News » Articolo
Inserito da Carmen il 27/01/2011 alle ore 08:00:32 - sez. Storia - visite: 14183 

I Nagler e i 50 ebrei stranieri deportati da Trieste a Casoli
I Nagler e i 50 ebrei stranieri deportati da Trieste a Casoli

Il materiale pubblicato in questo articolo proviene da Trieste ed appartiene alle famiglie Nagler e Weintraub. A fornircelo è l'autore Livio Isaak Sirovich, grazie alla gentile collaborazione del Sig. Nicola Berghella

Tutti i link correlati»

Le immagini ed i testi di seguito riportati riguardano principalmente Salo e Giacomo Nagler, un padre ed un figlio internati a Casoli. Nel testo finale di Nicola Berghella il  racconto della famiglia Weintraub salvata a Castel Frentano. I Nagler ed i Weintraub erano molto amici.

I 50 ebrei stranieri deportati da Trieste a Casoli nel Luglio 1940. In penultima fila, il terzo da sinistra, con gli occhiali, Nagler Salo (fu Giacomo) il padre di Jakob-Giacomo Nagler (chiamato Kubi) deportato a Casoli dal campo di internamento di Ferramonti.

Clicca qui per leggere la lista dei nomi»

Nagler Salo fu Giacomo  (ebreo apolide) n. 37 della lista

«…nel carcere di Trieste i prigionieri sono costretti col ricatto a pagare personalmente il viaggio. Gli dicono che in caso contrario il trasporto avverrebbe in manette e in un vagone prigionieri chiuso».
«Quel pomeriggio, mentre la colonna di prigionieri a piedi con la scorta di carabinieri ed il seguito di carretti per i bagagli saliva a passo lento i tornanti polverosi della strada del Sangro, ogni rupe del presepe aveva il suo ciuffo di ragazzini ed ogni finestra due o tre curiosi, impazienti di vedere chi arrivasse dalle città per cui nella Grande Guerra erano morti i casolani ricordati sul monumento in piazza».

 

Una lettera per Salo, il papà di Kubi, inviata da Trieste a Casoli nell’Ottobre del 1940

 

Il campo di concentramento di Ferramonti, nel comune di Tarsia (CS)

Il campo di concentramento italiano, in cui Jakob-Giacomo Nagler (Kubi) venne recluso prima di venire introdotto a Casoli e poi a Castel Frentano.
«Attorno, nulla, non un albero, non un arbusto, un calore insopportabile, umido e appicicaticcio». "Campo di concentramento di Ferramonti", questa è la denominazione ufficiale coniata dal Ministero dell'Interno. Si trovava 40 km a nord di Cosenza, in una zona depressa della valle del Fiume Crati, una regione infestata dalla malaria
.

 

Al centro Giacomo Nagler (Kubi)

 

Luglio 1943. Cartolina ricevuta da Kubi a Castel Frentano da un ex-compagno di prigionia a Casoli, Lager Sigfrido (n. 18 della lista dei nomi) poi detenuto nel Campo di Campagna (SA).

 

Novembre 1943. L'ultimo segno di vita di Kubi e dei suoi genitori, una cartolina spedita ad un indirizzo di comodo (Maria Rulli) per l’amico Arturo (Weintraub). L’ha scritta Kubi, che l’ha fatta firmare al papà Salo facendogli ingenuamente aggiungere il falso cognome “Bucci”. Sono prigionieri dei Tedeschi in un ex campo di detenzione per soldati anglo-americani. Salo aveva cominciato a tracciare la «N» di Nagler, ma poi ha corretto in «Salo NBucci - Chieti».

 

«...tua Rita»

Livio Isaak Sirovich, scrive una biografia storica “molto raccontata” attraverso i colloqui epistolari di Rita Rosani con il fidanzato Giacomo Nagler (Kubi). Nel testo si cita Casoli che viene chiamato anche "il presepe abruzzese" descrivendo il paese come un ambiente non ostile.

 

Jakob-Giacomo Nagler, fidanzato di Rita Rosano fino al '42, da tutti a Trieste chiamato Kubi. Indossa gli occhiali ritrovati a Castel Frentano oltre 60 anni dopo.

