News » Articolo
Inserito da Redazione il 12/03/2007 alle ore 07:36:42 - sez. Storia - visite: 12524 

Addio Domenico Troilo

E' morto ieri, il vicecomandante della Brigata Majella che il 22 Aprile avrebbe compiuto 85 anni

Alle 15,30 saranno celebrati i funerali nella chiesa di Santa Maria dei Raccomandati a Gessopalena

Domenico Troilo alla manifestazione del 6 Dicembre 2003, tenutasi a Casoli per ricordare i 60 anni della formazione partigiana "Brigata Majella":

Domenico Troilo è morto ieri mattina all'età di 84 anni all'ospedale Renzetti di Lanciano.
Le condizioni del comandante Troilo non erano buone da circa un mese: lo scorso 8 febbraio era stato colpito da infarto e ricoverato a Lanciano. Trasferito poi a Pescara per una lunga serie di analisi è stato operato il 16 febbraio per l'applicazione del by pass al San Camillo di Chieti. Ma qualche giorno dopo sono cominciate le complicazioni e ieri mattina, poco dopo le 9 è deceduto.
La camera ardente è stata allestita nella Sala Consiliare della Provincia di Chieti e sarà possibile rendere l'ultimo omaggio al grande comandante fino alle 14,30 di oggi.
Alle 15,30, invece, saranno celebrati i funerali nella chiesa di Santa Maria dei Raccomandati a Gessopalena. Troilo ha lasciato la moglie Nella Trabaccone e i figli Barbara e Alberto.

"La guerra è una esperienza che non merita d’essere vissuta"

Il breve saluto del vice comandante Domenico Troilo alla manifestazione del 6 Dicembre 2003, tenutasi a Casoli per ricordare i 60 anni della formazione partigiana "Brigata Majella":
«È presente la bandiera di combattimento del Gruppo Patrioti della “Majella”, decorata di Medaglia d’Oro al V.M. 60 anni fa, il 5 dicembre 1943, qui a Casoli, si costituì la Banda “Majella”. Era un periodo difficile, drammatico della storia del nostro Paese, della nostra Regione, del nostro territorio. Casoli, presidiata dagli alleati, era il punto di raccolta dei tanti sfollati che fuggivano dalla disperazione della fame, della povertà vera, delle depredazioni, delle angherie e delle sevizie
naziste.
Qui si amalgamarono la rabbia e il desiderio di rivalsa degli individui e dei piccoli gruppi che in molti paesi della zona già operavano.
Qui, grazie al fondamentale contributo organizzativo del compianto col. Ettore Troilo, venne creata la struttura portante di quella che diventerà una piccola grande leggenda italiana: una fetta dell’importante storia della Liberazione della nostra Patria.
Qui ci ritroviamo oggi per ricordare, dopo 60 anni, quelle vicende.
Ricordare per onorare i tanti caduti, ma anche tutti quelli che hanno dato e danno quotidianamente il loro contributo alla libertà e alla democrazia del nostro Paese. Siamo qui anche per ricordare a tutti, in particolare ai tanti ragazzi presenti, che la libertà è  garantita dalla pace e che la pace è una conquista d’ogni giorno. Il contrario è la guerra e, ascoltate coloro che ci sono passati, è una esperienza che non merita d’essere vissuta.
Patrioti della “Majella”, voi vi siete sempre distinti nei combattimenti, dall’Abruzzo ad Asiago; il vostro comandante, riconoscente, vi ringrazia di cuore con un affettuoso abbraccio, perché siete stati sempre tra i primi
».
Alla manifestazione del 6 Dicembre 2003 erano presenti numerosi cittadini insieme alle autorità civili, militari, religiose, i rappresentanti di Gran Bretagna, Russia, India, Polonia, le delegazioni di numerosi Comuni con i relativi gonfaloni, e delle Associazioni combattentistiche e partigiane.

Sulla jeep il Maggiore Lamb (ferito a Recanati il 20 settembre 1944), il Tenente Lesley
(caduto il 31 agosto 1944 a Pesaro) e, in piedi, il Maggiore Domenico Troilo, vicecomandante
della Brigata “Majella”.

