legge 633 del 22 aprile 1941 e successive modifiche ed integrazioni
Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio
SEZIONE II
Diritti relativi al ritratto.
Art. 97
Non occorre il consenso della persona ritrattata quando la riproduzione dell'immagine è giustificata dalla notorietà o dall'ufficio pubblico coperto da necessità di giustizia o di polizia, da scopi scientifici, didattici o culturali, o quando la riproduzione è collegata a fatti, avvenimenti, cerimonie di interesse pubblico o svoltisi in pubblico.
Il ritratto non può tuttavia essere esposto o messo in commercio, quando l'esposizione o messa in commercio rechi pregiudizio all'onore, alla reputazione od anche al decoro della persona ritratta.


Nota (ndr): per quanto attiene il ritratto di minori, la pubblicazione nei termini e modi indicati nel precedente Art. 97, è vietata solo per i minori coinvolti in vicende giudiziarie (art.13 D.P.R. 22/09/88 n.448 ed art.50 D.L. 30/06/03 n.196, che estende il divieto anche ai casi di coinvolgimento a qualunque titolo del minore in procedimenti giudiziari in materie diverse da quella penale).

Torna in alto |

 

.

 

 
 Cerca nelle News

 

         Cerca nelle FotoNotizie

METEO

"Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda..." (Horacio Verbitsky)

 
 
 
casoli.org Mobile
::: LE NEWS DAL WEB :::

::: ARCHIVIO :::

< luglio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             
FotoNotizie

News - Audio - Video

Amarcord (1)
Ambiente (141)
Ambrosia (44)
Archeologia (23)
Attualità (8)
AudioComune (19)
AudioEventi (2)
AudioOspedale (2)
AudioStoria (10)
Autori (12)
Avvisi (53)
Beni culturali (37)
Calendario eventi (22)
Cinema (30)
Comune (237)
Comunità Montana (11)
Concerti (144)
Concorsi (34)
Corsi (22)
Cronaca (74)
DiversAbili (41)
Emigrazione (23)
Eventi (436)
Foto FB (6)
Internet (19)
Interviste (9)
Lavoro (7)
Libri (113)
Menu (1)
Mostre (45)
Musei (1)
Musica (36)
Ospedale (194)
Politica (43)
Recensioni (6)
Regione (16)
Solidarietà (36)
Spettacoli (82)
Sport (82)
Storia (80)
VideoAmarcord (4)
VideoAmbiente (16)
VideoAmbrosia (9)
VideoAntropologia (1)
VideoArcheologia (11)
VideoAttualità (13)
VideoBeniCulturali (5)
VideoCartoline (5)
VideoClip (1)
VideoConcerti (70)
VideoConsiglio (6)
VideoCronaca (39)
VideoEmigrazione (4)
VideoEventi (34)
VideoFeste (12)
VideoFolclore (5)
VideoInterviste (4)
VideoLibri (18)
VideoMeteo (5)
VideoMusica (5)
VideoNatura (4)
VideoOspedale (50)
VideoReligiosi (20)
VideoSolidarietà (8)
VideoSpettacoli (30)
VideoSport (20)
VideoStoria (42)
VideoTradizioni (10)
Vignette (12)


Catalogati per mese:
Luglio 2002
Agosto 2002
Settembre 2002
Ottobre 2002
Novembre 2002
Dicembre 2002
Gennaio 2003
Febbraio 2003
Marzo 2003
Aprile 2003
Maggio 2003
Giugno 2003
Luglio 2003
Agosto 2003
Settembre 2003
Ottobre 2003
Novembre 2003
Dicembre 2003
Gennaio 2004
Febbraio 2004
Marzo 2004
Aprile 2004
Maggio 2004
Giugno 2004
Luglio 2004
Agosto 2004
Settembre 2004
Ottobre 2004
Novembre 2004
Dicembre 2004
Gennaio 2005
Febbraio 2005
Marzo 2005
Aprile 2005
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020

Ultimi commenti:
Online sociology essay writing...
08/06/2020 alle ore 09:18:15
Inserito da Sociology Assignment Writ
Il sindaco resta a casa, ma i ...
03/04/2020 alle ore 13:41:15
Inserito da nico menna
qual' è il protocollo di profi...
03/04/2020 alle ore 10:52:43
Inserito da H
vi sembra una cosa normale il ...
08/07/2019 alle ore 13:01:16
Inserito da star dust
MOVE ONE... ottima osservazion...
13/04/2019 alle ore 12:41:20
Inserito da casoli.org
Spiegate anche, perché tenete ...
11/04/2019 alle ore 08:48:07
Inserito da MOVE ON
ATTENZIONE!! In seguito al suc...
30/12/2018 alle ore 17:34:26
Inserito da casoli.org
Complimenti alla bella organiz...
07/10/2018 alle ore 13:56:50
Inserito da Maria Menna- Roma
http :// www . mednat . org /s...
12/09/2018 alle ore 12:50:06
Inserito da R.B.
Faccia un ulteriore sforzo, um...
12/09/2018 alle ore 12:40:26
Inserito da regno bacteria

Valid xhtml 1.0 / css