 

Tra il corredo fotografico di Rita Rosani, c'è anche questa foto scattata a Trieste, il 28 giugno 1942, all'uscita secondaria della sinagoga. "Matrimonio di una delle migliori amiche di Rita (e di mia madre). Il tempio era stato profanato nei giorni precedenti (i vetri della porta sono sostituiti da tavole di legno). Dopo gli scatti, l’amico fotografo venne affrontato da una pattuglia di squadristi, che gli aprirono la macchina fotografica per rovinare la pellicola. Questa, mezza bruciata dalla luce, è l’unica foto sopravvissuta". (Livio I. Sirovich)

 

Una traccia del libro di Sirovich non ancora pubblicato

 

Fiorita nel ’38, recisa nel ‘44.

Quasi sessant'anni dopo la loro morte - lei nei boschi a nord di Verona, lui ad Auschwitz - le lettere dal '40 al '43 di due fidanzati triestini sono misteriosamente ricomparse ad un'asta filatelica torinese. Il segreto della loro origine si è svelato solo anni dopo in mezzo alla sporcizia di un palazzotto nobiliare pericolante ai piedi della Majella, dove ho rinvenuto le ultime cose di lui abbandonate all’atto della cattura da parte dei tedeschi.
Racconto la vita di Rita partendo proprio dai colloqui epistolari col suo ragazzo, recluso dallo scoppio della guerra in un campo in Calabria per ebrei stranieri. Rita ha vent’anni e da due non è più la ragazza benestante e un po’ viziata di prima del ‘38. Spezzandole la vita, le leggi contro gli ebrei l’hanno fatta maturare in fretta. E anche a lui hanno preso tutto, cittadinanza, negozio e speranze nel futuro, perfino suo padre è stato deportato, in Abruzzo. Il capolinea della storia è negli atti di due processi del ‘46 contro l’assassino di Rita e nella motivazione della medaglia d’oro alla memoria.
Terzo protagonista di questa inusuale biografia femminile è un ufficiale un po’ guascone, reduce dalla Campagna di Russia, che il destino porta ad incontrare Rita mentre sono entrambi in fuga dopo l’8 settembre ’43. Potrebbe essere il secondo amore, ma sono piuttosto i pensieri e le incertezze di questa ragazza in rapida trasformazione che continuano a condurci attraverso gli anni forse più atroci della Storia d’Italia, dal 1938 alla fine della guerra.
Rita ha perso l’ingenuità di quando scriveva alla Posta del cuore di «Grazia». Su di lei hanno lasciato un segno profondo la mutazione antisemita di alcuni amici, l’accanimento del milite del campo di concentramento calabrese, che tagliuzzava la sua posta con le forbicine per le unghie, gli assalti alla sinagoga ed alla scuola ebraica, e poi la clandestinità e tanto altro, fino allo scontro di sentimenti fra aspiranti partigiani e giovani volontari di Salò. Quante volte le è parso che il mondo le franasse addosso, ma adesso l’inimmaginabile accade davvero ed il racconto si fa duro, fino al colpo di pistola sparatole in faccia mentre implora pietà.
Sessant'anni dopo, «...tua Rita» costringe un paio di protagonisti dell'epoca a raccontare al lettore con parole proprie i fatti del '44, senza filtri ma con riscontri documentali, e la storia diventa anche viaggio nell'uomo.

Riassunto e frammenti del testo

Si parte con una lettera dell’autunno del ’38 di una cuginetta del fidanzato di Rita, che è in fuga dalla Galizia. La ragazza racconta alla sorella già scappata a Cuba di aver inutilmente cercato di convincere gli zii triestini a mettersi in salvo.

testo:

