News » Articolo
Inserito da Redazione il 12/08/2009 alle ore 11:03:04 - sez. Ospedale - visite: 3638 

I documenti della seduta consiliare del 10 Agosto 2009
All'unanimità il C.C. chiede a Chiodi il mantenimento dell'ospedale
IL CONSIGLIO COMUNALE

La seduta del Consiglio Comunale del 10 Agosto 2009 con all'ordine del giorno la situazione dell'ospedale di Casoli, si è conclusa con un voto un'anime dopo tre ore di discussioni che ha visto i vari consiglieri prima confrontarsi nella Sala Consiliare e poi riunirsi insieme al Presidente del Comitato Civico Dott. Pierluigi Natale in Sala Giunta. La delibera riassume il lavoro svolto Giovedì 6 Agosto dai capigruppo di maggioranza e minoranza e le proposte acquisite in sede consigliare dai consiglieri e dal Comitato Civico in difesa dell'ospedale.
Di seguito il contenuto del documento finale redatto ed approvato all'unanimità, dove si legge che con voce chiara ed univoca, il Consiglio Comunale invita Chiodi, Venturoni e Redigolo, a fermare i piani di dismissione dei piccoli ospedali e a non adottare provvedimenti ulteriormente restrittivi per l'ospedale di Casoli, i cui reparti e servizi devono essere potenziati e non chiusi:

IL CONSIGLIO COMUNALE ALL’UNANIMITA'            


AFFERMA E CHIEDE

con voce chiara ed univoca:

- il potenziamento degli attuali reparti di Geriatria-Lungodegenza e il potenziamento ed una maggiore specializzazione del reparto di Riabilitazione, in modo da realizzare un unico polo geriatrico - riabilitativo all’interno dell’Azienda Sanitaria Locale Lanciano - Vasto;

- il riordino strutturale e funzionale del pronto Soccorso h/24 con annessa Astanteria che possa garantire a tutti i cittadini del comprensorio un efficace servizio di sicurezza sanitaria;

- il ripristino dei servizi di analisi e radiologia, in modo da rendere efficiente l’intervento di pronto soccorso e la possibilità di non dover affrontare viaggi disagevoli per esami di controllo necessari per le persone in età avanzata;

- la continuità e la sicurezza del servizio Dialisi.

INVITA

- il Presidente della Regione Abruzzo Gianni Chiodi, l’Assessore Regionale alla Sanità Lanfranco Venturoni ed il Commissario Regionale Gino Redigolo a dare piena attuazione a quanto esposto;

- il Presidente della Regione Abruzzo Gianni Chiodi, l’Assessore Regionale alla Sanità Lanfranco Venturoni ed il Commissario Regionale Gino Redigolo a riconoscere la ASL Lanciano – Vasto come ASL Provinciale in considerazione della centralità territoriale, nel quadro dell’eventuale riordino del PSR, in subordine a mantenere in esercizio la ASL Lanciano – Vasto.

RICHIEDE

- un incontro urgente per rappresentare le esigenze e discutere dei temi socio sanitari del territorio del Sangro Aventino.

RITIENE

- di essere legittimato ad intraprendere anche azioni “estreme” in difesa del diritto alla salute delle popolazioni rappresentate, sancito dall’art. 32 della Costituzione Italiana.


Pubblichiamo di seguito, i documenti redatti dal Presidente del Comitato Civico, dai consiglieri di minoranza e dal vicesindaco Filippo Travaglini:

 DOCUMENTO 1

PROPOSTA DEL COMITATO CIVICO

OGGETTO: Ordine del giorno del Consiglio Comunale di Casoli sulla situazione del Presidio Ospedaliero “G. Consalvi”.