Intervista a Domenico Troilo

a cura di Max Franceschelli (dal libro: "la Guerra in Casa")

D: Quando è nata la Brigata Majella?
R:
Secondo quanto è scritto nelle carte, è nata il 5 dicembre del 1943 ed è nata a Casoli, come banda Majella. Di questa banda faceva parte un nucleo di sfollati di Torricella, che poi si riallaccia anche alla storia del periodo in cui morirono le persone a Sant'Agata, che pare che fossero stati fucilati - più che fucilati, bruciati - per un sistema che adoperavano i Tedeschi abitualmente: non c'era sempre una causa per cui dovessero fare un eccidio. Io ho sempre valutato che lo facessero più per paura; non sempre era giustificata, perché secondo il mio punto di vista la nostra zona non era strategicamente così importante: dovevano salvare questa zona perché va sempre ricordato che in quel periodo c'era la Linea Gustav che partiva dal mare, poi rientrava verso Roccaraso e finiva oltre Cassino, e i Tedeschi erano a Cassino.
Siccome sulle due sponde del mare c'erano da una parte gli Americani e dall'altra l'VIII Armata Inglese, l'unica strada da adoperare per il ripiegamento era la zona appenninica intema: questa è la ragione. I Tedeschi secondo me, sparavano anche per paura. Poi erano, come truppa, persone anziane e giovanissimi: ritengo che non avessero avuto neppure un adde- stramento adeguato per una lotta moderna, perché qui non era un fronte chiuso: questa era una guerra di movimento. Gli Inglesi si fermarono, spesse volte i Tedeschi si domandavano: "Ma come mai gli Inglesi si sono fermati sul fiume Sangro?" Perché il fronte italiano era un fronte secondario rispetto a cose che poi abbiamo visto, dopo, rispetto al conflitto o ai diversi fronti che avevamo aperto, e in Italia e fuori, lo sbarco che fecero in Normandia e altro.
I Tedeschi non avevano neppure molta fantasia, anche perché il Tedesco sarà pure un buon combattente, però aveva bisogno di un supporto logistico, come una macchina.

D: Quindi il loro punto debole era la scarsa capacità di riorganizzarsi?
R:
Presi singolarmente c'era qualcuno con cui si poteva parlare, appena messi insieme la cosa diventava insostenibile.
E poi si deve considerare che, quando la guerra è scoppiata nel 1940, la maggioranza dei giovani sono stati richiamati alle armi e sbarcati nei fronti più lontani possibile, a cominciare dall'Africa orientale per finire all'Africa settentrionale, per poi andare a finire in Francia, in Grecia, in tutti questi Paesi. Ma l'Italia non era in grado di fare nessuna guerra.
Perché potevamo fare una guerra con i moschetti che portavano i Ballila che non sparavano? Se ci mettevi una pallottola probabilmente la camera di scoppio saltava via; non eravamo in grado.
La popolazione non ci pensava che qui si potesse fermare la guerra e che i Tedeschi potessero essere sconfitti. Una delle cose importanti che poco si ricorda è che l'8 settembre in queste zone fece una specie di terremoto, perché tutte le Autorità costituite, tutti i servizi vennero annientati: quando le case furono buttate giù qui non c'era il maresciallo dei carabinieri, non c'era il podestà. Ci fu un grande ritorno dei soldati che scappavano dalla Jugoslavia, di quelli che facevano i servizi in Italia e che cercavano di ritornare nei paesini, tanti poi sono stati presi prima di ritornare al Paese d'origine.
Per esempio io mi ricordo che per tornare qua passai per Roma e quando siamo arrivati a Sulmona ci fecero scendere, la popolazione ci fece scendere, dissero: "Appena arrivati a Pescara vi chiudono nei vagoni bestiame e vi porteranno in Germania, in qualche campo di concentramento." Tenendo conto che non era difficoltoso riconoscere chi era soldato: erano tutti ragazzi sbarbati, giovanissimi. I vestiti civili in certi posti si sono trovati gratuitamente ma in altri posti si dovevano comprare dai contadini. Io in Piemonte, ricordo, dovetti dare 300 lire per avere un vestito borghese vecchio.
Io prima della Brigata Majella non avevo un'esperienza militare. Nella mia avventura con la Brigata Majella non ho mai serbato rancore per i Tedeschi, tanto che noi partigiani abbiamo avuto anche una forma di rispetto da parte dei Tedeschi.