2 ottobre 1938
Cara sorellina,
se ti scrivo a macchina è per dimostrarti che siamo finalmente a Trieste, dopo tre giorni di treno. Huh!, che giornate da incubo! All'inizio, volevamo venire qui dalla Galizia per la via più breve traversando Ungheria e Yugoslavia per non passare dalla Germania, ma dopo pochi giorni la Compagnia di navigazione francese, che doveva procurarci i visti a Varsavia, ci ha scritto che la Yugoslavia non permetteva il transito ai non ariani. La mamma ha subito chiesto di passare per la Cecoslovacchia e Vienna, ma dopo un altro paio di giorni la Cecoslovacchia fa saltare tutti i ponti con la Germania. Quando l'abbiamo saputo ci pareva di impazzire: come possiamo raggiungere Trieste? Ma' correva in giro come un pollo cui avessero tagliato la testa. Pensa che ha spedito alla Compagnia di navigazione una lettera destinata a Trieste a zia Eige, e alla zia l'altra lettera per i visti e la nave. Quando questa busta è finalmente tornata indietro... era Rosh Hashana!
[Capodanno ebraico; in Galizia, molti uffici erano chiusi] Ho avuto davvero paura che Ma' desse fuori di testa. E poi tutti dicono che la guerra sta per scoppiare, molti stati hanno già mobilitato le truppe, se lo fa anche la Polonia restiamo definitivamente bloccati! Sarebbe la fine. Pensa che abbiamo addirittura tentato di prendere un aereo. Ma no, cos'hai capito, non di rubarlo [la lettera è in francese e voler significa sia volare che rubare]. [...]

Gli ebrei triestini vengono colti di sorpresa dalla legislazione razzista italiana; molti abbandonano tutto, ma altri rimangono, si vive alla giornata. Le famiglie di Rita e del suo ragazzo, entrambe fuggite dai pogrom della Mitteleuropa e legate da profondissima amicizia, decidono assieme di non muoversi ed anzi, nel clima di disperazione per il lavoro perduto e gli studi forzatamente interrotti, i due ragazzi finiscono per fidanzarsi.
Subito dopo la dichiarazione di guerra, la maggior parte degli ebrei rimasti apolidi, viene incarcerata e successivamente internata nel Meridione. Al futuro suocero di Rita tocca Casoli, ai piedi della Majella in provincia di Chieti.

testo:

[...] nel carcere di Trieste, i prigionieri furono costretti col ricatto a pagare personalmente il viaggio. In caso contrario, il trasporto avrebbe avuto luogo in manette e in un vagone prigionieri chiuso. Come si legge nel registro, il 27 luglio il fidanzato di Rita venne «consegnato agli agenti di P.S., per destinazione non indicata negli atti» [...] il «Campo di concentramento» in una zona malarica della valle del Fiume Crati, in Calabria, un fossato largo un metro e mezzo, un cartello «limite del confino», una fila di baracche; attorno, nulla, un calore insopportabile, umido e appiccicaticcio.

Il libro continua ad intrecciare la corrispondenza fra i due ragazzi con la vita a Trieste ed in Abruzzo nei primi anni di guerra. Lei vivacchia nell’ambiente borghese, prevalentemente fascista della città, in cui cresce il gruppo violentemente antisemita che segue Preziosi e Farinacci.

testo:

I suoi genitori sono fuggiti dall'antisemitismo dei moravi. Ora tocca a Rita di sperimentare come alcuni suoi conoscenti triestini si trasformino in violenti nazionalisti antislavi ed antisemiti. E spesso si tratta di sloveni italianizzati o addirittura di ex ebrei battezzati, ragazzi con cui fino a due anni prima andava in montagna!, che ora scrivono: «Agli ebrei, a questi falsi italiani, a questi falsi vivi indegni del nostro odio, ma ben degni del nostro disprezzo, lanciamo un monito: a stroncare la loro subdola attività non esiteremo se sarà necessario di fronte a nessun provvedimento, anche se energico: ritorneremo al santo manganello e a quell'impareggiabile disintossicante integrale che è l'olio di ricino. E gli universitari fascisti saranno in prima linea».

Rita cerca di vincere la depressione, causatale dal forzato abbandono della scuola, accentuando una falsa spensieratezza da adolescente e fa qualche passo falso. Mille chilometri lontano, il fidanzato deve adattarsi alle baracche ed al filo spinato di Ferramonti (CS) e poi alle umide camerate ed agli usi di Casoli.

testo:

Fra i confinati sbattuti dai quartieri buoni di Trieste, di Vienna o di Dresda nel presepe abruzzese, ci sono anche giovani in età da moglie, ma non possono partecipare allo struscio [...]. Da generazioni, fra le cinque e le sette il Corso diventa il poligono di tiro degli sguardi fulminanti dei giovani maschi del paese. Qui si mira sparato negli occhi e non si guarda la donna per un istante, ma per un minuto, e in un minuto intero una donna - si dice - fa a tempo a salire al color rosso, garantito! Lei non ricambia mai le occhiate, ma sai che a un certo punto... a un certo punto ti ammicca dalle palpebre basse e allora tu devi farle «il» gesto, mentre dalle soglie i genitori o i loro onnipresenti ed innumerevoli parenti ti stanno tutti a guardare, senza darlo a vedere: ti passi la mano di sotto in su dai coglioni al membro, e le dai l'occhiata finale, quella che le dà la vampa e la brucia dalle dita dei piedi fino alla radice dei capelli. Vhum!, una sola fiammata come il roveto ardente. [...] Ma, a parte la gelosia dello struscio, l'ambiente non è ostile. Non ci sono antisemiti a Casoli, solo un paio di fascisti sfegatati e quindi non ci vuole molto perché le più nominate famiglie del paese comincino ad aprire discretamente le porte dei loro salotti a qualcuno dei giovani stranieri dal contegno così distinto, ed imparino ad apprezzarli.

I due ragazzi non possono rivedersi né scambiare frasi troppo intime per paura che i censori ne ridano. Così, mentre a Trieste sale la tensione antisemita e si verificano alcuni veri e propri pogrom, nei lunghi mesi di separazione il loro rapporto si sfilaccia e finisce. Continueranno a scriversi fino all’8 settembre del ‘43, ma solo da buoni amici.
Intanto, gli alleati risalgono la penisola, ma il ragazzo di Rita e i genitori, ormai riuniti a Castel Frentano in Abruzzo, esitano a varcare le linee per mettersi in salvo.

testo:

[...] Fa di nuovo freddo. 1940, 1941, 1942, 1943, è il quarto autunno che vede i ghiaioni del Monte Amaro coprirsi di bianco e gli aceri accendersi di giallo in mezzo al rosso cupo della faggeta della Majella ...il colore delle gite più ardite con Rita e con l'allegra compagnia di Trieste nella Selva di Tarnova, prima che l'intolleranza scoppiasse di nuovo. Monte Amaro, pochi chilometri da Casoli e da Castel Frentano, ma non c'è mai potuto andare. Quant'è amara la vita.
Adesso, si combatte sotto Vasto e anche sul versante tirrenico dell’Appennino; mentre, poco a nord di Trieste, in quella mitica Selva dove si poteva andare a tagliare le stanghe di ghiaccio in grotta perfino in agosto, c'è la guerriglia senza prigionieri. I partigiani sloveni colpiscono «a tradimento» lasciando morti e feriti. L'Esercito italiano e le Camicie nere rispondono con «fucilazioni esemplari», incendi di villaggi, finendo i partigiani feriti col «colpo di grazia».
Cresce l'odio, la Bestia urla.


L’ex fidanzato di Rita ed i suoi genitori vengono presi in trappola il 3 novembre del '43 nelle retrovie del fronte. Imprigionati nel gennaio del '44 nel carcere di San Vittore, finiscono ad Auschwitz, dove non superano la selezione.
La famiglia di Rita fugge da Trieste all’ultimo momento, prima che i tedeschi catturino la ragazza, che nel frattempo ha cominciato a darsi da fare nell’organizzazione clandestina di aiuto ai profughi ebrei in fuga dall’Italia. Provvisoriamente, si fermano a Lignano dove in circostanze avventurose approda anche un bell’ufficiale di Stato maggiore, che ha già deciso di combattere il fascismo. E’ proprio il colpo di fulmine “pericoloso” che ossessionava la posta del cuore di «Grazia» ed insieme si danno alla macchia.

testo:

[...] Dall’interrogatorio dell’ufficiale sentito come teste il 21 maggio 1946 presso la Corte di Assise straordinaria di Verona: «Sono e mi chiamo Ricca Umberto, Colonnello di artiglieria, ex-comandante partigiano "Rito" del Gruppo di bande armate "Pasubio". Il giorno 17 settembre 1944, essendo stata la mia banda "Aquila" circondata e completamente annientata dai nazifascisti, durante il ripiegamento, tenevo per mano la signorina Rita Rosani con la quale ripiegavo per ultimo. Ad un tratto, fummo investiti da una raffica di fucile mitragliatore.. la morte fu istantanea»
Ma Rita non morì così.
[...]