PREMESSO: che sin dalla sua costituzione questo Comitato ha sempre lottato per il mantenimento del presidio ospedaliero di Casoli cha rappresenta da oltre mezzo secolo l’unico baluardo sanitario di primo soccorso per un vasto territorio montano disagiato per la precaria viabilità ed abitato da persone in maggioranza anziane;

CONSIDERATO: che il diritto alla salute, sancito dalla Carta Costituzionale, riguarda le persone e non i territori e che quindi è inaccettabile né possibile stabilire, per legge, le disuguaglianze per chi vive nei piccoli Comuni e per chi vive sulla costa;

ACCLARATO: che i piccoli ospedali hanno bisogno di essere riorganizzati e non ridimensionati a poco a poco, come fatto finora, fino ad aver perso ogni connotato di un ospedale considerato “civile” con servizi di Pronto Soccorso, Radiologia e Laboratorio Analisi NON H24;

ATTESTATO: che a priori questo Comitato si astiene da ogni considerazione sulle presunte nuove dislocazioni delle ASL da parte della Regione né tanto meno intende esprimere giudizi sull’operato degli attuali managers pur non esimendosi dal rimarcare che si è tanto tagliato al pubblico e poco al privato;

VISTE: le allarmanti notizie riportate quotidianamente dalla Stampa circa la chiusura di oltre la metà degli ospedali Abruzzesi tra cui anche l’Ospedale di Casoli:

I N V I T A

Il Presidente della Regione Abruzzo dott. Gianni CHIODI, l’Assessore alla Sanità dott. VENTURONI ed il Commissario Regionale dott. REDIGOLO, a fermare i piani di dismissione dei piccoli ospedali messi in atto dagli attuali Direttori Generali delle A.S.L. e stabilire, insieme alle istituzioni e alle popolazioni del territorio, le linee strategiche per il futuro sanitario della Regione Abruzzo, magari approvando un nuovo Piano Sanitario Regionale meno devastante, più umano e più vicino alle esigenze reali dei cittadini abruzzesi

RIBADISCE: che la dotazione minima ospedaliera, PER L’OSPEDALE DI CASOLI, per poter eseguire una dignitosa assistenza medica per un vasto territorio come quello del Sangro-Aventino è la seguente:

- Pronto Soccorso ben funzionante H24, con annessa Astanteria;
- Radiologia e Laboratorio Analisi H24;
- Dialisi (esistente da oltre 30 anni);
- Day Surgery (con possibilità di almeno 1 giorno di degenza);
- Reparto di Geriatria;
- Reparto di Riabilitazione;
- Adeguati Servizi Specialistici Ambulatoriali


 DOCUMENTO 2

SINTESI DEI CONSIGLIERI DI MINORANZA

IL CONSIGLIO COMUNALE

Si oppone decisamente a quanto si sta paventando nella discussione che coinvolge un’ulteriore riduzione delle attività sanitarie nella nostra ASL e nell’Ospedale di Casoli.

ESPRIME AD ALTA VOCE

• La delusione per la volontà di non voler rispettare il Piano di Riordino 2007 che ha visto fortemente penalizzato l’Ospedale di Casoli con la soppressione dei reparti di Chirurgia e Medicina;
• Il dolore e la delusione per la ventilata estinzione, violenta e improvvisa, di una presenza quasi secolare, di una storia viva ed efficiente per una decisione presa secondo un'ottica puramente tecnico-economica, a causa di errori compiuti nel passato che si cerca di correggere con un piano di rientro severissimo e ingiusto, che limita le risorse destinate al personale ai livelli 2004, diminuite ogni anno in percentuale;
• Il palpabile senso di insicurezza indotta dall’abbandono cui è consegnata una vasta area Interna e svantaggiata e con comunicazioni difficili, caratterizzata da una popolazione che invecchia ed è sempre più povera ed isolata;
• I timori per le gravi ripercussioni che potrà avere sul tessuto economico un intervento improvvido, inferto ad un territorio che punta sul turismo e vede immiserire quel che, ancora, nonostante i dolorosi tagli effettuati, resta la più grande Azienda locale;
• Soprattutto, la certezza che, stando alle notizie apparse sui giornali, ma anche alla logica e alla realtà del territorio, questa tragica rivoluzione produrrà solo ulteriori e più gravi disagi, con l’intasamento del presidio di Lanciano, l’abbassamento del suo livello qualitativo in quanto non più filtrato dall’Ospedale di Casoli, la crescita delle spese e dei disagi dei Cittadini pazienti utenti;
• La mancata azione di qualsiasi tipo di ridimensionamento della sanità privata, e tantomeno l’applicazione dell’appropriatezza sempre nelle strutture private e altresì la soppressione di strutture private che sono state e sono causa dei danni che devono essere oggi riparati;
• L’inutile rallentamento da parte della Regione dell’attuazione della riduzione delle ASL da sei a quattro;