La formazione partigiana che prendeva il nome dalla nostra Majella

Ripercorriamo brevemente le fasi salienti della formazione partigiana "Majella" che fu attiva nella guerra di Liberazione dal dicembre 1943 al maggio 1945: sul finire del 1943, tra gli antifascisti attivi sui versanti del massiccio abruzzese spiccava il gruppo dei fratelli Sciubba di Gessopalena, guidato da Domenico Troilo e sorto a Civitella Messer Raimondo il 4 dicembre.
In quegli stessi giorni, giunse a Casoli un altro gruppo, guidato dall’avvocato Ettore Troilo, socialista e sorvegliato speciale sotto il regime. Da questo gruppo nacque il Corpo volontari della Majella, con Ettore Troilo comandante e Domenico Troilo suo vice. La formazione si impegnò con gli Alleati ad agire alle loro dipendenze e a far entrare nei suoi ranghi elementi di ogni estrazione politica, uniti dal comune intento di combattere i tedeschi.
Il 10 gennaio 1944 un plotone comandato dal tenente Luigi Salvati si trasferì nella zona di Civitella. Quattro giorni dopo, i partigiani andarono all’attacco della posizione di Colle Eugenio. Il 19 gennaio erano a Colle Ripabianca e, dopo uno scontro a Lama dei Peligni con forze tedesche in ritirata, persero Marino Salvati, il primo caduto della formazione. In seguito dovettero abbandonare la posizione e rientrare alla base di Selva.
Successivamente, dopo che il numero dei plotoni era salito a 4, i comandanti concertarono un’azione per sbarrare ai tedeschi l’unica via d’accesso alla montagna, in modo da costringerli ad abbandonare la zona. Approntati altri 4 plotoni e individuate le posizioni nemiche, i primi di febbraio l’operazione partì. I tedeschi, costretti a ritirarsi dalle posizioni più esposte, si diedero a distruzioni e sanguinose rappresaglie, trucidando 41 civili a Gessopalena, altrettanti a Sant’Agata e un centinaio a Torricella Peligna. L’abitato di Pizzoferrato divenne allora l’obiettivo principale dei patrioti che, comandati da Ettore Troilo, dal capitano Mancini, da Massimo di Iorio, Nicola Di Rosa, Osvaldo Glieca e dagli inglesi maggiore Wigram e tenente Aixell, attaccarono all’alba del 3 febbraio. Nello scontro i partigiani subirono forti perdite, tra cui Wigram, e dovettero ritirarsi. Pizzoferrato fu abbandonata dai tedeschi in seguito.
In marzo i partigiani dovettero sostenere la pesante reazione germanica, ma i territori di Torricella e Lama rimasero liberi. Nello stesso tempo Ettore Troilo fu convocato a Brindisi dal capo di stato maggiore, generale Giovanni Messe, per disporre l’assorbimento della Majella nei ranghi dell’Esercito italiano in via di ricostruzione, ma la volontà dei partigiani di non dipendere dalle istituzioni monarchiche limitò il passaggio della formazione al piano amministrativo.
La Majella entrò così a far parte della 209^ divisione di fanteria comandata dal generale Giulio Preporrai, col nome di Banda Patrioti della Majella.
Nei mesi di marzo e aprile la linea del fronte si stabilizzò e i partigiani ne approfittarono per assicurarsi il completo controllo
del massiccio centrale.
Il 10 maggio gli Alleati ripresero l’avanzata in direzione di Palena e alla fine del mese apparve chiaro che i tedeschi si apprestavano a lasciare sgombro il campo. Un nuovo tentativo del governo Badoglio di inquadrare disciplinarmente nell’Esercito la Banda fallì; la Majella restò quindi una formazione partigiana. Ai primi comandanti caduti si avvicendarono veterani come Nicola De Ritis e Quirino Di Marino.
All’inizio di giugno, agli ordini del vicecomandante Domenico Troilo e del tenente inglese Lamb, i partigiani si aprirono la strada sull’altro versante del massiccio e avanzarono verso Sulmona, dove giunsero il 13, tra la gioia della popolazione. Nella presa della città cadde Giovanni Rossi, giovanissimo partigiano che, catturato dai tedeschi nella battaglia di Pizzoferrato, era evaso dal campo di concentramento per poter tornare a combattere.
A Sulmona si ebbe la riorganizzazione della Banda: 450 elementi divisi in 6 plotoni impegnati, sul piano operativo, lungo la direttrice Aquila-Fabriano-Pergola.
Liberata l’Italia centrale, la Brigata fu aggregata all’VIII Armata britannica e partecipò alla liberazione del Nord fino alla fine delle ostilità. (tratto da Patria Indipendente del 21-12-2003)