L'AUTORE

Nato nella Trieste allora contesa tra Italia e Yugoslavia da madre ebrea lituano-tedesca e da padre di antica origine dalmata, Livio Sirovich ha scritto:

- «Cari, non scrivetemi tutto; gli Isaak, una famiglia in trappola fra Hitler e Stalin» (Le Scie Mondadori 1995; traduzione tedesca: Antje Kunstmann, Monaco 2001; suggerito al primo posto fra i libri sulla Shoah da Claudio Magris su Tutto Libri de La Stampa del 19/1/02; selezionato dall'Unione Italiana Ciechi per la sua serie «Libro Parlato»);

- «Cime Irredente; un tempestoso caso storico alpinistico» (Vivalda 1996, V ristampa 2003; premio «Cardo d'Argento ITAS» 1997, e «Frontiera» 1998; "avvincente, crudele, divertente racconto" per La Gazzetta del Mezzogiorno, 15/9/96; "scheletri nell'armadio, ardori veri e finti, eroismi e conversioni di una città di confine in una scrittura accattivante dal tono diaristico-narrativo", Ernesto Galli della Loggia, L'Espresso, 6/2/97);

- il romanzo storico-identitario «La Notte delle Faville» (Mursia, 2007) ambientato in un villaggio todesco della Carnia occupata dai cosacchi nel 1944 (recensione Rumiz su La Repubblica 3/3/2007, Giulio Busi sul domenicale del Sole24Ore del 23/9/2007);

 - (ed, a quattro mani, «Il Tinisa», Lint 1983, libro etnografico e naturalistico premiato al Festival della Montagna di Trento, ristampato nel 1992).

Nelle ore diurne, Sirovich è ricercatore dell'Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (OGS).


 

La famiglia Weintraub salvata da una famiglia di Castel Frentano

di Nicola Berghella

 

Nella foto sbiadita che vedete, in piedi a sinistra il signor Arturo Weintraub, la moglie sotto di lui e in basso la figlioletta Rosetta, che erano alloggiati a Castel Frentano presso mia suocera Maria Rulli nella casa in Via S. Giorgio dietro il palazzo scolastico con scalinata esterna (a tutt’oggi uguale come allora). La fotografia mostra mia suocera, in alto a destra, e sotto di lei a destra la ragazza, Leda, che poi è diventata mia moglie, conosciuta nel 1947 e sposata nel 1950.
La famiglia Weintraub riuscì a salvarsi dagli orrori delle persecuzioni di quel periodo e la signora Rosetta, la bambina di allora oggi ultrasettantenne, vive a Trieste e telefonicamente ci siamo sentiti fino a qualche anno fa.
La loro salvezza si concretizzò avventurosamente proprio in quella casa durante un rastrellamento da parte di soldati delle SS tedesche alla ricerca di ebrei da arrestare (e diversi vennero arrestati).
Mia suocera faceva la sarta e aveva alle dipendenze diverse ragazze, le sartine di allora. Durante il rastrellamento la famiglia Weintraub si nascose sotto un letto matrimoniale e tutte le ragazze, compresa la futura mia moglie, si piazzarono davanti alla porta facendo di tutto per distrarre i giovani soldati. Così i Weintraub furono salvi e furono oltremodo riconoscenti.
La famiglia Weintrub era molto amica della famiglia Nagler che dimorava presso i Fresca, allora in Via Delle Rose.
Tra i documenti pubblicati in questa pagina, c’è una cartolina inviata, allora, a mia suocera Maria Rulli per il signor Arturo Weintraub, all’indirizzo di via S. Giorgio, dove io stesso poi ho abitato con mia moglie per un po’ di anni, prima di trasferirmi nel palazzo Paolucci, (attuale Ciarla), poi a Lanciano e successivamente a Roma.

I Nagler furono arrestati a Castel Frentano e, dopo diverse peripezie e disavventure, finirono i loro giorni nel campo di sterminio di Auschwitz. Lasciarono tutte le loro cose in un grosso baule (pare anche una bella somma di danaro) in custodia a don Peppino Cavacini, un gaudente signorotto, molto ricco e possidente terriero che è sempre vissuto solo nel palazzetto avito, con una piccola corte di amici e “amiche”, alla cui morte senza eredi si è aperto un lungo contenzioso sull’eredità che è durato molti anni.
Naturalmente il baule dei Nagler, morti nel lager, è rimasto nella casa di Don Peppino.