IL CONSIGLIO COMUNALE

Invita il Presidente Gianni Chiodi, l’Assessore Venturoni e il Commissario Redigolo di equiparare il costo per ricoverato delle varie ASL così come verificato anche dall’ASR e di non adottare provvedimenti ulteriormente restrittivi per la ASL Lanciano-Vasto e per l’Ospedale di Casoli proprio perché con parametri già migliori della media regionale.

Invita, poi, il Presidente Chiodi, l’Assessore Venturoni e il Commissario Redigolo a prendere esempio come “modello virtuoso” la ASL di Lanciano-Vasto per il lavoro svolto da riproporre nelle altre ASAL della Regione Abruzzo.

Invita, altresì, il Presidente Chiodi, l’Assessore Venturoni e il Commissario Redigolo, nella previsione di realizzare una unica ASL in Provincia di Chieti, a riconoscere la ASL di Lanciano-vasto quale ASL provinciale di Chieti.

Invita, infine, tutti i Parlamentari abruzzesi e i Consiglieri regionali, in particolare quelli della Provincia di Chieti, a condividere i disagi e le speranze della popolazione del territorio, a sostenerla attivandosi con urgenza per trovare una soluzione ai problemi della sanità regionale valida e finalmente pacificatrice degli animi che non veda ulteriormente penalizzata la ASL di Lanciano-Vasto.

Facendosi interprete dei bisogni e delle aspettative della popolazione, ritiene di essere legittimato, in caso di esito negativo delle future decisioni, a prendere iniziative importanti e clamorose in difesa del Presidio Ospedaliero di Casoli.


 DOCUMENTO 3

SINTESI DEL VICESINDACO FILIPPO TRAVAGLINI

IL CONSIGLIO COMUNALE

ATTESO che l'ospedale civile di Casoli è un ospedale di "proprietà" i cui legittimi proprietari sono i cittadini della zona Aventina che l’hanno voluto in
tempi calamitosi, l’hanno fatto crescere e difeso in tante circostanze e che nessuno, quindi, ha il diritto di espropriarlo;

RILEVATO che l'ospedale di Casoli ha già subito un ridimensionamento con la chiusura di alcuni reparti e la conseguente riduzione dei posti letto;

RITENUTO che il contenimento della spesa sanitaria regionale debba realizzarsi con la disdetta delle convenzioni stipulate con le aziende sanitarie private e non con la chiusura di servizi sanitari pubblici, specialmente quelli al servizio di zone territorialmente svantaggiate per la carenza o la totale mancanza di sistemi viari e di trasporto efficienti, anche per le naturali difficili condizioni orografiche;

CONSIDERATO che l'ospedale di Casoli può esercitare una valida azione di filtraggio, almeno per gli esami e le azioni sanitarie preventive e preliminari, a
favore dell'ospedale di Lanciano che per la struttura obsoleta non riesce ad assorbire e soddisfare tutte le richieste del vasto comprensorio;

RILEVATO che l’attuale attività chirurgica in Day Surgery viene praticata presso l’ospedale di Casoli con buoni risultati e soddisfazione dell’utenza;

CONSIDERATO, altresì, che i reparti di Geriatria - Lungodegenza e di Riabilitazione hanno una buona rispondenza sulle condizioni della popolazione del comprensorio con alto indice di anzianità;

RITENUTO che tali servizi sanitari possono avere una sufficiente valenza solo se supportati da servizi di Analisi e Radiologia disponibili h/24;

PRESO ATTO che recentemente sono state investite notevoli somme sulla struttura dell'ospedale civile di Casoli che ne hanno notevolmente migliorato la funzionalità;