Articoli correlati:

Domenico Troilo
Recensione al libro di Domenico Troilo "Gruppo patrioti della Maiella" (UIL Abruzzo)
E' morto Domenico Troilo il "Garibaldi" della Resistenza (PrimaDaNoi.it)
Partigiano fino all'ultimo giorno (il Messaggero)
Addio comandante (il Tempo)
Addio a Troilo, l’eroe della libertà (il Centro)
Sede della giunta intitolata a Troilo (lanciano.it)

Brigata Maiella
60 anni fa nasceva la "Brigata Maiella" (UIL Abruzzo)
Largo San Nicola si chiamerà Piazza Brigata Maiella (casoli.org)
Le foto dell'inaugurazione di Piazza Brigata Maiella (casoli.org)
Parco Brigata Maiella a Bologna (casoli.org)

Area commenti di FaceBook
 n. 1 
EGREGIO MAX FRANCESCHELLI:voglio complimentarmi con lei per la qualità del suo elaborato degno di particolare attenzione,che da a noi(non residenti) il modo di conoscere la storia,la realtà di di questa crescente cittadina.cordiali saluti
Inserito da  luisa  il 06/02/2008 alle ore 01:22:42
 n. 2 
domenico troilo?a mio avviso è un uomo degno di rispetto e va ricordato." la libertà è garantita dalla pace e la pace è una conquista d'ogni giorno".(sagge le sue parole).
Inserito da  luisa  il 06/02/2008 alle ore 01:39:21
Inserisci un commento
Autore
E-mail o Sito Web

Prima dell'invio, inserisci i numeri del codice di sicurezza che vedi apparire qui sotto

Codice di sicurezza

AVVERTENZE da leggere prima di postare i commenti
Non sono consentiti:
1) messaggi inseriti interamente con caratteri maiuscoli
2) messaggi non inerenti al post
3) messaggi pubblicitari
4) messaggi con linguaggio offensivo e/o lesivo nei confronti di terzi
5) messaggi che contengono turpiloquio
6) messaggi con contenuto sessista, razzista ed antisemitico

7) messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

8) messaggi inseriti col copia ed incolla di lunghi articoli


La Redazione di casoli.org si riserva il diritto di rimuovere qualsiasi dato inserito, senza preavviso e senza fornire alcuna motivazione.

In ogni caso, casoli.org non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi e non risponde per eventuali controversie che dovessero insorgere tra gli utenti. Ogni utente è responsabile dei dati che inserisce e ad ogni sua azione corrisponde un indirizzo IP registrato su database.

 
 

casoli.org è un sito pubblicato sotto Licenza Creative Commons

Dove non specificato diversamente, è possibile riprodurre il materiale: non alterandolo, citando sempre la fonte e non traendone vantaggi economici.


Riferimento legislativo sulla privacy

Legge 633 del 22 aprile 1941 e successive modifiche ed integrazioni
Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio
SEZIONE II
Diritti relativi al ritratto.
Art. 97
Non occorre il consenso della persona ritrattata quando la riproduzione dell'immagine è giustificata dalla notorietà o dall'ufficio pubblico coperto da necessità di giustizia o di polizia, da scopi scientifici, didattici o culturali, o quando la riproduzione è collegata a fatti, avvenimenti, cerimonie di interesse pubblico o svoltisi in pubblico.
Il ritratto non può tuttavia essere esposto o messo in commercio, quando l'esposizione o messa in commercio rechi pregiudizio all'onore, alla reputazione od anche al decoro della persona ritratta.