Quanto sopra quale contributo alla storia di un periodo tragico a cui quelli della mia età hanno sacrificato il periodo più bello della vita, quello dei vent’anni, e molti,anzi moltissimi, hanno sacrificato tutta la vita.

Nicola Berghella

Articoli correlati della Rassegna Stampa»

I campi di concentramento in Italia»

Area commenti di FaceBook
 n. 1 
Innanzitutto i miei complimenti alla redazione di casoli.org per gli articoli sempre puntuali, e grazie per essere un canale di informazione e comunicazione riguardante il nostro paese, soprattutto per chi, come me, vive fuori.
Sarebbe molto bello se, come è già stato fatto qualche anno fa da una classe dell'ITC, anche, e soprattutto a livello istituzionale, si facesse qualcosa per continuare ad approfondire la ricerca su questo campo attivo -purtroppo- a Casoli durante la guerra.
In fondo non basta ricordare un giorno all'anno, la memoria va conservata e trasmessa, sempre. E ora più che mai, io credo che ne abbiamo bisogno.
Inserito da  Giulia  il 28/01/2011 alle ore 16:01:14
 n. 2 
Come mai quest'anno la MEMORIA è sfuggita all'amministrazione comunale di Casoli, alle scuole e... a tutti? Niente targhe, niente ricordi, niente cerimoni, ... nulla!
Inserito da  w casoli w  il 30/01/2011 alle ore 15:03:53
 n. 3 
il libro di Sirovich esce l'1 settembre 2014. Brochure disponibile. Graze, Sirovich 3291692944
Inserito da  Livio Sirovich  il 25/06/2014 alle ore 18:50:28
Inserisci un commento
Autore
E-mail o Sito Web

Prima dell'invio, inserisci i numeri del codice di sicurezza che vedi apparire qui sotto

Codice di sicurezza

AVVERTENZE da leggere prima di postare i commenti
Non sono consentiti:
1) messaggi inseriti interamente con caratteri maiuscoli
2) messaggi non inerenti al post
3) messaggi pubblicitari
4) messaggi con linguaggio offensivo e/o lesivo nei confronti di terzi
5) messaggi che contengono turpiloquio
6) messaggi con contenuto sessista, razzista ed antisemitico

7) messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

8) messaggi inseriti col copia ed incolla di lunghi articoli


La Redazione di casoli.org si riserva il diritto di rimuovere qualsiasi dato inserito, senza preavviso e senza fornire alcuna motivazione.

In ogni caso, casoli.org non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi e non risponde per eventuali controversie che dovessero insorgere tra gli utenti. Ogni utente è responsabile dei dati che inserisce e ad ogni sua azione corrisponde un indirizzo IP registrato su database.

 
 

casoli.org è un sito pubblicato sotto Licenza Creative Commons

Dove non specificato diversamente, è possibile riprodurre il materiale: non alterandolo, citando sempre la fonte e non traendone vantaggi economici.


Riferimento legislativo sulla privacy

Legge 633 del 22 aprile 1941 e successive modifiche ed integrazioni
Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio
SEZIONE II
Diritti relativi al ritratto.
Art. 97
Non occorre il consenso della persona ritrattata quando la riproduzione dell'immagine è giustificata dalla notorietà o dall'ufficio pubblico coperto da necessità di giustizia o di polizia, da scopi scientifici, didattici o culturali, o quando la riproduzione è collegata a fatti, avvenimenti, cerimonie di interesse pubblico o svoltisi in pubblico.
Il ritratto non può tuttavia essere esposto o messo in commercio, quando l'esposizione o messa in commercio rechi pregiudizio all'onore, alla reputazione od anche al decoro della persona ritratta.


Nota (ndr): per quanto attiene il ritratto di minori, la pubblicazione nei termini e modi indicati nel precedente Art. 97, è vietata solo per i minori coinvolti in vicende giudiziarie (art.13 D.P.R. 22/09/88 n.448 ed art.50 D.L. 30/06/03 n.196, che estende il divieto anche ai casi di coinvolgimento a qualunque titolo del minore in procedimenti giudiziari in materie diverse da quella penale).