CONSIDERATO che tutti i cittadini dell’area Aventina hanno almeno il diritto di avere a disposizione un servizio di Pronto Soccorso qualificato e disponibile 24 ore su 24, in modo da assicurare la necessaria sicurezza nel campo della salute;

AFFERMA E CHIEDE

con voce chiara ed univoca:

- il potenziamento degli attuali reparti di Geriatria-Lungodegenza e Riabilitazione, in modo da realizzare un unico polo geriatrico - riabilitativo all’interno dell’Azienda Sanitaria Locale Lanciano-Vasto;

- il riordino strutturale e funzionale del Pronto Soccorso h/24 con annessa Astanteria che possa garantire a tutti i cittadini del comprensorio un efficace servizio di sicurezza sanitaria;

- il ripristino dei servizi di analisi e radiologia, in modo da rendere efficiente l'intervento di pronto soccorso e la possibilità di non dover affrontare viaggi disagevoli per esami di controllo necessari per le persone in età avanzata;

-1a continuità e la sicurezza del servizio Dialisi.

INVITA

- il Presidente della Regione Abruzzo Gianni Chiodi, l’Assessore Regionale alla Sanita Lanfranco Venturoni ed il Commssario Regionale Gino Redigolo a dare piena attuazione a quanto esposto;

- il Presidente della Regione Abruzzo Gianni Chiodi, l’Assessore Regionale alla Sanità Lanfranco Venturosi ed il Commissario Regionale Gino Redigolo a riconoscere alla Azienda Sanitaria Locale Lanciano-Vasto il ruolo di unica A.S.L. Provinciale.

RITIENE

- di essere legittimato ad intraprendere anche azioni "estreme" in difesa del diritto alla salute delle popolazioni rappresentate, sancito dal1’art. 32 della Costituzione Italiana.


Articolo correlato: Convocazione Consiglio Comunale, sessione straordinaria»

Tutti gli articoli sull'ospedale»