Nota (ndr): per quanto attiene il ritratto di minori, la pubblicazione nei termini e modi indicati nel precedente Art. 97, è vietata solo per i minori coinvolti in vicende giudiziarie (art.13 D.P.R. 22/09/88 n.448 ed art.50 D.L. 30/06/03 n.196, che estende il divieto anche ai casi di coinvolgimento a qualunque titolo del minore in procedimenti giudiziari in materie diverse da quella penale).

Torna in alto |

 

.

 

 
 Cerca nelle News

 

         Cerca nelle FotoNotizie

METEO

“Se vuoi essere universale, parla del tuo villaggio”(L. Tolstoj)

 
 
 
casoli.org Mobile
::: LE NEWS DAL WEB :::

::: ARCHIVIO :::

< dicembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             
FotoNotizie

News - Audio - Video

Amarcord (1)
Ambiente (141)
Ambrosia (44)
Archeologia (23)
Attualità (8)
AudioComune (19)
AudioEventi (2)
AudioOspedale (2)
AudioStoria (10)
Autori (12)
Avvisi (54)
Beni culturali (38)
Calendario eventi (22)
Cinema (30)
Comune (240)
Comunità Montana (11)
Concerti (144)
Concorsi (34)
Corsi (22)
Cronaca (75)
DiversAbili (41)
Emigrazione (23)
Eventi (439)
Foto FB (6)
Internet (19)
Interviste (9)
Lavoro (7)
Libri (113)
Menu (1)
Mostre (46)
Musei (1)
Musica (36)
Ospedale (196)
Politica (43)
Recensioni (6)
Regione (16)
Solidarietà (36)
Spettacoli (82)
Sport (84)
Storia (80)
VideoAmarcord (4)
VideoAmbiente (16)
VideoAmbrosia (9)
VideoAntropologia (1)
VideoArcheologia (11)
VideoAttualità (13)
VideoBeniCulturali (6)
VideoCartoline (5)
VideoClip (1)
VideoConcerti (70)
VideoConsiglio (6)
VideoCronaca (39)
VideoEmigrazione (4)
VideoEventi (34)
VideoFeste (12)
VideoFolclore (5)
VideoInterviste (4)
VideoLibri (18)
VideoMeteo (5)
VideoMusica (5)
VideoNatura (4)
VideoOspedale (50)
VideoReligiosi (20)
VideoSolidarietà (8)
VideoSpettacoli (30)
VideoSport (20)
VideoStoria (42)
VideoTradizioni (10)
Vignette (12)


Catalogati per mese:
Luglio 2002
Agosto 2002
Settembre 2002
Ottobre 2002
Novembre 2002
Dicembre 2002
Gennaio 2003
Febbraio 2003
Marzo 2003
Aprile 2003
Maggio 2003
Giugno 2003
Luglio 2003
Agosto 2003
Settembre 2003
Ottobre 2003
Novembre 2003
Dicembre 2003
Gennaio 2004
Febbraio 2004
Marzo 2004
Aprile 2004
Maggio 2004
Giugno 2004
Luglio 2004
Agosto 2004
Settembre 2004
Ottobre 2004
Novembre 2004
Dicembre 2004
Gennaio 2005
Febbraio 2005
Marzo 2005
Aprile 2005
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020

Ultimi commenti:
Online sociology essay writing...
08/06/2020 alle ore 09:18:15
Inserito da Sociology Assignment Writ
Il sindaco resta a casa, ma i ...
03/04/2020 alle ore 13:41:15
Inserito da nico menna
qual' è il protocollo di profi...
03/04/2020 alle ore 10:52:43
Inserito da H
vi sembra una cosa normale il ...
08/07/2019 alle ore 13:01:16
Inserito da star dust
MOVE ONE... ottima osservazion...
13/04/2019 alle ore 12:41:20
Inserito da casoli.org
Spiegate anche, perché tenete ...
11/04/2019 alle ore 08:48:07
Inserito da MOVE ON
ATTENZIONE!! In seguito al suc...
30/12/2018 alle ore 17:34:26
Inserito da casoli.org
Complimenti alla bella organiz...
07/10/2018 alle ore 13:56:50
Inserito da Maria Menna- Roma
http :// www . mednat . org /s...
12/09/2018 alle ore 12:50:06
Inserito da R.B.
Faccia un ulteriore sforzo, um...
12/09/2018 alle ore 12:40:26
Inserito da regno bacteria

Valid xhtml 1.0 / css