Torna in alto |

 

.

 

 
 Cerca nelle News

 

         Cerca nelle FotoNotizie

METEO

"La vera libertà di stampa è dire alla gente ciò che la gente non vorrebbe sentirsi dire" (George Orwell

 
 
 
casoli.org Mobile
::: LE NEWS DAL WEB :::

::: ARCHIVIO :::

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
FotoNotizie

News - Audio - Video

Amarcord (1)
Ambiente (141)
Ambrosia (44)
Archeologia (23)
Attualità (8)
AudioComune (19)
AudioEventi (2)
AudioOspedale (2)
AudioStoria (10)
Autori (12)
Avvisi (50)
Beni culturali (36)
Calendario eventi (20)
Cinema (30)
Comune (231)
Comunità Montana (11)
Concerti (144)
Concorsi (34)
Corsi (22)
Cronaca (71)
DiversAbili (41)
Emigrazione (23)
Eventi (436)
Foto FB (6)
Internet (18)
Interviste (9)
Lavoro (7)
Libri (113)
Menu (1)
Mostre (45)
Musei (1)
Musica (36)
Ospedale (194)
Politica (43)
Recensioni (6)
Regione (16)
Solidarietà (36)
Spettacoli (82)
Sport (82)
Storia (80)
VideoAmarcord (4)
VideoAmbiente (16)
VideoAmbrosia (9)
VideoAntropologia (1)
VideoArcheologia (11)
VideoAttualità (13)
VideoBeniCulturali (5)
VideoCartoline (5)
VideoClip (1)
VideoConcerti (70)
VideoConsiglio (6)
VideoCronaca (39)
VideoEmigrazione (4)
VideoEventi (34)
VideoFeste (12)
VideoFolclore (5)
VideoInterviste (4)
VideoLibri (18)
VideoMeteo (5)
VideoMusica (5)
VideoNatura (4)
VideoOspedale (50)
VideoReligiosi (20)
VideoSolidarietà (8)
VideoSpettacoli (30)
VideoSport (20)
VideoStoria (42)
VideoTradizioni (10)
Vignette (12)


Catalogati per mese:
Luglio 2002
Agosto 2002
Settembre 2002
Ottobre 2002
Novembre 2002
Dicembre 2002
Gennaio 2003
Febbraio 2003
Marzo 2003
Aprile 2003
Maggio 2003
Giugno 2003
Luglio 2003
Agosto 2003
Settembre 2003
Ottobre 2003
Novembre 2003
Dicembre 2003
Gennaio 2004
Febbraio 2004
Marzo 2004
Aprile 2004
Maggio 2004
Giugno 2004
Luglio 2004
Agosto 2004
Settembre 2004
Ottobre 2004
Novembre 2004
Dicembre 2004
Gennaio 2005
Febbraio 2005
Marzo 2005
Aprile 2005
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Ultimi commenti:
vi sembra una cosa normale il ...
08/07/2019 alle ore 13:01:16
Inserito da star dust
MOVE ONE... ottima osservazion...
13/04/2019 alle ore 12:41:20
Inserito da casoli.org
Spiegate anche, perché tenete ...
11/04/2019 alle ore 08:48:07
Inserito da MOVE ON
ATTENZIONE!! In seguito al suc...
30/12/2018 alle ore 17:34:26
Inserito da casoli.org
Complimenti alla bella organiz...
07/10/2018 alle ore 13:56:50
Inserito da Maria Menna- Roma
http :// www . mednat . org /s...
12/09/2018 alle ore 12:50:06
Inserito da R.B.
Faccia un ulteriore sforzo, um...
12/09/2018 alle ore 12:40:26
Inserito da regno bacteria
La famiglia Talone ringrazia v...
06/09/2018 alle ore 09:36:58
Inserito da La moglie
Vorrei macinare del grano soli...
11/06/2018 alle ore 20:56:03
Inserito da fioravante scamuffa
correggo 15 lt pro capite, è p...
23/01/2018 alle ore 09:58:52
Inserito da j

Valid xhtml 1.0 / css