Area commenti di FaceBook
 n. 1 
vai lo zio oggi sul centro,mazzolata con spazzolata di conti x Redigolo,pero' si e' dimenticato della Veri',mi pare a capo della consulta regionale?NON c'e' niente da fare lo dobbiamo fa' clona' allo zio.LUI e' l'unico che ha un po' di numeri e di strategie.PROPONGO UN REFERENDUM PER UN CLONE DELLO ZIO REMO
Inserito da  ora et labora  il 21/08/2009 alle ore 15:10:56
 n. 2 
Sindaco di Fara Tavani se ci sei batti un colpo. Oppure la poltrona alla provincia ti ha tappato la bocca?!
Inserito da  ex pdl  il 25/08/2009 alle ore 10:27:39
 n. 3 
propongo un tregua tra TAVANI E DE LUCA, per il bene di tutti,e per sfruttare l'evento,fuori dai maroni le segreterie dei partiti.
Inserito da  m.a.  il 25/08/2009 alle ore 11:48:44
 n. 4 
altrimenti alle prossime ,regionali,provinciali,nazionali,europee, ecc ecc,uniti per mandarli tutti a casa,non li facciamo neanche veni' a parla'.
Inserito da  c.a.  il 25/08/2009 alle ore 11:53:07
 n. 5 
Tavani si è accomodato in poltrona, che importanza ha l'ospedale di Casoli per lui?
Inserito da  ex pdl  il 25/08/2009 alle ore 19:13:33
 n. 6 
Nessuno e' immune a questo problema.In un emergenza, non ti salva la poltrona, ma un ospedale specializzato con dei professionisti,possibilmente il piu' vicino a tutti.
Inserito da  c.a.  il 26/08/2009 alle ore 08:13:43
 n. 7 
nel frattempo lo stridio delle sirene, sulla strada casoli lanciano, e' sempre piu' evidente, fastidioso,surreale,un richiamo alla paura per il territorio.ULTIME DALLA SANITA' NAZIONALE. "LOCRI"!!!!!!!!!!
Inserito da  c.a.  il 26/08/2009 alle ore 08:49:56
 n. 8 
dove sono gli esponenti del PDL che affiggevano manifesti e sbraitavano contro la giunta Del Turco per la paventata chiusura dell'ospedale? Tutti muti? Tutti servitori? Buffoni.....
Inserito da  inc  il 26/08/2009 alle ore 16:02:38
 n. 9 
inc hai ragione, ma ricordati che questi si sono insediati a cose fatte e fare qualcosa adesso, è come chiudere una stalla dopo che i buoi sono scappati.
Ma secondo alcuni sindaci locali di centro sinistra, l'ospedale non funzionava meglio e più di prima?
Cos'è successo in questi pochi mesi per cambiare idea così in fretta? Bah!!
Ma ce l'avremo mai persone serie che ci governano???
Inserito da  antonio  il 26/08/2009 alle ore 16:27:30
 n. 10 
dx sx, dx sx, dx sx, aho a ce' e bello sto gioco, lo inseriamo nel cartellone dei giochi ar colosseo?
Inserito da  m.a.  il 26/08/2009 alle ore 21:00:06
 n. 11 
anonio, questi si sono insediati ed hanno programmato per la nostra regione 8 ospedali e basta. Le cose le hanno fatte loro. PS: qualcuno ha sentito Tavani?
Inserito da  inc  il 26/08/2009 alle ore 21:20:34
 n. 12 
a marcaur'ma qe te ce metti pure tu'?vabbe' qe er popolo se deve diverti',ma i leoni devono magna',e vabbee',almeno so' commestibili????
Inserito da  c.a.  il 26/08/2009 alle ore 21:27:41
 n. 13 
Diciamo la verirtà, che prima ci si girava intorno con belle parole tipo: ammodernamento, conversione, ecc..., ma il fine era sempre quello: 8 ospedali e basta! Perchè quelli "minori" non diventavano altro che dei 118 o dei cronicari.
Almeno questi, anche se sbagliano lo stesso, te lo fanno capì subito che l'ospedale te lo chiudono, almeno non ti prendono per i fondelli...
Inserito da  antonio  il 28/08/2009 alle ore 09:45:05
 n. 14 
Berlusconi in Abruzzo ci sta' dimostrando una cosa, quello che realmente e',che non e' piu' furbo di noi,ma siamo noi piu' lenti di lui.NUMERI e organizzazione e Utili. A nord si muovono su quest'asse,velocita' e numeri,e qualche paradiso fiscale a disposizione,nelle loro vicinanze.La guerra con questi la si fa' soltanto con i numeri e le soluzioni,a volte anche con le furbate,nel bene si intende,ma si ricordi che siamo lenti ed assistenzialisti da sempre,aspettiamo che qualche cometa cambi gli eventi,ma non e' cosi',questi so riti pagani.INIZIO a preoccuparmi sul serio di H1N1.
Inserito da  c.augusto  il 28/08/2009 alle ore 10:03:36
 n. 15 
il dubbio sugli 8 presidi e' forte,significherebbe +o- da quello che ho capito,accentrare porzioni di territorio disarticolate geograficasmente,avere subito a disposizione strutture non piu' con le dimensioni attuali,perche' ora non adatte a questo enorme flusso che si riverserebbe su di esse.Potrebbero essere periodi di caos,un caos pericoloso per la popolazione,si potrebbero intasare i tribunali per esempio.IO sono per rimodernare,accentrare qualche presidio,qualcuno sacrificarlo, e per questo che insisto su casoli ed atessa.
Inserito da  c.a.  il 28/08/2009 alle ore 10:36:43
 n. 16 
Un nuovo profilo per gli ospedali della Asl Lanciano-Vasto

Un ruolo per ciascun ospedale, senza duplicazioni e spreco di risorse, secondo una logica di integrazione finalizzata al miglioramento dell’assistenza e dell’efficienza. Questo il senso delle azioni contenute nel Piano industriale della Asl, di recente approvato dal Commissario ad acta per il risanamento del sistema sanitario regionale, Gino Redigolo, il quale lo ha giudicato coerente con il progetto sistematico di riequilibrio economico finanziario della Regione.

L'articolo prosegue in questa pagina:
http://www.piazzarossetti.it/e_view.asp?E=44898
Inserito da  Anonimo  il 28/08/2009 alle ore 19:18:19
 n. 17 
Tavani,dove sei?????
Hai finito di fare il paladino?????
Finalmente hai buttato la maschera e dimostrato che ti interessava l'ospedale solo per motivi elettorali.
Inserito da  Clash  il 28/08/2009 alle ore 19:35:54
 n. 18 
ma mi faccia il piacere,e' redigolo,e lo paghiamo pure.Il prossimo che ci mandano che abbia un nome un po' piu' simpatico,altrimenti rimpiango i tempi del dott. lannutti,che con i suoi modi era perfettamente sul libero mercato,gli ospedali li facevano chi operava meglio e gestiva con coerenza i dipendenti.La sfida era tutto li.libero mercato significa piu' professionalita' e non censura.
Inserito da  c.augusto  il 28/08/2009 alle ore 20:32:51
 n. 19 
Tavani vergogna, ti sei dimostrato un b*****e.
Inserito da  up  il 29/08/2009 alle ore 00:19:49
 n. 20 
aridaie co so tavani,lui la collaborazione e la preoccupazione l'ha dimostrata fin dall'inizio insieme con tutti i sindaci dell'aventino,non e' vero? o sbaglio.Non siamo stati noi a casoli come sempre fare i furbi sul territorio nel voler tirare la volata in solitario per poi arrivare sempre fra le ultime fila?il comunicato di oggi lo certifica nell'assegnazione del ruolo dato a casoli e gissi.Pero' potete tirare un respiro di sollievo, ognuno al suo posto.Quello che succedera' con la prossima ristrutturazione o il prossimo manager non si sa'.Nel frattempo idee o soluzioni futuristiche e adeguate al territorio non si leggono sui giornali da parte di casoli o del territorio sangro/aventino.Tutto rimane nell'oblio,forse anche un po' incomprensibile per le persone semplici.
Inserito da  up-stream  il 29/08/2009 alle ore 01:47:49
 n. 21 
Il sindaco di Fara San Martino Tavani, ottenuta la poltrona alla provincia, si è dileguato e non ha speso più alcuna parola per l'Ospedale di Casoli. Prima delle elezioni, e per la durata di qualche anno, era stato il suo cavallo di battaglia, nella piazze, nei comunicati, nelle riunioni. Ma si sa, il popolo ha la memoria corta, cortissima.
Inserito da  up  il 29/08/2009 alle ore 11:57:20
 n. 22 
Il 10-08-2009 il Sindaco di Casoli ha riunito,in un consiglio comunale straordinario,maggioranza,minoranza e comitato civico ed ha deliberato una protesta,da inviare alla Regione,ribadendo fermamente che Casoli ed il suo territorio hanno bisogno di un vero ospedale e non di un misero cronicario.Sapeva il Sindaco che 5 gg.prima e precisamente il 05-08-2009 era stato approvato da Redigolo e Caporossi un Piano Industriale della ASL Lanciano-Vasto che prevedeva per Casoli un misero dormitorio per anziani ed un punto di prima accoglienza forse per immigrati e per persone non autoefficienti?Se è questo che il Manager di Lanciano ed il Commissario redigolo prevedono per l'ex Ospedale di Casoli allora io propongo staccarci dalla ASL di Lanciano e di invitare le Istituzioni del Sangro-Aventino ad una gestione in proprio della Sanità che ci viene negata.Permettetemi un ultimo sfogo amaro:è stato giustamente mandato a casa il centro sinistra abruzzese per i ben noti sfracelli fatti in materia sanitaria,ora veniamo a constatare che i manager nominati dalla sinistra continuano a dettare ancora legge ed allora...piena solidarietà all'assessore alla Sanità dott.Venturoni che si vuol dimettere.A questultimo diciamo di non mollare ma di lottare,magari strenuamente,e costringere la Sua maggioranza a licenziare tutti questi soloni improvvisatori di piani industriali che non producono salute ma solamente disagi e malasanità!Non mi stancherò mai di dire che in questo momento l'Abruzzo deve riscattarsi con l'aiuto e l'opera di abruzzesi veri,basta trovarli e ce ne sono...ce ne sono.


proporre alle Istituzioni del Sangro-Aventino una gestione pubbico-privata della Sanità
Inserito da  dott. natale pierluigi  il 15/09/2009 alle ore 18:09:13
 n. 23 
venturoni e' stato quasi piegato nella visione di nuove strutture sul territorio,ed e' questo che da fastidio a qualche limitrofo.Via i vecchi presidi ormai obsoleti,nuove strutture moderne e piu accentrate sul territorio,adesso tocca fallo capi' al popolo e ai sindaci locali, che le strutture attuali sono ormai OBSOLETE.Bisogna giocare a rilancio sul territorio sangro aventino adesso, ma non senza Atessa.Il loro silenzio non e'giusto nei confronti del territorio,o forse credono di aver risolto in sordina i loro problemi?ma dove vanno loro con quella struttura del 1800,ma che stanno a fa la prima donna???bisogna rilanciare con nuovi impianti,strutture, bisogna capire che tutto cambia,tutto si ridistribuisce,ma migliorando,Stasera possiamo constatare tutti in televisione,che in 4 4 8 si elevano nuove strutture,3 mesi hanno impiegato,3mesiiiii, e noi qui con richieste ridicole da parte dei comuni,per un che cosa?non ho ancora capito.day surgery,h24,lungadegenza,ma che stiamo a di,la sanita' e' completa su un territorio,poi ci saranno nei grandi centri specializzazioni,ma fondamentalmente deve essere completa e coprire quantomeno quelle esigenze basilari.
Inserito da  glocal  il 15/09/2009 alle ore 19:54:51
Inserisci un commento
Autore
E-mail o Sito Web

Prima dell'invio, inserisci i numeri del codice di sicurezza che vedi apparire qui sotto

Codice di sicurezza

AVVERTENZE da leggere prima di postare i commenti
Non sono consentiti:
1) messaggi inseriti interamente con caratteri maiuscoli
2) messaggi non inerenti al post
3) messaggi pubblicitari
4) messaggi con linguaggio offensivo e/o lesivo nei confronti di terzi
5) messaggi che contengono turpiloquio
6) messaggi con contenuto sessista, razzista ed antisemitico

7) messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

8) messaggi inseriti col copia ed incolla di lunghi articoli


La Redazione di casoli.org si riserva il diritto di rimuovere qualsiasi dato inserito, senza preavviso e senza fornire alcuna motivazione.

In ogni caso, casoli.org non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi e non risponde per eventuali controversie che dovessero insorgere tra gli utenti. Ogni utente è responsabile dei dati che inserisce e ad ogni sua azione corrisponde un indirizzo IP registrato su database.

 
 

casoli.org è un sito pubblicato sotto Licenza Creative Commons

Dove non specificato diversamente, è possibile riprodurre il materiale: non alterandolo, citando sempre la fonte e non traendone vantaggi economici.


Riferimento legislativo sulla privacy

Legge 633 del 22 aprile 1941 e successive modifiche ed integrazioni
Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio
SEZIONE II
Diritti relativi al ritratto.
Art. 97
Non occorre il consenso della persona ritrattata quando la riproduzione dell'immagine è giustificata dalla notorietà o dall'ufficio pubblico coperto da necessità di giustizia o di polizia, da scopi scientifici, didattici o culturali, o quando la riproduzione è collegata a fatti, avvenimenti, cerimonie di interesse pubblico o svoltisi in pubblico.
Il ritratto non può tuttavia essere esposto o messo in commercio, quando l'esposizione o messa in commercio rechi pregiudizio all'onore, alla reputazione od anche al decoro della persona ritratta.


Nota (ndr): per quanto attiene il ritratto di minori, la pubblicazione nei termini e modi indicati nel precedente Art. 97, è vietata solo per i minori coinvolti in vicende giudiziarie (art.13 D.P.R. 22/09/88 n.448 ed art.50 D.L. 30/06/03 n.196, che estende il divieto anche ai casi di coinvolgimento a qualunque titolo del minore in procedimenti giudiziari in materie diverse da quella penale).

Torna in alto |

 

.

 

 
 Cerca nelle News

 

         Cerca nelle FotoNotizie

METEO

"Le tragedie umane non dipendono dalla brutalità del popolo cattivo, ma dal silenzio del popolo buono" (Martin L. King)

 
 
 
casoli.org Mobile
::: LE NEWS DAL WEB :::

::: ARCHIVIO :::

< aprile 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             
FotoNotizie

News - Audio - Video

Amarcord (1)
Ambiente (142)
Ambrosia (44)
Archeologia (23)
Attualità (8)
AudioComune (19)
AudioEventi (2)
AudioOspedale (2)
AudioStoria (10)
Autori (12)
Avvisi (55)
Beni culturali (39)
Calendario eventi (23)
Cinema (30)
Comune (244)
Comunità Montana (11)
Concerti (144)
Concorsi (34)
Corsi (22)
Cronaca (81)
DiversAbili (41)
Emigrazione (23)
Eventi (441)
Foto FB (6)
Internet (19)
Interviste (9)
Lavoro (8)
Libri (114)
Menu (1)
Mostre (46)
Musei (1)
Musica (36)
Ospedale (196)
Politica (44)
Recensioni (6)
Regione (16)
Solidarietà (36)
Spettacoli (82)
Sport (84)
Storia (81)
VideoAmarcord (4)
VideoAmbiente (16)
VideoAmbrosia (10)
VideoAntropologia (1)
VideoArcheologia (11)
VideoAttualità (13)
VideoBeniCulturali (6)
VideoCartoline (5)
VideoClip (1)
VideoConcerti (70)
VideoConsiglio (6)
VideoCronaca (39)
VideoEmigrazione (4)
VideoEventi (34)
VideoFeste (12)
VideoFolclore (5)
VideoInterviste (4)
VideoLibri (18)
VideoMeteo (5)
VideoMusica (5)
VideoNatura (4)
VideoOspedale (50)
VideoReligiosi (20)
VideoSolidarietà (8)
VideoSpettacoli (30)
VideoSport (20)
VideoStoria (42)
VideoTradizioni (10)
Vignette (12)


Catalogati per mese:
Luglio 2002
Agosto 2002
Settembre 2002
Ottobre 2002
Novembre 2002
Dicembre 2002
Gennaio 2003
Febbraio 2003
Marzo 2003
Aprile 2003
Maggio 2003
Giugno 2003
Luglio 2003
Agosto 2003
Settembre 2003
Ottobre 2003
Novembre 2003
Dicembre 2003
Gennaio 2004
Febbraio 2004
Marzo 2004
Aprile 2004
Maggio 2004
Giugno 2004
Luglio 2004
Agosto 2004
Settembre 2004
Ottobre 2004
Novembre 2004
Dicembre 2004
Gennaio 2005
Febbraio 2005
Marzo 2005
Aprile 2005
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021

Ultimi commenti:
Online sociology essay writing...
08/06/2020 alle ore 09:18:15
Inserito da Sociology Assignment Writ
Il sindaco resta a casa, ma i ...
03/04/2020 alle ore 13:41:15
Inserito da nico menna
qual' è il protocollo di profi...
03/04/2020 alle ore 10:52:43
Inserito da H
vi sembra una cosa normale il ...
08/07/2019 alle ore 13:01:16
Inserito da star dust
MOVE ONE... ottima osservazion...
13/04/2019 alle ore 12:41:20
Inserito da casoli.org
Spiegate anche, perché tenete ...
11/04/2019 alle ore 08:48:07
Inserito da MOVE ON
ATTENZIONE!! In seguito al suc...
30/12/2018 alle ore 17:34:26
Inserito da casoli.org
Complimenti alla bella organiz...
07/10/2018 alle ore 13:56:50
Inserito da Maria Menna- Roma
http :// www . mednat . org /s...
12/09/2018 alle ore 12:50:06
Inserito da R.B.
Faccia un ulteriore sforzo, um...
12/09/2018 alle ore 12:40:26
Inserito da regno bacteria

Valid xhtml 1.0 / css